Spazio Nero-Avorio

C’è un universo nascosto nei contrari e negli opposti; esso si svela nel moto dell’accorgersi e diventa tutto d’un tratto meraviglia.
Ci siamo persi nel semplicistico e nelle parole usate a caso, ci siamo immersi in programmi assurdi che non ci attrezzano al nuovo e al miracolo. Ci siamo confusi e dispersi nelle trame delle parole.
Se è vero il vero, lo è anche il suo contrario… Monia nel meraviglioso mondo delle contraddizioni.

Monia Zanon

Monia Zanon

146. COSA MI STA SUCCEDENDO?

Cosa mi sta succedendo?

Dolori articolari? Nausea, senso di stordimento? Mancanza d’equilibrio e una infinita spossatezza? Ciclo mestruale anomalo, astenia, mal di testa? Attraversi momenti in cui hai una intensa fase di sonno con sogni vividi, intercalati da apparente assenza di vita notturna, in cui ti svegli nella stessa posizione di come ti sei addormentato?

Tranquillo! Tutto ok! Questa volta non è solamente primavera! Trattasi di maestose, smisurate, mega coincidenze cosmiche, spirituali, stagionali, climatiche, astrali, chimiche!

Facciamo un po’ di ricerca insieme

Caro viandante, ti senti uscito dal “tritatutto” e ti vogliono far credere si tratti di banale cambio di stagione? Secondo me sono davvero molte le con-cause protagoniste di questa “sindrome” di cui sembra colpita tre quarti della popolazione!

È accaduto e sta accadendo, a mio avviso, un fenomeno molto interessante che colpisce soprattutto le donne, che con la loro ciclicità sono più vulnerabili, e chi è particolarmente sensibile. Me ne sono accorta da circa un paio di settimane in cui ho faticato parecchio a trovare le forze per adempiere anche alle funzioni più blande, come accompagnare mia figlia a scuola o rassettare casa al mattino prima di iniziare a lavorare; persino fare la spesa mi era diventato pesante, quasi una impresa ciclopica! Naturalmente, neanche a parlarne di andare in palestra o tenere conferenze pubbliche!

Insospettita, e in osservazione, ho messo qualche giorno fa su Facebook il seguente post, al quale mi hanno risposto in neanche 20 ore dalla pubblicazione oltre centocinquanta persone, per lo più donne, ma anche diversi uomini: “Una domanda: quante donne questo mese hanno avuto un ciclo strano o in ritardo? Altra domanda: come vi sentite da lunedì scorso? Manifestate astenia, mal di testa, debolezza in genere e/o indolenzimenti alla schiena, come un post allenamento? Sto facendo una indagine che mi riguarda. Grazie”

Le email che mi sono arrivate e tutt’ora mi arrivano sembrano fotocopiate, cioè lamentano di sintomatologie che sembrano ricalcate con la carta velina! Ho iniziato così la mia indagine,che, anche se del tutto da profana, riporta dei dati effettivamente reali che si sono semplicemente accavallati. Coincidenza? Caso? Fatalità? Beh, sapete che ne penso a riguardo: il caso non esiste!

Un inverno anomalo

Partiamo con le nostre osservazioni da lontano, caro viandante, in cui abbiamo avuto di certo uno degli inverni più anomali che io ricordi in 41 anni di vita! L’inverno mite può senz’altro risultare piacevole, ma in una situazione geografica nella quale esistono quattro stagioni, la mancanza di una di queste fasi implica disastri visibili solo in seguito. Il corpo umano (oltre alla fauna e alla flora che sono provate da tale cambiamento) percepisce la diversità e dovrà adeguarsi come può, come sa fare.

HAARP e il controllo climatico

Proseguiamo le nostre osservazioni, caro lettore, rilevando un intenso periodo in cui ho potuto osservare (e spero te ne sia accorto anche tu) nei nostri cieli (e “nostri” è diventata davvero una parola grossa, dato che questa fantomatica sovranità dei cieli sembra sia stata persa con l’ultima guerra mondiale) scie rilasciate da aerei, che di condensa hanno davvero poco.  Mi riferisco al progetto in essere per il controllo climatico denominato HAARP, di cui l’effettiva esistenza non lascia più alcun dubbio (puoi trovare maggiori informazioni in rete).

Proprio di recente vengo a conoscenza attraverso internet della notizia di una scoperta astronomica: il ricercatore inglese Stephen Hannard di ADG (Alien Disclosure Group) ha presentato una immagine che è stata rilasciata dal Brasilia Planetarium e che mostra un oggetto, o comunque una anomalia di enormi proporzioni, a forma di disco, che si presenta sopra l’atmosfera della Terra.  È stato stimato che il disco possieda un diametro di circa 3000 miglia (quasi 5mila km), ed è stato fotografato dagli astronauti della Stazione Spaziale Internazionale…

“Se guardate in basso a sinistra dell’immagine – commenta Stephen Hannard – si può vedere una formazione di nubi che passa sopra la parte superiore dell’anomalia. Ciò indica che l’oggetto non è una proiezione sulla Terra. Non ho idea di che cosa questo oggetto sia, posso solo fare delle ipotesi, a questo punto. Ho contattato il Planetario per ulteriori chiarimenti in merito alla presentazione e pubblicherò un aggiornamento quando ricevo una risposta dettagliata.”

Ovviamente, osservando queste immagini, ci poniamo delle domande: questa anomalia può essere frutto di un esperimento HAARP? Oppure si tratta di un anomalia magnetica del pianeta? Attendiamo risposte dall’Osservatorio e dal ricercatore Stephen Hannard. (Fonte: beforeitsnews.com)

Alcune voci in rete affermano possa trattarsi di un test nucleare coreano; quel che è certo è che un effetto sul nostro corpo, sui nostri bio-ritmi, si sente eccome, e non serve essere dei geni per collegare gli eventi.

È arrivata una anticipata primavera

Proseguiamo le nostre valutazioni, caro lettore, con l’arrivo di una primavera che abbiamo vissuto in modo del tutto anticipato, con sbalzi climatici repentini ai quali il nostro corpo deve adeguarsi. Anche questo, quindi, può influire fortemente su umore, bioritmi ecc.

Cambio dell’ora legale: che sia proprio un vantaggio?

Il cambio dell’ora legale che si è effettuato a fine marzo ha dato senz’altro il colpo di grazia, andando a mettere mano ai cicli di sonno, alle abitudini alimentari… alle nostre vite, insomma! Sono sempre più convinta che questo sistema che era stato pensato per ottenere più luce, sia più dannoso che altro e persino poco ecologico. Le ore guadagnate di luce, infatti, saranno comunque spese in elettricità per alimentare i condizionatori che a breve troveremo in ogni centro commerciale, ufficio e negozio.

La Terra trema

Il pianeta ha ricominciato da mesi a tremare in varie località italiane e del mondo; può essere che sia un modo che la stessa cara madre Terra trova per reagire a tutto ciò che le stiamo facendo, ma quel che è ancora più certo è che, quando lei si scuote, noi lo facciamo con lei! Sarà sempre più chiara l’interconnessione che l’uomo ha con Gea, la Terra, e ci muoveremo, spero, sempre più in sintonia con lei, non pià con le bende sugli occhi a zapparci sui piedi!

Cambiamenti spirituali

Sembra esistere una ulteriore fase che si sta unendo a questi numerosi fattori: alcuni sensitivi affermano che un “sistema divino” stia cambiando i nostri file interni mentre dormiamo, e che gli indolenzimenti vari, i mal di testa e la nausea siano semplicemente una reazione energetica, diciamo così, in risposta a tali innesti.

Insomma, quel che è certo è che non ci troviamo di fronte solo a “fattori naturali”, ma con serenità siamo chiamati a essere sempre più in ascolto, assecondando i bisogni del nostro corpo .

Quel che risulta lampante è che è necessario un grande atto di presenza a noi stessi. Con una migliore capacità di vegliare su di noi, sulle nostre esigenze, su ciò che ci sta accadendo, possiamo avere una evoluzione migliore, sempre più presente ai cambiamenti che sono molto più veloci di anni fa e sostanzialmente di vario genere. Siamo chiamati tutti a essere di più e meglio, e tutto quello che sta accadendo, nel male o nel bene, sembra una ottima palestra di apprendimento.

Praticare atti giornalieri di presenza a noi stessi

Grazie ad atti di quotidiana presenza, possiamo aiutarci nell’ascolto di noi e nel nostro risveglio, togliendo potere a quell’intorpidimento catartico di cui risultiamo facili prede attraverso forze-pensiero più potenti di noi, messaggi subliminali, pubblicità e credenze.

Come un gioco, ognuno può trovare ciò che gli piace per essere presente a se stesso. Ci sono infiniti modi, promossi da maestri, illuminati, risvegliati, o semplici ricercatori del risveglio, da praticare giornalmente per essere presenti a se stessi… e ognuno trovi ciò che lo diverte e che più lo aggrada. Gli automatismi solitamente fuorviano dalla presenza, quindi occhio alle abitudini!

Cominciare a cambiare piccole cose che facciamo abitualmente, come per esempio l’uso di alcune parole nel nostro vocabolario quotidiano, può aiutare. Per esempio, io uso una frase che crea un black-out immediato e costringe a essere nel “qui e ora”; si tratta della domanda-affermazione “Chi sta essendo adesso?” Mi propongo questa specie di mantra ogni qualvolta pratico un automatismo: mentre cambio le marce dell’auto, quando bevo o porto cibo alla bocca ecc.

Esercizi di presenza quotidiani aiutano il risveglio e rubano energia al prestabilito e a tutti quei sistemi che ci fanno vivere come zombie, morti viventi, prima ancora di arrivare all’età della ragione!

 

18/04/14
mzb

2 commenti a “146. COSA MI STA SUCCEDENDO?”

  1. cinzia

    cavolo, ach’io le settimane scorse ho avuto forti mal di testa, con senso quasi di svenimento, nausea, debolezza… ma credevo fosse per qualche influenza intestinale per la pillola…. che siaquesto invece? anche il falso ciclo mi è arrivato in anticipo…

    Rispondi
  2. Rita Suprani

    grazie Monia per le tue osservazioni, che condivido, anch’io, sulla mia pelle, specialmente in queste ultime settimane: sonno disturbato, malessere alle ossa e ai muscoli, giramenti di testa, sensazione di febbre, vuoti di memoria, relazioni di “amicizia” che si interrompono senza un perché, il passato che si dissolve, per lasciare spazio ad un nuovo di cui siamo in attesa trepidante, di un nuovo Sè stessi. E sempre più importante è la centratura e il radicamento, in ciò che vogliamo Essere e nei nostri Alti Intenti.

    Rispondi

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook