SOS per l'Anima

Emozioni, Salute, Felicità

Un video-blog interamente dedicato al benessere psicosomatico.

Erica F. Poli

EFP

55. LA GIOIA INTERIORE

La Dott.ssa Erica F. Poli, direttore sanitario del centro EFP Group di Milano, ci parla della gioia.

 

Tra gli argomenti del video:

In genere pensiamo alla gioia come al risultato di situazioni piacevoli.

La gioia interiore è come un sole che continua a esistere anche quando ci sono le nuvole.

Paradossalmente la gioia interiore permette anche il dolore e le lacrime.

La gioia interiore è una condizione nella quale anche in presenza delle nubi, di emozioni considerate negative, permane l’io sono, lo stato di presenza.

La gioia interiore non ha oggetti sui quali proiettarsi, ma è compiuta in sé.

Possiamo praticare la gioia interiore, anche se non sempre è facile farlo perché la tendenza è quella di scappare di fronte a ogni prova.

 

55polibig Libro-Quantica-Poli     poiesis

 

16/03/18
55poli

54. I TRAUMI E LE RETI NEURALI

Erica F. Poli, direttore sanitario del centro EFP Group di Milano, ci parla dei traumi e di come affrontarli.

 

Tra gli argomenti del video:

Il trauma è sempre stato centrale nella psicologia occidentale.

Il trauma è anche un grosso equivoco.

La psicologia occidentale per molto tempo si è posta nei confronti del trauma cercandone il perché e le cause nel passato.

Le reti neurali del cervello vengono rinforzate ogni volta che parliamo di quello stesso argomento. In un certo senso più cerchiamo il perché di un dato disturbo e più andiamo a rafforzare la rete neurale che lo sostiene.

Il trauma ha sicuramente un ruolo importante nel plasmare il nostro modo di reagire e il tipo di difese che mettiamo in campo.

Non ha senso focalizzarsi sul perché, e non è neanche sicuro che lo troveremo, perché esistono memorie di carattere non verbale.

A fare la differenza è come noi, nel qui e ora, mostriamo di rispondere alle nostre emozioni e ai nostri vissuti.

Il trauma si affronta nel momento dell’adesso e attraverso il corpo. Il corpo, infatti, non dimentica, ricorda ogni cosa, ma al di là delle parole.

Laddove l’energia è bloccata o repressa, vi è la memoria di un trauma. E non ci interessa sapere il perché sia accaduto, ma di integrarlo attraverso un nuovo assetto di connessione con i nostri vissuti.

L’interesse viene dato alla persona e alle sue modalità di integrare quello di cui fa esperienza.

Guardare al trauma in questo modo ci libera dai sensi di colpa o dalla necessità di cercare sempre qualcuno o qualcosa da accusare per come ci sentiamo.

Quello che conta veramente è come stiamo ora e cosa possiamo fare per noi stessi in questo momento.

Questo modo di procedere parte dal corpo e dal sentire.

Vivere invece nell’archetipo della vittima, non ci permette mai di avere il nostro potere.

54-poli

 

 

Libro-Quantica-Poli     poiesis

 

13/02/18
54-poli-sq

53. AFFRONTARE LA PERDITA E IL LUTTO

Erica F. Poli, direttore sanitario del centro EFP Group di Milano, ci parla di un argomento difficile: il lutto.

 

Tra gli argomenti del video:

Il lutto è la perdita di un oggetto della relazione.

Quando subiamo un lutto è come se perdessimo una parte di noi.

Superare il lutto significa ritirare e riportare a noi quella parte che avevamo messo nell’altra persona e che ora non c’è più, ma anche in un progetto, in una situazione.

Viviamo in un’era che rifugge il lutto e la perdita. In passato c’era maggiore attenzione al lutto attraverso dei rituali.

Il lutto è un processo che ha delle fasi.

La prima fase è di negazione e dissociazione.

Segue il contatto con il dolore e la sensazione che ne consegue, come il senso di vuoto oppure la rabbia.

Nel momento in cui ci concediamo di vivere tutte le emozioni, senza giudicarle, allora tutto può cambiare.

La Dott.ssa Greco del centro EFP Group aiuta le persone ad affrontare i processi connessi al lutto e alla perdita.

Non siamo qui per essere persone tiepide o che rimangono solo alla superficie del fare, ma per essere degli esseri senzienti e intensi.

Allora il lutto può diventare un rito, per quanto doloroso, che ci può portare a una nuova ricchezza.

Erica F. Poli

videocorso-Poli-Perdono poli-lutto

19/01/18
poli-lutto-sq

52. L’ANSIA

La Dott.ssa Erica F. Poli, direttore sanitario del Centro di Terapie Integrate EFP Group di Milano, ci parla dell’ansia e dei suoi correlati somatici.

Tra gli argomenti del video:

L’ansia non è una emozione ma uno stato aspecifico collegato al vissuto emotivo. Accompagna le emozioni quando non siamo abituati a farle fluire in noi. L’ansia è dunque un segnale che ci permette di riconoscere qualcosa dentro di noi.

In Canada è normale valutare le vie di scarico somatiche dell’ansia e tale conoscenza viene applicata nei reparti ospedalieri e anche al pronto soccorso.

L’ansia può scaricarsi a livello somatico attraverso alcuni comparti.

Il primo comparto è la muscolatura striata, ossia volontaria. Infatti quando siamo agitati ci sentiamo più tesi e contratti nella muscolatura.

Ci sono cervicalgie e lombalgie che sono espressione di uno scarico di ansia, collegato a emozioni bloccate o represse.

Esiste dunque una correlazione tra questa via di scarico e la comparsa di disturbi come algie varie o fibromialgia.

Un’altra via di scarico è la muscolatura liscia, che è quella involontaria e riguarda i visceri. Il nostro corpo può scaricare le emozioni attraverso la muscolatura non solo degli organi interni ma anche vescicale o dei vasi di tutto il corpo.

Il comparto del sistema nervoso riguarda invece i fenomeni di alterazioni cognitive o percettive, come il senso di instabilità, la visione offuscata, problemi con l’equilibrio, la perdita di energia.

La metodologia che viene applicata al centro EFP Group di Milano, diretto dalla stessa Dott.ssa Poli, comprende una tecnica che si chiama ISTDP e che lavora sulla possibilità di contattare le emozioni nel corpo, evitando in questo modo che venga scaricata attraverso i comparti che abbiamo visto.

Il messaggio dell’ansia e delle problematiche a esse connesse è un messaggio che ci chiede di ascoltare quali emozioni si muovono nel nostro corpo, non in modo (solo) simbolico, ma in modo scientificamente validato che invita al contatto di tutti gli aspetti di sé.

52-ansia-poli-big

 

Libro-Quantica-Poli     poiesis

 

12/12/17
52-ansia-poli

51. L’ANALISI EMOTIVO-COMPORTAMENTALE

La Dott.ssa Erica F. Poli, direttore sanitario del Centro di Terapie Integrate EFP Group, ci parla dell’Analisi Emotivo-Comportamentale.

 

Tra gli argomenti del video:

L’Analisi Emotivo-Comportamentale è parte dei protocolli del centro EFP Group, ed è opportuna soprattutto in situazioni di terapie di coppia, terapie famigliari e in ambito forense.

Si tratta di un’analisi messa a punto da Paul Ekman, basata sulle microespressioni facciali, che sono collegate alle emozioni.

Esistono emozioni di base, dette primarie, che sono universali, indipendenti dalla razza e dalla cultura, e che si manifestano attraverso microespressioni facciali, cioè espressioni che compaiono sul volto per un tempo rapidissimo, difficile da cogliere in maniere cosciente.

L’Analisi Emotivco-Comportamentale può essere applicata in tutte le situazioni in cui è importante avere elementi oggettivabili riguardanti il vissuto emotivo della persona al di là di quello che ci dice con le parole.

L’applicazione nel campo forense è altrettanto importante. Non significa che si è in grado di stabilire se una persona menta o meno, ma quanto sia credibile quello che sta affermando.

Dal punto di vista terapeutico l’Analisi Emotivo-Comportamentale è utile nelle situazioni conflittuali nella coppia o nella famiglia; ci permette di stilare un profilo emotivo degli individui e della loro interazione.

In alcuni casi, il solo avere individuato e rispecchiato ai membri della coppia o famiglia quali erano le loro emozioni nascoste, che comunque agiscono nella relazione, ha portato a straordinari cambiamenti.

 

51-polib

 

 

Libro-Quantica-Poli     poiesis

 

24/11/17
51-poli-sq

50. PSICO-ONCOLOGIA: FACCIAMO CHIAREZZA

Erica F. Poli ci parla di psico-oncologia, uno dei percorsi disponibili al suo centro “EFP Group” di Milano.

 

Tra gli argomenti del video:

Con psico-oncologia inizialmente si intendeva solo il ruolo supportivo del percorso psicologico per aiutare le persone ad affrontare una patologia tumorale.

L’intervento psicologico di sostegno è volto a gestire le angosce, la paura, il senso di potenza e anche le difficoltà di comunicazione che il paziente oncologico ha con la famiglia e il mondo intorno a sé.

Nel tempo sono sorte evidenze scientifiche di come la psiche abbia un ruolo importante anche nelle manifestazioni patologiche. Queste evidenze sono ancora controverse perché non è possibile stabilire un’equazione netta tra presenza di un conflitto emotivo e insorgenza di una determinata patologia.

In ogni caso, in un’ottica integrata la patologia in genere non può essere scissa solo come derivante da situazioni somatiche o psicologiche.

La posizione più adeguata e che viene suggerita al Centro EFP Group di Milano è quella di una seria integrazione.

In psico-oncologia non abbiamo la pretesa di trovare dei fattori psichici o emotivi che siano la causa della patologia oncologica , però ci sono evidenze del ruolo importante dell’aspetto emotivo anche per quanto riguarda la genesi delle patologie.

Allo stesso modo, anche la risposta alle cure può essere collegata allo stato mentale ed emotivo della persona.

Come medici integrati, considerando anche il fatto re emotivo significa che diamo una chance in più per potenziare la risposta alle terapie.

Dunque la psico-oncologia non solo offre un sostegno, importantissimo, al malato oncologico, ma affronta il fattore emotivo in correlazione alla genesi, al mantenimento o remissione della patologia.

L’oncologia del futuro presta attenzione al sistema immunitario, sapendo che su esso agiscono non solo i farmaci ma anche fattori mentali ed emotivi.

50-POLI-PSICO-ONCOLOGIA

 

Tra i video-corsi della Dott.ssa Poli segnaliamo:

Videocorso-EFP-Therapy-Poli-Colpa     Videocorso-EFP-Therapy-Vergogna-Poli

25/10/17
50-POLI-PSICO-ONCOLOGIA

49. PREVENZIONE INTEGRATA

Erica Poli ci parla di prevenzione integrata e di come si svolge al suo centro “EFP Group” di Milano.

 

Tra gli argomenti del video:

Si può fare una prevenzione dal punto di vista della medicina integrata?

La medicina integrata è un modo di fare medicina che integra i diversi aspetti della persona, dal corpo alla mente e all’anima.

Il medico integrato si interroga sul reale significato di un sintomo considerandolo non solo nel contesto dell’organo in cui si manifesta ma come frutto di uno squilibrio più profondo.

La malattia, infatti, non è un evento statico ma un processo che ha inizio da prima che la malattia stessa si manifesti.

Fare prevenzione vuol dire disporre di una visione e di strumenti che si occupano di quei piani non visibili dove il sintomo ancora non si è manifestato o dove possiamo individuare un disagio o degli atteggiamenti disfunzionali.

49-poli

Al centro EFP Group diretto dalla Dottoressa Poli a Milano si lavora dal punto di vista della prevenzione integrata considerando entrambi gli aspetti fisici e psicologici della persona.

Si interviene sul piano fisico, per esempio, attraverso una corretta nutrizione individuata dallo studio del terreno genetico.

Per valutare lo stato energetico si può valutare lo stato ossidativo, la presenza di radicali liberi e la tendenza all’infiammazione attraverso strumenti che utilizzano radiofrequenze, campi magnetici e il fenomeno della bio-risonanza.

Anche il versante dei pensieri e delle credenze è molto importante, per questo al centro EFP Group c’è la possibilità di fare una mappa dei propri conflitti.

Le esperienze dei primi anni di vita costruiscono dei binari preferenziali dentro di noi, ma noi siamo il frutto anche di una genealogia, per questo una consulenza psico-genealogica aiuta a identificare quei copioni che sono già presenti nella nostra linea ereditaria.

I nostri pensieri creano la realtà, anche se non ce ne rendiamo conto. Individuare le credenze e le convinzioni limitanti è anch’esso un intervento preventivo di valore, perché un destino inizia dal proprio modo di pensare.

Per maggiori informazioni sul centro EFP Group diretto a Milano dalla Dott.ssa Erica F. Poli visitare il sito www.ericapoli.it

 


È uscito il nuovo video-corso di Erica F. POli “EFP Therapy – Tristezza”. Tutte le info a questo link.

EFP Therapy 01 TRISTEZZA

 

21/07/17
49-poli-quadrato

48. EMOZIONI, INCONSCIO, SALUTE

Le emozioni sono la porta di accesso diretto all’inconscio e allo stesso tempo sono un fenomeno psiconeuroendocrinoimmunologico. Ce ne ha parlato la Dott.ssa Erica F. Poli al convegno “La Prevenzione in Medicina alla luce della PNEI (Psico-Neuro-Endocrino-Immunologia)”, a Milano il 25 febbraio 2017.

Riportiamo un estratto del convegno nel video qui sotto. Il video si apre con l’intervento del Prof. Vincenzo Soresi che ci parla della relazione mente-corpo alla luce della PNEI, dopo il quale segue la relazione della Dott.ssa Poli e infine di Federica Varone, danzaterapeuta.

Buona visione!

 

 

blog-erica-48

 

Libro-Quantica-Poli    Libro-Anatomia-Coppia-Poli

Credits Img

3/07/17
blog-erica-48

47. LA FISICA DELL’AUTO-GUARIGIONE

Le più recenti acquisizioni di neuroscienze e fisica quantistica ci riconducono all’antico principio per il quale noi siamo un campo energetico emotivo, che si manifesta per mezzo di un corpo. Ne parlo nel video qui sotto, ripreso al 3° Convegno di parapsicologia “I Sentieri Infiniti” svolto a Mendrisio (Svizzera) il 18 febbraio 2017 e organizzato dal centro Intuizia di Slavy Gehring.

Buona visione!

Erica F. Poli

 

Videocorso-Sessualita-Poli-Brizzi Libro-Quantica-Poli

 

Credits Img

 

7/06/17
47-poli

46. AMORE QUANTICO

L’universo è dentro di noi come noi siamo dentro l’universo. Le leggi che regolano ogni cosa sono le Leggi dell’Amore.

Diventare “uno con tutto” non è solo un pensiero filosofico ma una realtà scientifica. Oggi, infatti, sappiamo che esiste un campo che sottende ogni cosa e sappiamo anche che ciascuno di noi può fare la sua parte e avere un’influenza sulla realtà che vive. L’universo, infatti, è come un ologramma dove ogni singola parte è espressione della totalità e viceversa.

Se vogliamo cambiare la nostra realtà, non dobbiamo restare sul livello della mente, ma accedere a un piano energetico dove tutto questo diventa possibile…

Ne parlo al BeautifulDay 2017 con un intervento riportato in questo video.

 

Erica F. Poli

Libro-Quantica-Poli

 

5/05/17
amore-quantico