Spazio Nero-Avorio

C’è un universo nascosto nei contrari e negli opposti; esso si svela nel moto dell’accorgersi e diventa tutto d’un tratto meraviglia.
Ci siamo persi nel semplicistico e nelle parole usate a caso, ci siamo immersi in programmi assurdi che non ci attrezzano al nuovo e al miracolo. Ci siamo confusi e dispersi nelle trame delle parole.
Se è vero il vero, lo è anche il suo contrario… Monia nel meraviglioso mondo delle contraddizioni.

Monia Zanon

Monia Zanon

45. L’ATTIMO FUGGENTE

Con la Pasqua siamo andati a vivere la fine di un ciclo, e forse molti di noi se ne saranno accorti in modo poco piacevole, con stanchezza e fatica mentale e psicologica.

Ora con questa nuova settimana avremo la possibilità di dare inizio a una nuova realtà nelle nostre vite, ma questi intercali di energia potrebbero stabilizzarsi se solo ce ne accorgessimo.

In verità, infatti, nulla finisce e nulla inizia, averne consapevolezza aiuta a spostare la nostra attenzione, ad andare oltre, a non fare più parte di un gioco di pieni e di vuoti.

Lo scultore può dai pieni ricavare la sua opera, ma non potrà insegnarti a vedere coi suoi occhi.
Ecco che ognuno di noi se ne potrà accorgere al momento giusto.

Ci sarà un attimo in cui noi smetteremo da soli di camminare nello stesso modo, di cantare la stessa musica, di alimentarci delle stesse cose…

…in modo del tutto naturale andremo oltre per esigenza.

Sarà bello essere testimoni di questo attimo fuggente, di ciò che ci accade e sentirci in questo modo stranamente ispirati, guidati, plasmati dalle mani dell’infinito Amore, che attende placido il nostro evolvere…

Benedizioni!

26/04/11
45. L'ATTIMO FUGGENTE

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook