Navigando nelle infinite possibilità dell'essere

52. GLI ADULTI INDACO

14/06/11

Caro viandante è già da tempo nota, e ne abbiamo parlato in precedenti post, la realtà dei bambini indaco, ma ora questa nuova razza mutante è adulta.

Si tratta quindi di realizzare questo: non abbiamo più a che fare con energie grandi in un contenitore piccolo, ma bensì di ex bambini indaco, oramai ben cresciuti e immersi in profondi disagi esistenziali in cui molto di ciò che vivono, di sé e del mondo, gli sta stretto.

52Essi hanno la possibilità di usare i sensi in modo nuovo; riescono a pensare per immagini, parlare per immagini. Prima di parlare, infatti, visionano cioè che vogliono dire. Essi usano i sensi interni in un modo che ha dell’incredibile e possono, solo per contaminazione, attivare altre persone. Chi ha l’energia più forte contamina l’altro. Ciò funziona per le frequentazioni tossiche, ma anche per quelle nutrienti.

Osservare questa possibilità e integrare chi non è già attivato con chi lo è, creerà un fenomeno di massa che andrà a migliorare la razza umana.

Servono delle guide forti che dirigano gli adulti indaco e che li incanalino. Gli indaco hanno bisogno di punti fermi per la loro crescita. Anche chi è già pienamente in questa vibrazione, deve muoversi verso l’integrazione delle nuove risorse che ha accumulato. Rimanere immobili sotto l’etichetta “sono un indaco” non farà accadere nulla.

Nessuno ha mai realizzato niente di grande standosene immobile!

Il 18 settembre 2011 a Jesolo, Venezia, con l’alleanza del canale Italiano di Kryon, Angelo Picco Barillari, andremo a creare un seminario per potenziare gli adulti già attivati e connettere con la fase successiva quelli che già sono indaco, cristallo, arcobaleno.

Per informazioni e per l’invio di un test esclusivo, “Sono un adulto indaco”, appositamente ideato da me e da Kryon scrivere a info@spiritualelos.com

Nel video qua sotto, spiego meglio il discorso sui bambini e sugli adulti indaco:

http://youtu.be/4lY4ELdjApU..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Lascia un commento con Facebook