Spazio Nero-Avorio

C’è un universo nascosto nei contrari e negli opposti; esso si svela nel moto dell’accorgersi e diventa tutto d’un tratto meraviglia.
Ci siamo persi nel semplicistico e nelle parole usate a caso, ci siamo immersi in programmi assurdi che non ci attrezzano al nuovo e al miracolo. Ci siamo confusi e dispersi nelle trame delle parole.
Se è vero il vero, lo è anche il suo contrario… Monia nel meraviglioso mondo delle contraddizioni.

Monia Zanon

Monia Zanon

120. COME MI LIBERO DALLA TENSIONE?

Caro viandante,

questa settimana vorrei parlarti di meditazione e preghiera e di quanto questa sia difficilmente sostenibile nella frenesia del mondo odierno. Uno dei nemici più terribili nell’approccio alla pratica della preghiera e della meditazione è la tensione. Essa è prodotta dal rumore della nostra mente, da ciò che crediamo sia vero, da ciò che temiamo, proiettandoci nel passato e nel futuro in maniera continua e pressante.

Sarà utile tornare all’origine, viandante, e per farlo sarà necessario capire come funzioniamo.
I sensi sono le nostre meravigliose finestre che si affacciano sul mondo, essi comprendono e immagazzinano dati silenziosamente, ma in modo importante e straordinario.
Ecco che tornare all’osservazione dell’attività di comprensione dei sensi è straordinariamente rilassante e riappacificante, andando così a placare il vespaio della nostra testa, nel nostro mondo interiore caotico e frastornante.

Esercizi che riportano all’ascolto dei sensi non sono mai abbastanza, sarà opportuno, quindi, ogni volta che se ne ha l’occasione, porre attenzione all’ascolto presente dei sensi: conosciamo molte cose, eppure pochi di noi pongono attenzione al sapore della propria bocca chiusa. Siamo tempestati di suoni e stimolazioni sonore di ogni tipo e genere, ma pochi di noi riescono ad accorgersi del tamburo del cuore nelle proprie orecchie o nella giugulare. Vediamo una infinità di colori, luci e forme, ma quasi nessuno riesce ad accorgersi dell’effetto che tale luce, colore o forma ha sul suo equilibrio interiore.

Torniamo all’ascolto dei nostri sensi, viandante! Saremo in questo modo sempre centrati sull’adesso!
Strappando momenti autentici alla nostra caotica giornata di autentica presenza, potremo schivare quel sistema che ci “porta” alla parte posteriore del nostro cervello. Questa area cerebrale è quella in cui risiedono iprogrammi già prestabiliti: il sistema che viene prodotto in questa zona ci induce a utilizzare vecchi modi d’agire, rispetto a nuovi modi di risoluzione, trasportandoci in tal modo nel futuro e nel passato, bypassando completamente l’unico tesoro che possediamo: l’adesso!
Vorrei ricordare che in un passo del Vangelo, il grande Gesù diceva che è inutile affannarsi per il domani, poiché esso avrà già le sue inquietudini.(cfr. Mt 6,33-34)

Buona accorgersi, viandante!

3/04/13
120. COME MI LIBERO DALLA TENSIONE?

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook