La Sapienza Dimenticata

La Sapienza dimenticata recupera lo spirito sapienziale di quei pensatori che, dalla Grecia Arcaica fino a oggi, hanno riconosciuto il nesso inscindibile che lega tutte le singole conoscenza in un’unica forma compiuta: la Sapienza, attraverso le parole di testi e autori ormai dimenticati, spesso dalla stessa storiografia filosofica. Un’operazione fondamentale, ai giorni nostri, per recuperare lo spirito “vissuto” del sapere, inteso non solo come un apprendimento passivo di nozioni, né la mera abilità di produrre nuove invenzioni tecnologiche, ma come una condizione dello spirito in grado di nobilitare l’uomo.

Daniele Palmieri

 

Daniele-Palmieri2

04. IL VANGELO APOCRIFO DI GIACOMO E IL PRESEPE

Il presepe è una delle tradizioni natalizie più note, ma pochi ne conoscono l’origine estetica, le relazioni e i retroscena che si celano dietro la nota immagine della grotta, di Giuseppe, Maria, Gesù, il bue e l’asino e i Re Magi. Alcuni di questi elementi sono presenti nei Vangeli canonici; di altri, invece, non vi è traccia; qual è la loro origine?

A diffondere la tradizione del presepe fu San Francesco, ma l’iconografia del presepe ha una storia ben più antica che affonda le sue radici non soltanto nei Vangeli canonici, ma soprattutto in quelli apocrifi, ossia non inseriti nel canone biblico. Tra essi, uno dei più importanti è il Protovangelo di Giacomo; testo fondamentale poiché, seppur con un tono fiabesco, tramanda informazioni sull’origine e l’infanzia di Gesù mai citate negli altri Vangeli.

Anzitutto, una delle idee più diffuse, e che sorge spontanea nell’osservare il presepe, è che Giuseppe e Maria siano marito e moglie, separati soltanto da qualche anno d’età. Il Protovangelo di Giacomo, invece, rivela che le cose sono molto diverse.

In esso, oltre all’infanzia di Gesù, si narra anche quella di Maria e qui si scopre che ella nacque a sua volta da un parto verginale; elemento di importanza teologica fondamentale, assunto poi anche dal dogma cattolico, poiché l’immacolata concezione ha permesso a Maria di nascere scevra dal peccato originale, tramandato attraverso il sesso di generazione in generazione, e dunque unica donna degna di accogliere il Salvatore nel proprio ventre.

Tornando al racconto, per rendere grazia a Dio del miracolo ricevuto (giacché entrambi erano sterili), i genitori di Maria, Anna e Giacchino, la affidarono a un Tempio ebraico in cui Maria crebbe fino ai dodici anni circa, quando dovette lasciarlo per il sopraggiungere del ciclo mestruale.

Chiaramente Maria non poteva essere lasciata a se stessa, doveva essere affidata a qualcuno di fidato, e i maestri del Tempio scelsero Giuseppe; un uomo ormai anziano, vedovo e con figli, una persona rispettabile e degna di fiducia, che non fu mai dunque il marito di Maria ma che invece ne fu esclusivamente il tutore. Da qui deriva la grande discrepanza di età che è possibile scorgere in alcuni presepi in cui, effettivamente, Giuseppe sembra molto più vecchio di Maria; inoltre, il fatto che Giuseppe fosse già sposato e con figli permette di comprendere l’identità dei “fratelli di Gesù” citati nei vangeli canonici; si tratterebbero, infatti, dei figli di Giuseppe, “fratellastri” di Cristo.

Sempre il Protovangelo di Giacomo narra l’iniziale scandalo suscitato dal concepimento verginale di Maria, poiché i sospetti caddero subito su Giuseppe, che dovette anche testimoniare la propria innocenza e difendersi di fronte ai maestri del Tempio, per convincerli di non aver avuto alcun rapporto sessuale con Maria.

La nota fuga a cavallo dell’asino verso Betlemme non fu dovuta, dunque, soltanto dalla persecuzione di Erode, ma anche dalle dicerie che correvano sul loro conto e proprio a Betlemme, dopo essere stati cacciati da ogni rifugio, approdano alla famosa grotta, che mai viene citata nei Vangeli canonici, e che è descritta per la prima volta nel Protovangelo di Giacomo, con tutti gli elementi di rito ormai entrati nell’immaginario collettivo.

Luogo quanto mai inospitale che, tuttavia, l’aurea divina e la nascita di Cristo riescono a rendere accogliente, caldo, sicuro e dotato di una propria luce, derivante proprio dalla forza di resistere a tutti i dolori dell’esistenza e all’intricato cammino.

Lungi dal “rovinare” lo stereotipo classico del presepe, tutti questi elementi non fanno che dotarlo di una ancora maggiore umanità, restituendo l’immagine di un presepe ancora più intimo e vicino alla vita di ogni giorno e ai travagli di ogni uomo, simbolo non solo di perpetua speranza ma anche dell’eterna lotta degli “ultimi”, destinati a combattere per guadagnare il proprio posto nel mondo ma eternamente vegliati dalla luce della stella cometa.

Daniele Palmieri

04-palmieri

 

Daniele Palmieri è autore del libro Autarchia Spirituale

Libro-Palmieri-Autarchia

Lunedì 18 dicembre 2017 Daniele Palmieri conduce a Milano la serata Filosofia e Spiritualità con Camilla Ripani. Tema dell’incontro: Liberarsi dal superfluo. Maggiori dettagli qui.

15/12/17
04-palmieri

03. PLUTARCO E IL SOGNO COME SINTOMO…

PLUTARCO E IL SOGNO COME SINTOMO DELLA MALATTIA DELL’ANIMA

Plutarco fu uno dei filosofi antichi che più di tutti seppe coniare la speculazione filosofica con l’esigenza della vita pratica. La sua attività teoretica e speculativa sul significato e lo scopo della filosofia è sempre accompagnata da un impegno pratico, in grado di rendere la filosofia una forma di sapere vissuto…

Gli esempi più interessanti e più attuali della filosofia pratica di Plutarco sono i Moralia, una raccolta di saggi di argomenti più disparati ma che, nella maggior parte dei casi, si occupano dei problemi di vita comune. Spesso i suoi brevi saggi, come La loquacità, La passione della ricchezza, Invidia e odio, La curiosità, Sul controllo dell’ira etc. sono dei veri e propri esempi di “terapie dell’anima”, che si occupano di descrivere un vizio per poi prescriverne il rimedio.

Questo perché Plutarco, nella propria filosofia, riprende la concezione socratico-platonica espressa nell’Alcibiade I, secondo la quale la cura della propria psiché sia il punto di partenza dal quale ogni uomo deve muovere i propri passi, qualsiasi sia l’azione da intraprendere. Ne consegue che, mettendo a confronto le malattie del corpo e quelle dell’anima, le secondo sono più gravi per una serie di motivi.

Anzitutto, le malattie del corpo sono dettate principalmente dalla casualità; non scegliamo volontariamente di essere malati. Al contrario, le malattie dell’anima, ossia i vizi, dipendono sempre dalla nostra volontà che ci impedisce di compiere progressi e ci rende schiavi impotenti.

Questo perché l’uomo è essenzialmente cieco alle malattie dell’anima; il suo primo errore sta nel non conoscerle, nell’ignorarle o addirittura nel non dargli il giusto peso. Infatti, mentre la malattia del corpo si manifesta con evidenti sintomi fisici, che spesso inducono dolore e portano a cercare di risolvere la situazione, i sintomi delle malattie dell’animo sono spesso invisibili o, peggio ancora, assuefanno il malato facendogli credere di essere sempre nel giusto, facendogli amare la malattia.

Tale atteggiamento rende difficile curare i propri vizi, ma con l’accurato esercizio filosofico è possibile imparare a riconoscere i sintomi delle malattie del proprio animo. In ciò, un ruolo essenziale è svolto, secondo Plutarco, proprio dal sonno e dai sogni.

I sogni sono uno specchio dell’anima; essi riflettono la sua immagine. Concetto che non solo anticipa le moderne teorie psicopatologiche basate sui sogni, ma che addirittura lo oltrepassano.

Mentre per alcune correnti della psicologia il sogno testimonia un processo inconscio inaccessibile, nel quale si sedimentano le nostre turbe, per Plutarco e per i filosofi antichi il sogno è un riflesso di ciò che siamo. E ciò che siamo, ossia l’immagine riflessa, dipende da noi stessi; non siamo noi a dipendere dall’inconscio e dai sogni, sono l’inconscio e i sogni a dipendere da noi, nel momento in cui siamo in grado di estirpare i nostri vizi. Per questo in uno dei Moralia più belli di Plutarco, ossia Come valutare i propri progressi nella virtù, il filosofo greco considera proprio il sogno e la sua analisi come un esercizio spirituale, un banco di prova per comprendere se effettivamente siamo stati in grado di progredire nella virtù.

I sogni sono infatti, anche per Plutarco, la manifestazione più pura e sincera dei nostri desideri, che si manifestano senza filtri quando essi, nel sonno che ci priva sia di vincoli sia di osservatori, possono dar libero sfogo alle loro fantasie. Ne consegue che sogni puri indicano un’anima altrettanto pura, che è stata in grado di lavorare su se stessa per risolvere i propri vizi, le proprie turbe, i propri limiti e, soprattutto, i desideri smodati che incatenano alla mera materialità. Al contrario, sogni impuri sono il sintomo di una malattia dell’anima, intesa non come una “nevrosi” incontrollabile, ma come un elemento della nostra interiorità sul quale possiamo lavorare, per migliorare noi stessi.

La superiorità di questa pratica rispetto all’ormai imperante psicoterapia sta nel fatto che non si occupa dei “malati gravi” o delle “patologie mentali” così come le intendiamo oggi, ma dell’uomo “sano” e “comune”, che tuttavia è spesso reso schiavo dai propri vizi senza che ne sia consapevole.

La psicoterapia, concentrandosi soltanto sui casi limite, tralascia il male quotidiano che investe ogni persona senza nemmeno che ella se ne accorga. Un male che ci ostacola a vivere, che ci impedisce di essere felici sostanzialmente perché impedisce di essere liberi. La filosofia si mostra dunque come una pratica che impegna tutte le fasi della vita. Essa è onnipervasiva e Come sottolinea Focault ne La cura di sé e ne L’ermeneutica del sé, la grandezza degli esercizi filosofici antichi – come, in questo caso, nell’analisi del sogno atta a migliorare se stessi e non a scoprire delle turbe nascoste – risiede nel dare all’individuo i mezzi per essere in grado di conquistare la propria libertà da solo, senza mettere in mano questo processo ad altri, sia esso il prete o lo psicologo.

Daniele Palmieri

 

03-palmieri
Immagine (particolare): Il sogno di Ossian, cm. 348 x 275, Musée Ingres, Montauban.

 

Daniele Palmieri è autore del libro Autarchia Spirituale

Libro-Palmieri-Autarchia

Daniele Palmieri sarà al convegno gratuito Dialogando con Gli Autori Domenica 26 novembre a Milano. Tutti i dettagli a questo link.

Lunedì 27 novembre condurrà inoltre la serata Filosofia e Spiritualità, sempre a Milano, con Camilla Ripani. Maggiori dettagli qui.

20/11/17
03-palmieri

02. I CINQUE LIVELLI DEL SOGNO SECONDO GLI ANTICHI GRECI

Il mondo del sogno ha sempre suscitato un grande senso di mistero, fin dalle epoche più remote. I dipinti paleolitici sulle pareti delle grotte di Lascaux rappresenterebbero proprio stati di sonno mistico, e le vivide visioni, veri e propri sogni lucidi, che si presentavano a quelli che, molto probabilmente, furono i primi sciamani della storia dell’umanità.

Nella più antica storia mai raccontata, l’Epopea di Gilgames, il protagonista, l’eroe Gilgames, re di Uruk, prima di ogni nuova impresa si ritirava in fasi meditative entro le quali il sogno assumeva un ruolo magico, di raccoglimento interiore e di catalizzazione delle forze divine.

Ma tra le culture che diedero grande importanza al mondo dei sogni vi fu, sicuramente, la cultura greco-romana. Per gli antichi Greci, il sogno non è una rappresentazione imperfetta della realtà, né unicamente un flusso caotico di pensieri durante il sonno. Il sogno rappresentava uno stadio superiore di realtà, un limbo tra il mondo umano e il mondo degli déi, che analizzarono dettagliatamente, distinguendone diversi livelli.

Nel Commento al sogno di Scipione, Macrobio, pensatore romano, compie una dettagliata anatomia dell’universo dei sogni, descrivendo i cinque tipi di sogno che, secondo gli Antichi, potevano manifestarsi all’uomo durante la notte.

I primi due livelli rappresentano il grado più “basso” del sogno e sono il visum e l’insomnium.

L’insomnium, ossia la visione interna al sogno, è strettamente legato alle immagini dei nostri desideri e delle nostre preoccupazioni che tornano a farci visita di notte. Esso rappresenta l’aspetto “ingannatore” dei sogni, in grado di farci credere di vivere una realtà effettiva che, però, svanisce e non lascia alcuna traccia di interesse o di significato non appena ci svegliamo.

Il visum, l’apparizione, “si verifica in quegli istanti tra veglia e sonno profondo, nel momento in cui, come si dice, si sta per cedere all’influenza dei vapori soporiferi, quando il dormiente, che pensa di essere ancora sveglio […] si crede assalito da figure fantastiche le cui forme e grandezze non hanno niente di analogo in natura” e per natura è simile all’insomnium, con la differenza che in questo caso le immagini che si presentano sono caotiche e confuse.

Come accennato in precedenza, questi due livelli rappresentano i più elementari e meno importanti del mondo dei sogni, poiché un mero riflesso, più o meno confuso, della realtà quotidiana.

Tuttavia, l’universo onirico è molto più variegato e secondo gli antichi, vi sono livelli superiori che possono rappresentare un limbo tra mondo terreno e mondo ultraterreno, uno stadio superiore di coscienza entro il quale la mente umana, libera dai vincoli della materialità e della quotidianità, può entrare in contatto con i segreti della realtà.

Il primo di questi livelli è l’oraculum, l’oracolo; esso “si manifesta quando ci appare in sogno un parente o un personaggio venerabile e importante, come un sacerdote o una divinità stessa, per informarci di ciò che ci accadrà o non ci accadrà e di ciò che dobbiamo fare o dobbiamo evitare”. Essendo l’universo onirico un limbo tra questo mondo e il mondo dei defunti, in alcune occasioni è possibile entrare in contatto con le anime che albergano nell’oltretomba, generalmente le anime degli antenati, che avendo acquisito la prescienza degli eventi futuri possono avvertire i loro parenti circa il fato a cui stanno andando incontro.

Il secondo livello superiore la visio, la visione; esso “ha luogo quando le persone o le cose che vedremo in realtà più tardi si sognano come saranno allora”; si tratta del sogno premonitore, che anticipa eventi futuri mettendoli in scena, senza dunque la mediazione di un antenato che anticipa “verbalmente” gli eventi.

Infine vi è somnium, ossia il sogno propriamente detto; esso “nasconde ciò che ci comunica sotto uno stile simbolico e velato di enigmi il cui significato incomprensibile esige il soccorso dell’interpretazione”. Il somnium vero e proprio, al contrario dell’insomnium e del visum, possiede un significato simbolico che è compito del sognatore riuscire a rintracciare, per decifrare cosa la sua psiche, l’esistenza o gli déi stanno tentando di comunicargli; esso può essere personale, quando il sognatore è il protagonista del sogno; estraneo, quando altri personaggi sono i soggetti delle azioni; comune e pubblico, quando esso mette in scena relazioni tra il sognatore e altri soggetti o, in generale, la comunità; infine, il grado più elevato di somnium, il sogno universale. Si tratta di una forma di sogno mistico, durante il quale la coscienza del sognatore è annichilita dalla manifestazione del Cosmo e delle sfere celesti nella loro immensità.

Gli antichi Greci diedero grande importanza allo studio e all’interpretazione dei propri sogni, non solo per la mantica (ossia per l’arte di prevedere gli eventi che accadranno), ma soprattutto per verificare lo stato del proprio progresso spirituale. Argomento che approfondiremo nel prossimo articolo.

Daniele Palmieri

 

Trovi maggiori informazioni sul libro Autarchia Spirituale di Daniele Palmieri a questa pagina.

Libro-Palmieri-Autarchia

 

02-palmieri-big

 

Per maggiori informazioni sull’evento Filosofia e Spiritualità con Daniele Palmieri e Camilla Ripani (Milano, lunedì 23 ottobre 2017) vai a questa pagina.

Filosofia-e-spiritualita-23ott2017

 

17/10/17
02-palmieri

01. LE PAROLE DIMENTICATE DEGLI ANTICHI SAPIENTI

Viviamo in una società che pensa di aver raggiunto i risultati più elevati mai raggiunti dalla conoscenza umana. A partire dal 1700, con il cosiddetto Secolo dei Lumi, continuando per il Positivismo ottocentesco e lo scientismo del XX e XXI secolo, nel corso di trecento anni l’uomo ha assistito a un progresso tecnologico e scientifico innegabile. L’affermarsi della mentalità scientifica, sostengono alcuni, ha permesso all’uomo di liberarsi delle sue vecchie superstizioni; tutto ciò che il pensiero umano ha prodotto nei secoli precedenti viene considerato, da taluni, come un’inutile vestigia del passato; nel migliore dei casi, materiale per riempire aridi manuali di storia del pensiero, nel peggiore dei casi, come mera superstizione di cui gli esseri umani dovrebbero vergognarsi. Lo scienziato è diventato l’emblema di colui che possiede una conoscenza certa, l’unica di cui ci si può fidare; il religioso è un’ombra del passato; il filosofo, uno strano feticcio che nessuno ha ancora capito dove collocare. A fronte di tutto questo, l’unica conoscenza che viene considerata degna di essere approfondita, studiata e ampliata è esclusivamente la conoscenza scientifica, quasi essa fosse in contrasto con tutti gli altri campi del sapere.

Questo grande malinteso nasce da una visione estremamente limitata e limitante del concetto di Sapere; lungi dall’essere sempre stato presente nella storia, il conflitto tra scienza, filosofia e religione è un’invenzione recente, derivante dalla progressiva specializzazione dei diversi saperi che, in passato, venivano in vece considerati come manifestazione di una medesima essenza: la Sapienza.

La Sapienza è sempre stata considerata la fonte in grado di nobilitare l’uomo, ossia di fargli intraprendere un percorso interiore in grado di elevarlo dalla sua condizione terrena per fargli raggiungere la perfezione spirituale. Culmine di tale processo è la trasformazione interiore da semplice uomo a Sapiente, che Bovillus, filosofo rinascimentale, definisce come “il fine verace e compiuto di tutte le cose materiali comprese nel firmamento e, come molti credono, un Dio terreno e mortale” (Bovillus, Il Sapiente). A tale scopo, ogni forma di conoscenza particolare è necessaria al Sapiente per divenire tale. Studiare esclusivamente una scienza a discapito di altre significa precludersi in partenza la strada verso la Sapienza.

Scopo del v-blog La Sapienza Dimenticata sarà proprio quello di recuperare lo spirito sapienziale di quei pensatori che, dalla Grecia Arcaica fino a oggi, hanno riconosciuto il nesso inscindibile che lega tutte le singole conoscenze in un’unica forma compiuta: la Sapienza. Per fare ciò, recupereremo le parole di testi e autori ormai dimenticati, spesso dalla stessa storiografia filosofica. Un’operazione fondamentale, ai giorni nostri, per recuperare lo spirito “vissuto” del sapere, inteso non solo come un apprendimento passivo di nozioni, né la mera abilità di produrre nuove invenzioni tecnologiche, ma come una condizione dello spirito in grado di nobilitare l’uomo. Una forma di conoscenza vissuta, che Angelo Tonelli descrive “una condizione dello spirito, un modo di essere, e non un insieme di contenuti che si ritengono veri e saggi. È la posizione interiore del meditante e del contemplatore, che non si preoccupa di spiegare il mondo o le procedure del pensiero, ma è puro testimone, sic et simpliciter, specchio fluido in cui tutto appare e si dissolve, senza lasciare traccia sulla superficie”. (Sulle tracce della sapienza, Moretti e Vitali Edizioni, pp. 21).

Daniele Palmieri

Libro-Palmieri-Autarchia daniele01

3/10/17
daniele01-little