Alchimia Urbana

In questo spazio cercheremo di sviscerare alcuni punti nodali del pensiero Alchemico, mettendone in chiaro, fin dove ci sarà possibile, le più intime dinamiche. Sfateremo anche quei luoghi comuni, che ben lungi dal voler nascondere l’operatività alchemica, ne hanno oscurato e inquinato l’immagine; infatti il segreto dell’alchimia, se segreto c’è, si è sempre custodito da solo…

Pascal Fabio Patruno

Pascal

32.PROMETEO SUGGERIMENTO OPERATIVO N°12

Se tralasciamo le Vie Secche, quelle del Servizio e della Risolutezza, Vie per altro ben poco accessibili se non vi si nasce, rimane all’Operatore l’indagine accurata della sua natura costitutiva. Questa indagine è possibile solo attraverso lo strumento dell’Astrologia; attraverso la propria carta natale di nascita è possibile stabilire quali sono le Forze Elementari che ci caratterizzano e anche la loro relativa qualità. Ma andiamo per gradi: per non incorrere in errori banali bisognerà guardare in quali Segni/Elementi cadono i 7 Pianeti sacri delle Tradizioni Astrologiche, in altre parole i 7 Pianeti visibili ad occhio nudo, includendo nel computo il Sole, che è una Stella e la Luna che è un satellite. Avremo così:

Saturno – Giove – Marte – Sole – Venere – Mercurio – Luna

…ovvero i 7 Metalli, le 7 ghiandole Endocrine, i 7 livelli della tavola periodica, i 7 orbitali dell’Atomo, le 7 cristallizzazioni per assi reciproci e non ultime le 7 note, colori, chakra ecc…

7! Un numero ossessivo non trovate? Ma non usciamo dal seminato e tornando alla nostra costituzione, dicevamo, dobbiamo guardare in quali Segni si trovano questi Pianeti e quindi in quali Elementi, essendo i Segni aspetti di questi Elementi: il Fuoco per l’Ariete, il Leone, il Sagittario la Terra per il Toro, la Vergine, il Capricorno, e così via. Potrei trovarmi con ben 4 o 5 pianeti in Segni di Acqua e nessuno nel Fuoco o quant’altre combinazioni possibili che mi indicheranno quale “tessuto Elementare” mi informa maggiormente… nel bene e nel male. Vien da sé, infatti, che ogni eccesso (che comporterà altrove un difetto), sarà foriero di qualità esaltate ma al contempo appunto eccessive; troppa Aria dona Intelligenza e Filosofia, ma se vi è ben poco Fuoco, Elemento Agente, la parola non sarà mai Atto; oppure troppa Aria e poco o niente di Terra mi darà sempre Intelligenza e Argomentazione ma al momento di Concretizzare i fatti… solo parole, chiacchIere.

Oltre agli eccessi si considera anche la qualità di un Elemento, infatti, se mi ritrovassi con 2 pianeti in Terra, dovrò valutare quali Pianeti sono in quella condizione, cioè a dire: come sta quel pianeta in quel Segno, a prescindere dall’Elemento? Per spiegarci meglio e tentare un miracolo di sintesi, possiamo dire che una delle regole fondamentali dell’Astrologia è la Dignità di un Pianeta, ovvero, un Astro può essere molto positivo quindi in Domicilio o Esaltazione oppure Neutro e quindi Peregrino, oppure ancora può essere negativo se in Esilio o Caduta; Marte a titolo di esempio è forte in Ariete, Scorpione e Capricorno così come è debole in Bilancia, Toro e Cancro, nei restanti Segni è mediano e quindi “dipenderà” di volta in volta…

Torniamo all’argomentazione precedente: se i miei 2 pianeti in segni di Terra erano Marte in Capricorno che è buono e, la Luna in Toro che è altrettanto buona, vorrà dire che i miei Istinti, calcoli, ragionamenti, praticità e concretezze – valori relativi alla Terra – saranno buoni e qualitativi, e ci potrò contare. Diversamente, quando i Pianeti che occupano un Elemento sono a disagio, perché in esilio o in caduta, le qualità relative a quell’Elemento saranno negative ovvero poco funzionali, squilibrate e distoniche.

Certo in 2 righe sembra complicato, ma non lo è affatto, ci vuole solo un po’ di pazienza e capire che l’Astrologia è lo strumento più trasparente che l’Umanità ha sempre avuto a disposizione per conoscersi, infatti, Essa rappresenta la costituzione Energetica, Eterica e Simbolica di tutta la nostra persona. L’Astrologia non è un Metodo! L’Astrologia è Natura!

Il problema è riuscire a coglierla rifuggendo dalle eresie moderne, e per inciso, nel calcolo che vi ho suggerito non contate i Pianeti Lenti, non visibili ad occhio nudo: Urano – Nettuno – Plutone.

Questi sono sì importanti in un Tema ma solo quando congiunti ai 7 classici, oppure in condizioni di transito; i tre Pianeti tran saturnini sono insomma fuori dal computo naturale dell’Uomo Attuale, volendo dire che non abbiamo Chakra o Ghiandole* che li facciano risuonare dentro di noi, sono, infatti, Pianeti ad azione Esogena, Esterna, influiscono solo da fuori, creano un’atmosfera intorno all’Individuo. Non agiscono dall’interno. Eccezionalmente funzionano molto bene nei Temi di Personaggi di portata pubblica, storica, mondiale, poiché quest’ultimi diventano veicoli dei destini collettivi, ed è appunto il collettivismo o Astrologia Mondiale l’ambito della loro funzione. Plutone impiega 250 anni circa a girare intorno al Sole, non ci circumnaviga, si accosta di poco alla nostra gonna; ci indica solo che nasciamo in un certo periodo e che da questo saremo in qualche modo influenzati. Ma sarebbe un discorso lungo e questa non è la sede. Calcolate i vostri Elementi con 7 Pianeti.

Prima di concludere, come da indicazione nel Video relativo a questo argomento, in stato di lavoro meditativo cercate prima un vostro Istinto… e lo sentirete salire dal basso. Cercate poi un Emozione… e la sentirete fluttuare intorno a voi in zona toraco-addominale. Poi è la volta del Pensiero… pensate e percepirete il pensare espandersi e prendere lo spazio maggiore intorno alla vostra persona dalle spalle in poi. …ecco, fin qui lo sapevate già e se non lo sapevate vi sarà sembrato comunque logico e normale. L’ultimo Elemento, quello più vicino alla nostra origine, il Fuoco, ce lo hanno portato via, nel senso che ad Esso non siamo stati educati: il Fuoco, infatti, non si espande più dell’Aria dei nostri Pensieri, anche in Natura se il Fuoco si espande troppo si disperde perché sempre dalla terra viene generato, e la sua forma a pancia che si risolve acuiforme verso l’alto è preziosa indicazione. Se dallo spazio largo e cieliforme dei Pensieri cercate di salire vi accorgerete che il vostro campo visivo/percettivo tende a verticalizzare e restringersi. Ecco la è il Fuoco, è alla portata di tutti, e quello che sentirete è una forza centripeta, come una Focalizzazione, che vi farà sentire… esatto sentire, proprio sentirsi; si avrà la sensazione di Essere e Volere.

Quello stato, sradicato dalle chiese e dai poteri, è il Fuoco che Prometeo rubò al Sole e agli Dei per donarlo agli Uomini… ma c’è un errore, Prometeo voleva solo restituirlo, non donarlo, perché quel Fuoco è la nostra Realtà o Natura Originaria.

5/09/08
32_prom

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook