Punti di Vista

Il v-blog della redazione di Anima.TV

Ci sono tanti modi di guardare alla realtà, tanti “punti di vista” e da ognuno di questi pensiamo che ci sia sempre qualcosa da imparare… Grazie di essere arrivati fino a qui e buon viaggio!

La Redazione anima.tv

Foto-Redazione-Occhi

163. I GEROGLIFICI DI ABYDOS

In Egitto, nel tempio di Seti I ad Abydos, edificato durante la XIX dinastia dell’Antico Egitto (risalente a circa tremila anni fa), troviamo raffigurati quelli che sembrano dei veri e propri aerei, moderni velivoli ed elicotteri. Com’è possibile?

La questione ha imbarazzato per diverso tempo gli studiosi e fornito materiale immaginativo a tutti coloro che credono che in Egitto sia vissuta una civiltà avanzata.

La spiegazione “scientifica”, tuttavia, è presto arrivata. Il tempio venne completato e modificato dal figlio di Seti I, Ramesse II, e quest’ultimo avrebbe aggiunto nuove incisioni su altre già esistenti: la sovrapposizione risultante ci fornirebbe l’illusione ottica di moderni aerei a reazione, dato che il nostro cervello tende a raffigurarsi ciò che già conosce e si aspetta di vedere.

Qui sotto l’immagine dell’incisione:

egitto1

 

Qui sotto, invece, l’immagine che spiega come la sovrapposizione sia stata ottenuta:

egitto2

In pratica, i misteriosi geroglifici di Abydos sarebbero il risultato di una casualità.

… E voi, cosa ne pensate?

 

Fonti:
mayaegitto.altervista.org
thetruthwins.com
www.egittoantico.net

11/03/14

3 commenti a “163. I GEROGLIFICI DI ABYDOS”

  1. sandra

    a me la spiegazione della sovrapposizione sembra improbabile ed improponibile……….mi appare più come un rifiuto razionalistico che un’accettazione serena di un mistero; perché tale resta, nonostante i nostri tentativi di dare sempre una visione realistica a ciò che scopriamo circa il passato. Non sappiamo che poche cose di ciò che è stato, delle nostre origini, della nostra evoluzione……..la tela della nostra esistenza su questa terra è piena di buchi ma i rammendi a volte sono peggiori delle lacune.
    Questo non vuol dire accettare senza cercare ma cercare accettando la nostra ignoranza.

    Rispondi
    • William Andraghetti

      Sandra, anch’io cncordo con la tua idea. Spesso vogliamo dare spiegazioni rassicuranti a stranezze inquietanti. Ma che questi geroglifici mostrino un elicottero, un sommergibile e altri velivoli è indubbio. Penso che nell’antichità ci siano stati visitatori alieni che usavano più o meno gli stessi mezzi che usiamo noi.

      Rispondi
  2. Ivo Abydos

    Quoto anche io, mi sembra insoddisfacente come spiegazione, chi sarebbe così stupido da sprecare tempo e risorse nel riscrivere un geroglifico addosso a un altro a costo che il messaggio finale sia indecifrabile?
    Tuttavia con un po’ più di neutralità bisognerebbe considerare al di sopra della nostra posizione al riguardo una cosa per nulla irrilevante e cioè: Il messaggio di entrambi i presunti geroglifici superposti, ha un significato compiuto plausibile nell’egiziano consueto dell’epoca?? Tutti e due??

    Rispondi

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook