Diventa un Genio

Essere un genio è alla portata di tutti, perché tutti abbiamo una mente con infinite capacità: bisogna solo avere il “libretto” di istruzioni e imparare a usare la nostra mente al suo meglio. Qui, si considera l’apprendimento non più come un “deposito-e-ricordo”, ma come un processo attivo, divertente, coinvolgente, dove si stimolano entrambi gli emisferi per ricordare, leggere, apprendere con estrema facilità e a lungo nel tempo.

Alberta Cuoghi

Alberta Cuoghi

04. IMPARA A RILASSARTI!

Quante volte ci è capitato che stress e tensioni accumulate durante il giorno esplodessero nei momenti meno opportuni, compromettendo il risultato di esami, colloqui di lavoro od altro?

Questo accade perché gli Hertz di attività cerebrale in quel momento sono così alti (cioè siamo così stressati) che il nostro corpo e la nostra mente, invece di essere dedicati all’apprendimento o a utilizzare le informazioni depositate, è dedicata alla gestione di questo stato di disequilibrio, e utilizza tutte le energie a disposizione.

La sensazione che ne riceviamo è “la testa che mi scoppia”, come se fosse impossibile depositare altre informazioni… o sembra che se imparo qualche nuova nozione, qualcosa esce dall’altra parte, quasi che la mente abbia una capacità limitata di gestione dei dati.

Poiché nei video e articoli precedenti abbiamo capito che la questione non è nel deposito, ma caso mai nel recupero delle informazioni, è chiaro che se sono troppo stressato e il mio corpo è dedicato ad altro, è improbabile che il recupero avvenga in modo efficiente e nei tempi che vogliamo.

04_ALBERTACosì è fondamentale imparare a RILASSARCI… So che può sembrare un luogo comune, ma è fondamentale per l’apprendimento! Non solo per i motivi esposti sopra, quanto perché lo stato di apprendimento massimo è lo stato di VIGILANZA RILASSATA, detta anche fase ALFA.

In questo stato siamo svegli ma tranquilli, e la nostra mente ha le energie necessarie per permettere una corretta rielaborazione delle informazioni. Come fare ad entrare in questa fase? Rilassandoci!

Una buona tecnica di rilassamento, che permetta di rilassarci non solo nel fisico ma anche nella mente, è sufficiente per dire una volta per tutte addio a mani sudate, agitazione, ansia, balbuzie ed amnesie.

Sono certa che ognuno di voi ha una (o più) tecniche di rilassamento sperimentate… e vanno tutte bene! Per chi non sapesse come fare, vi riporto i passi da seguire: potete fare sia un rilassamento fisico e mentale (15 minuti di durata vanno più che bene) o solo quello mentale (8 minuti)… scegliete voi in base al tempo che avete a disposizione.

PROCEDIMENTO

1 – Scegli una musica rilassante e mettila a volume basso (in fase alfa i rumori li sentiamo amplificati). Chiudi gli occhi e inizia a respirare più lentamente.

2 – RILASSAMENTO FISICO: è sufficiente concentrarsi sul proprio respiro e lasciare scorrere il pensiero sulle diverse parti muscolari partendo dalla testa fino ai piedi, dando l’indicazione o immaginando che si distendano .

3 – RILASSAMENTO MENTALE: qui è fondamentale la visualizzazione dei colori dell’arcobaleno. I colori del rilassamento non sono stati messi a caso, ma corrispondono a sensazioni sperimentate:

Rosso – Rilassamento muscolare

Arancione – Attenuazione delle risonanze emotive

Giallo – Calma mentale

Verde – Amore

Azzurro – Serenità interiore

Blu scuro – Aspirazioni

Viola – Livello spirituale

Se non riesci a vedere i colori, immagina un oggetto di quel colore… può capitare e non fartene un cruccio perché capita a molti.

Poi immergiti per un po’ in una scena tranquilla della Natura: mare, montagna, lago, bosco, ecc… ogni luogo va bene purché ti dia pace e serenità. (se usi della musica che contenga già i suoni della natura è ancora meglio… soprattutto le prime volte).

Poi gradualmente rivisualizza i colori al contrario e riapri gli occhi.

UTILIZZO

E’ un rilassamento molto semplice nella pratica e ha passaggi semplici (relax fisico, 7 colori, scena della Natura, 7 colori al contrario), quindi non hai bisogno di mantenere attiva la tua mente più di tanto!

Puoi usare il rilassamento la sera per recuperare un po’, prima di addormentarti (pensando in positivo al giorno dopo), prima di avvenimenti particolarmente importanti (esami, colloqui, ecc. ), prima dello studio (ti porrà in uno stato più produttivo) o dopo per tranquillizzare la mente, anche in mezzo alla giornata (15 minuti di pausa posso diventare 8 di relax e il resto di chiacchiere con i colleghi o per una boccata d’aria).

Più farai questo processo, più sarà facile per te entrare nello stato Alfa e rilassarti A COMANDO, oltre a migliorare la tua concentrazione quando devi apprendere!

Continua

3/12/08

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook