Punti di Vista

Il v-blog della redazione di Anima.TV

Ci sono tanti modi di guardare alla realtà, tanti “punti di vista” e da ognuno di questi pensiamo che ci sia sempre qualcosa da imparare… Grazie di essere arrivati fino a qui e buon viaggio!

La Redazione anima.tv

Foto-Redazione-Occhi

14. DIFFICOLTA’ SESSUALI, UNA BUONA SCUSA PER SENTIRSI VITTIME DELL’AMBIENTE?

Cari Amici, questa settimana ospitiamo nel nostro Video-Blog Maria Rosa Greco, che ci parla di sessualità, e in particolare di difficoltà sessuali e il contesto in cui sono trattate…

 

Inoltre, Maria Rosa Greco interverrà di persona, attraverso un video, su questo stesso Blog, per rispondere ai commenti che perverranno entro questo venerdì sera… non esitate quindi a fare le vostre domande!

DIFFICOLTA’ SESSUALI, UNA BUONA SCUSA PER SENTIRSI VITTIME DELL’AMBIENTE?

14_coupC’è chi sostiene, tra gli specialisti in andrologia, che una buona percentuale dei disturbi sessuali maschili sia causata dall’”imperversare” di unatendenza aggressiva e dominatrice da parte della donna. E’ proprio così, o si tratta invece di una facile scusa per soffocare le vere ragioni di un disagio che senz’altro è più comodo addebitare a questo fantomatico Ambiente?

Qualche giorno fa, mentre guidavo, ho ascoltato un’intervista radiofonica ad uno specialista della medicina ufficiale, che riportava una delle conclusioni emerse nel corso di un congresso italiano sui disturbi sessuali. In sintesi, il medico affermava che due cause su tre di disturbi sessuali maschili sono da ricondurre ad un eccessivo dominio della donna, e l’intervento “curativo” consigliato era l’assunzione di certi tipi di farmaci… etc., etc.

Avere udito questa notizia alla radio ha senz’altro sortito un risultato piacevole in me “uditrice”: è trascorso in un baleno il tempo passato in fila nel traffico cittadino. Quella informazione è riuscita a spostare la mia attenzione, suscitandomi il desiderio di scrivere un articolo sull’argomento, cosa che sta giustappunto accadendo, a distanza di qualche giorno!

Voglio esaminare con voi il messaggio, neanche troppo velato, della notizia citata. Partiamo dal grande rischio che si corre ogni volta che un punto di vista diventa La Realtà. Ritengo, per esempio, che quel punto di vista che ha portato a fornire quella spiegazione dei disturbi sessuali maschili non sia altro che una interpretazione di una parte di un contesto socio-accademico (che pare sia espressione di una maggioranza) che definisco “patriarcale”.

Non parlo da “femminista” che vuole a tutti i costi difendere la donna dal mondo maschile “brutto e cattivo”, ma da persona esperta nel campo delle culture matriarcali e al tempo stesso nel campo delle terapie olistiche.

Delle culture matriarcali amo l’armoniosa integrazione tra le capacità del maschile e quelle del femminile. Quelle culture, diverse delle quali sono ancora vive ed estremamente vitali in varie parti del mondo, hanno fatto la scelta di fondo di non puntare alla contrapposizione e alla lotta tra maschile e femminile, che conduce inevitabilmente a reciproci atteggiamenti difensivi, bensì alla interconnessione ed alla complementarietà che porta all’arricchimento interiore e dell’ambiente.

Reputo estremamente 1) rischioso e 2) contraddittorio affermare che un problema sessuale derivi prevalentemente da una tendenza socio-culturale e che, d’altro canto, la cura sia un medicamento chimico!

1) Rischioso perché un disagio sessuale, anche in presenza di disfunzioni biochimiche o di problemi di natura organica, non può essere considerato solo un problema del corpo, altrimenti non si spiegherebbero le frequenti risoluzioni di problemi sessuali dovute solo ad interventi psicoterapeutici, cosa che sperimento molto spesso nella mia pratica professionale, e si tornerebbe ad essere sordi o ciechi verso la tendenza, ormai molto riconosciuta anche in diversi ambiti della medicina ufficiale, a considerare il benessere e i disagi dell’essere umano come causa ed effetto di un gioco di equilibri psico-fisici in continua trasformazione.

Altro rischio molto insidioso riguarda la tendenza, fin troppo comune, di attribuire in prima istanza all’esterno la “colpa” dei propri disagi personali. Questo è ciò che in genere fa chi si sente vittima “prediletta” di un mondo creato quasi esclusivamente per provocargli sofferenza. Perpetuando, in tal modo, una tendenza all’egocentrismo tipica di una particolare fase di sviluppo infantile che, prolungata, diventa non congruente rispetto ad altre qualità evolutive come la responsabilità personale.

Da questo punto di vista, può essere fin troppo comodo raccontarsi che i disturbi sessuali di molti uomini dipendono dal confrontarsi con un mondo femminile eccessivamente aggressivo, la qual cosa è senz’altro reale in alcuni contesti. E’ meno comodo, però, comprendere che se si vive l’esterno come aggressivo e dominante, sia esso vestito da maschio o femmina, questo probabilmente significa che c’è da lavorare sulla propria autostima e sulla propria capacità di autoaffermazione.

2) Contraddittorio perché, se pur la componente socio-culturale fosse confermata come causa prevalente di un disturbo, pensare che la soluzione consista nella pura e semplice somministrazione di certi farmaci chimici significa che ci si trova in presenza di un corpo che può solo subire interventi esterni, in quanto non è capace di trasformarsi facendo leva sul potere della propria intenzionalità e sul coinvolgimento attivo nella soluzione dei propri disagi, avendone compresi i messaggi utili in quel momento nel proprio percorso di evoluzione personale.

È vero che la nostra storia personale esprime quello che ci è stato trasmesso dai nostri genitori e le esperienze che abbiamo scelto di fare, ma, ad un certo punto della vita, è importante anche consapevolizzare che solo sentendoci esseri umani soli possiamo prendere in mano realmente la nostra vita ed incontrare il mondo.

Fin quando, invece, daremo sempre e comunque la responsabilità all’esterno di ciò che siamo non scopriremo chi siamo e cosa vogliamo realmente.

Maria Rosa Greco

 

LE RISPOSTE DI MARIA ROSA GRECO per Vittoria, Matteo, Simo, Nicol e Francesco:

PARTE I


PARTE II

3/02/09

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook