Comicoterapia

Connessione Gioiosa con la Terra

RaffBlog

I consigli della “Scemana”

In qualsiasi momento è possibile accendere il nostro sorriso interiore.
Esplorando il nostro personale potere co(s)mico, stimoliamo un nuovo “io” e scopriamo una profonda socializzazione interiore e spirituale con noi stessi!
Per saperne di più su di me, potete anche visitare il mio profilo a questo link.

Raffaella Errico

27. YOGA EVOLUTION 3D

RaffBlog
16/10/14

Yoga Evolution 3D è un progetto/strumento/metodo per attivare, risvegliare o iniziare al risveglio della coscienza in modo tangibile attraverso l’esperienza e la pratica dell’hatha yoga. È sviluppare la devozione, l’emozione e l’intuizione dell’estasi dove il risveglio della coscienza è il fulcro divino su cui si basa il nostro corpo umano, come descritto in tutta la sua magnificenza dall’antico yoga insegnato nella Baghavad Gita.

Desidero spiegare ed esporre il mio metodo nel modo più chiaro possibile e per quello che veramente è. Mio proposito è invitare l’allievo e il maestro a riflettere sull’importanza dell’aspetto che insegno, e sul profondo aspetto sia scientifico sia spirituale dello yoga, e di tutta la fisica quantistica insita in esso, che viene realmente percepito solo con una mente aperta e concentrata nel “silenzio” dei pensieri.

Poco conta il silenzio fuori, se inevitabilmente i pensieri nella mente di un allievo si muovono da soli; se un allievo prima non impara a comprendere e a rinforzare il silenzio interiore, e l’importanza di coltivare e dirigere i giusti pensieri dentro e non fuori, disperderà gli effetti della pratica.

È per questo che mi avvalgo anche di strumenti come un’arte plateale per stimolare prima di tutto il cuore, l’amore, la passione dell’allievo, e poi le asana: prima l’energia e poi la materia. Parlo di quel tipo di passione che si ha nel cantare i mantra, come l’appassionato e teatrale popolo induista che canta la gloria della devozione/amore per Krishna/Shiva (Divino/Cosmo/Madre Terra) con gioia, enfasi e innocenza, senza risparmiarsi!

Ecco il motivo per cui utilizzo tanta arte e teatralità, come mezzo per connettere subito il cuore dell’allievo con la sua mente, al fine di fargli percepire e vivere la potenza dello yoga direttamente e principalmente attraverso l’anima, per risvegliarsi con la necessaria umiltà alla Luce Divina contenuta nel nostro corpo perfetto in tutti gli organi interni, e nella nostra Anima e in tutti i chakra gestiti da essa… per arrivare a nutrirli, gestirli e sanarli.

Prendendo atto della veridicità scientifica di quanto ho detto, insegno a sviluppare il potere passionale della cosmica incrollabile devozione per lo “spettacolo” colorito della Manifestazione Divina sulla Terra e nel nostro corpo umano, contenitore biologico divino perfetto!

La passione e devozione che tanto decanto e su cui baso il mio metodo, ritengo che sia fondamentale per attivare una completa percezione del proprio campo aurico e dei propri chakra, una necessaria scientifica evoluzione nel praticare e intendere l’aspetto della divinità presente nel nostro corpo attraverso lo yoga.

Questo porta la nostra mente a prendere coscienza realmente che un chakra si può percepire e vivere tanto quanto sentiamo un ginocchio o un dito o un muscolo… E lo dico solo perché io pratico sempre, e come chiunque che pratichi lo yoga ne sente di certo il benessere, io stessa praticando il mio metodo 3D posso garantire che ne sento molto molto di benessere!  Ne vivo la felicità sulla pelle ogni volta che pratico, e cioè tutti i giorni, altrimenti non mi riterrei una maestra.

Ovviamente io pratico senza usare le cuffie… tra prati, fiumi, ruscelli, boschi e mari dove vivo con la mia casa “motorhome”… applicando ogni secondo la devozione, che conduce all’amore cosmico che migliora il senso di assaporare le asana e la Tecnica, donando una mente direzionabile da spostare a piacimento all’interno del nucleo pensante degli organi interni per autoriparare, nutrire, trasformare forme pensiero e blocchi emotivi/energetici all’interno di essi, e sciogliere detonatori emotivi di malattie e deficit vari.

Praticare hatha yoga, anche senza questa consapevolezza cerebrale aurico/energetico/spirituale attiva e sveglia, funziona comunque lo stesso, questo è certo, ma molto più lentamente negli anni, e solo in piccola percentuale.

Quindi, i neofiti di qualsiasi età ed esperienza, compresi coloro che praticano da 20 anni ma che non hanno ancora coltivato e sviluppato con profonda umiltà e mente sveglia e scientifica il Bhakti Yoga, con il mio metodo sono aiutati nello sviluppare l’amore e la fede di un cuore puro, che potrà quindi facilmente comunicare con l’aspetto scientifico cerebrale.

Non avendo tale training, i neofiti si ritrovano con tante resistenze e difficoltà a portare la propria coscienza a capo della propria mente, e si ritrovano ad avere solo tanta attenzione per la tecnica, per il corpo e i muscoli, e per varianti di asana a non finire, per ottenere la teatralità di acrobazie del corpo… o fare tante carriere di successo.

Quindi, che si tratti del corpo o dell’anima, oggi il popolo terrestre ha comunque bisogno di teatralità e input emotivi forti per risvegliare anime e menti coraggiose (dal latino cor-agire, agire col cuore).

Oggi ci sono menti troppo addormentate e lontane dai cuori per destare in esse un volenteroso e deciso interesse a sviluppare impegnative pratiche scientifico-spirituali per aumentare la salute del corpo e dell’anima umana. Ed è per questo che faccio sorgere un’attenta e studiata autosuggestione nei 5 sensi dell’allievo, attraverso la pratica all’interno della mia Sfera, sala alchemica rigenerante per il campo aurico, la mia healing voice e tutta la lezione con il mio insegnare così ‘teatrale’.

Un metodo sperimentato con successo dagli allievi in modo tangibile, perché è riuscito a portare alla luce forti emozioni di gioia, commozione, pace, amore e forza, negli allievi di corta e lunga esperienza.

E proprio con l’aiuto dell’arte di un’elegante teatralità d’amore, e l’aiuto delle cuffie, le mie lezioni passano direttamente dal timpano alla ghiandola pineale (…) con flussi di frequenze a vibrazioni alte di healing realmente percettibili. In sostanza, quindi, la voce che sembra di un’attrice, è quella di una scienziata-monaco che esprime la sua più immensa devozione per l’incontro perfetto tra scienza e spiritualità!

E per unire finalmente queste due dimensioni utilizzo l’arte e l’amore come chiave per fare accedere gli allievi direttamente alla loro mente superiore senza limiti e schemi dell’ego! Quella mente superiore e amore universale sono contenuti in ogni organo interno del nostro corpo, che è pura espressione di magnificenza divina, al di là e oltre qualsiasi religione o istituzione o lignaggio, e si possono risvegliare partendo proprio da dentro se stessi.

Alle volte basta vedere un buon film, opera d’arte da 5 oscar, per far emozionare – commuovere – riflettere – meditare e Aprire il cuore, Cambiare l’io, Toccare l’Anima e guidarla a imparare a meditare nel vero autentico silenzio, questo è il mio unico focus!

E per trovare il silenzio, non basta quello delle orecchie, ma serve assolutamente quello della mente, proprio perché nel 90% della popolazione c’è un ego che cammina automatico e meccanicistico, che limita il meraviglioso percepire, il sentire l’amore e l’estasi dell’amare se stessi in armonia con la vita del creato in cui nel qui et ora sei sempre connesso nella base dell’interconnesione quantica.

Grazie all’aiuto dell’arte a servizio di una magica fede scientifica, creo input educativi di reale scienza, tangibile sul proprio corpo, per esperire la fisica quantistica che c’insegna la connessione di luce tra le cose.

Un cuore forte e devoto nasce dalla presa di coscienza esoterica del proprio corpo, energia, spirito e quindi di emozioni reali e concrete. A quel punto lo yoga diventa ancora più completo e potente e tutto si espande maggiormente oltre l’inimmaginabile, che ci sarà dato percepire e conoscere solo se si pratica yoga tutti i giorni con amore nel corpo, anima e mente, per vivere un completo 3D!

 

Qua sotto travate il trailer – da ascoltare con le cuffie – delle lezioni del mio DVD, un professional relaxing audio didattico con percettibili vibrazioni healing, che richiede e merita di essere valutato e percepito in una “sfera” di ascolto protetta.

 

Maggiori info su: www.yogaevolution3d.it

 

RaffBlog2

26. MEDITAZIONE IN 3D

23RERR2
13/06/13

… Ma in realtà e in concretezza, cosa vuol dire stare in meditazione?
Vuol dire riuscire a stare concentrati e sereni mentre si sta fermi e zitti con le mani in mano
:)
Ma non è facile riuscire a provare quel gusto e quella profonda pace che prova un monaco allenato e istruito da quando era bimbo, e quindi bisogna capire esattamente e concretamente, in parole semplici, cosa deve fare un occidentale con la sua mente mentre il corpo è fermo in posizione di loto.
Prima di tutto non bisogna pensare a quello che si è fatto e che si dovrà fare nelle nostre giornate prima e dopo la meditazione, ma pensare solo al “qui et ora”.

Nel qui et ora accade una cosa importante da fare: osservare con la coscienza presente, e con amore e gratitudine, le miliardi di attività biologiche dei nostri organi interni, del fluire del sangue nelle vene, del respiro nei polmoni e dell’energia/prana che scorre nei nostri chakra.

Siamo nella “generazione del 3D”, e sarà più facile spiegare come entrare nel vivo di una meditazione profonda su tutti i livelli. Mi avvalgo infatti di un simpatico parallelismo per spiegare yoga evolution3D, da me insegnato: nel cinema accade che il 3D aumenti le emozioni che si provano guardando un film, e anche nello yoga può accadere una simile evoluzione e potenziamento delle emozioni, e in questo caso gli “occhialetti” :) sarebbero rappresentati dal mio modo d’insegnare, vedere e vivere lo yoga.

Lo yoga che viene insegnato nelle scuole di oggi ci fa provare nel corpo una leggerezza, una pace interiore e un benessere già di grande effetto positivo e tangibile, e con yoga evolution3D avrete uno strumento in più per sperimentarlo in modo ampio e approfondito, in tutto il suo splendore!
Quello che propongo è un allenamento e un insegnamento che tiene conto, in modo determinante
e attento, del movimento tangibile e oggettivo della dimensione eterica tanto quanto di quella corporea.
E’ una profonda e attenta presa di coscienza del prana e dell’elettricità che scorre rendendo vivo il corpo, e che ci svilupperà quella volontà e predisposizione a credere in ciò che non vediamo e non tocchiamo.

I flussi di energie e i canali nel corpo in cui essi scorrono (le nadi, e i meridiani) e i loro punti di raccordo in cui s’incontrano (punti marma) e sui cui lavora l’agopuntura, e ogni singola Asanas, sono strumenti sempre esistiti dentro di noi, ma che durante gli insegnamenti e le pratica dello yoga non si sapevano sottolineare abbastanza in modo incisivo come parti integranti del corpo reale e concreto tanto quanto una gamba o un braccio o un tricipite, e di come utilizzarli durante un movimento fisico.

Iniziare a praticare yoga in 3D è una sfida nuova nell’aspetto ginnico, perché questa nuova presa di coscienza all’inizio potrebbe creare una serie di rallentamenti oggettivi durante l’esecuzione tecnica dell’esercizio corporeo, e ci si potrebbe distrarre nel movimento fisico, ma di contro si inizierà a scoprire una nuova opportunità per vivere e percepire al meglio la dimensione spirituale ed emozionale, e il potenziamento mentale del movimento stesso, e da lì a poco diventi il movimento dell’Asanas che il tuo corpo, le tue ossa, i tuoi muscoli, i tuoi organi interni stanno raccontando.

Gli insegnanti di yoga occidentali utilizzano i due strumenti più potenti di cui dispone l’essere umano per fare lo yoga, il respiro e il corpo, creando cosi un esperienza bi-dimensionale. Ora io propongo con YogaEvolution Connection3D il passaggio a una oggettiva terza dimensione, utilizzando con attenzione il terzo strumento oltre il respiro e il corpo: quello eterico, aurico, scientifico, quantico e medico delle esecuzioni delle Asanas. Questo approccio rende concreta la percezione e il movimento non solo del corpo ma anche dei chakra.

Per far si che l’emozione yoga3D funzioni, ci vuole una visione sia con la dimensione fisica sia con quella eterica e spirituale.
Infatti se la vivi solo con l’uno o solo con l’altro, la prospettiva dell’azione cambia, e cambia anche la prospettiva con cui percepisci la vita e l’emozioni dentro e fuori di te.
Se fai un movimento con attenzione solo al muscolo e al corpo che si muove, hai una prospettiva diversa dal farlo prestando solo attenzione alla spiritualità dentro di te: il risultato completo è il balance tra le due.
E come spiritualità io intendo il campo energetico dell’aura e dei chakra, che non è altro la prosecuzione degli organi fisici, e viceversa.

In genere noi viviamo le azioni e la vita come la somma elementare base delle due dimensioni, che arriva e che parte dal nostro cervello.
Se la visione parte solo dalla mente calcolatrice pragmatica e razionale, le due dimensioni fisica e psichica sono quasi piatte e il risultato sarà bidimensionale, e che interessa solo l’atto meccanico del mangiare, dormire, lavorare, muoversi e fermarsi.
Ma se la visione principale parte dalla mente eterica/spirituale, è coscientemente scientifica di un dentro e di un fuori uniti e non separati, e di un macro e di un microcosmo presenti nello stesso istante nel nostro corpo.

All’inizio dell’allenamento ciò avverrà alternativamente e lentamente, ma poi sarà sempre con più ritmo e praticità, fino ad arrivare a percepirle e viverle insieme contemporaneamente e quindi arrivando poi a fondersi ed entrare in connection in questo grande spazio dell’essere umano evoluto, il 3D.

La passione che mi ha portato a sperimentare tutto ciò è per far si che l’esecuzione delle Asanas di hathayoga non siano solo risolutezza tecnica senza sostanza spirituale scientifica.
Per predisporre l’allievo a prendere tale cosciente attivazione del campo aurico e di YogaEvolutionConnection3D, mentre insegno mi avvalgo del potere della comicità e del sorriso, soprattutto durante il primo step delle mie lezioni (che si dividono in quattro step e che vi spiegherò nei prossimi post).

Yoga Evolution Connection 3D sbarca a YogaFestival a Roma, dal 14 al 16 giugno 2013!
Vi aspetto 😉

23RERR

25. YOGAEVOLUTION

16/04/13

Cari fratelli e sorelle di Luce,
facciamo il riassunto di quello che abbiamo detto, fatto e riso fino a qui…

Dopo aver saltato e giocato e volato nella meraviglia della natura e della Madre Terra, con la purezza e la libertá di un bambino e di un uccello, entriamo nella meraviglia delle meraviglie ancora più mozzafiato: il nostro corpo umano e la sua capacità di Amare il suo Respiro Divino che ci connette con il creato tutto :)

E carissimi miei, la Chiave d’Oro per attivare una completa, seria e sacra connessione dentro e fuori di noi, è la pratica spirituale/fisica dell’Hatha Yoga
attraverso un’essenziale e integrale comprensione nel praticarlo e Amarlo!

… Nasce quindi YogaEvolution!

25reb

* * * * * * * * * * * * * * *
YogaEvolution
ConnessioneGioiosa in 3D

* * * * * * * * * * * * * * *

Per alcuni lo Yoga potrebbe sembrare una ginnastica dolce, ma è molto di più, è un’emozione profonda, un viaggio emozionante estremamente benefico e mistico.
L’Hatha Yoga è uno strumento millenario di salute e spiritualità perfetto, ed è fondamentale comprendere bene quale predisposizione di animo, mente e cuore sia necessaria per immergersi completamente dentro questo straordinario viaggio del sé, e godere pienamente dei suoi originari benefici.

Questo è lo scopo principale per me, che attraverso “YogaEvolution” perseguo l’intento di insegnare le classiche Asana di base senza nessuna variazione alcuna, ma con un incisivo modo di spiegare una tecnica interiore che attiva la passione, la chiarezza, l’amore e la scienza quantistica contenuta nell’Hatha Yoga, comunicando con un linguaggio semplice e diretto il concreto fluire del Prana all’interno del nostro corpo connesso con la natura che ci circonda, potendo così assaporare già dalla prima esperienza l’essenziale e vera magia dello Yoga!

Vivrete un affascinante Hatha Yoga avvolti all’interno di una cupola geodetica arredata in modo originale e con atmosfera, un ambiente adatto a chi non ha la pazienza di rilassarsi, a chi fà fatica a concentrarsi e smettere di pensare.
Rivolta a chi non ha mai provato lo Yoga prima d’ora, ma anche e ovviamente a chi già conosce e pratica una qualsiasi disciplina di Yoga e vuole sperimentarlo in una nuova dimensione stimolante e divertente, e soprattutto senza limiti di età.
Le lezioni sono guidate dalla mia voce in modo avvolgente e trascinante!

YogaEvolution approda a Milano dal 25 al 28 aprile al Festival d’Oriente!
Vi aspetto 😉

Raffaella Errico-Ragheswary
Insegnante di Yoga, spiritualista, artista, comica e cantante.

23. PARLARE CON GLI ANIMALI

23/07/12

23reNel viaggio della meravigliosa esperienza della connessione gioiosa con il pianeta Terra, un fattore per me importante è lasciarsi inebriare dal “dialogo” e dalla comunicazione con il mondo degli animali, facendo lievitare dentro me stessa tutta la parte infantile (ma consapevole) di una comunicazione fatta solo con i loro suoni e versi, e necessariamente vissuta con un’energia sgombra della mente e facendo imperare la forza comunicativa del cuore!

Provare a parlare veramente con gli animali è un’occasione per tornare bambini profondamente, cercando nella nostra pancia il modo e la via per farci capire mentre proviamo a emettere i loro stessi suoni… accresciamo così le nostre percezioni sensoriali, attraverso una mente rilassata e incondizionata.

Questa stravagante emozione di riuscire a comunicare realmente attraverso l’emissione di un suono strano e illogico, contribuisce a rendere libera ed elastica la mente, e sviluppa la capacità di sapersi prendere in giro mentre si provano a emettere gli innumerevoli versi degli animali.

Questa esperienza avviene a livello del quinto chakra, quello della comunicazione, e ci può aiutare a creare un reset psicoemotivo di liberazione della mente e di pulizia del suo “hard disk”, come se essa fosse un computer dove i “file temporanei” sono generati da tanti e troppi pensieri, attivati spesso da ruoli e condizionamenti di una mente soggiogata dagli schemi. E’ come se questa mente producesse file inutili alla nostra anima e al nostro cuore, che pesano e rallentano il “software” mentale.

Dandoci l’occasione di un “reset psicoemotivo”, riportiamo il nostro sistema operativo cerebrale a essere gestito consapevolmente dall’amministratore (la nostra anima e il nostro sé) e non più da un meccanismo automatico di circuito che segue una programmazione.
Questo parallelismo tra il computer e il nostro cervello è un argomento che vi illustrerò in altri video che vedrete prossimamente!

Nei video che state vedendo in queste puntate e che vedrete nelle prossime, ho scelto di esperire quanto vi ho appena espresso, con due animali per me speciali e molto utili all’essere umano, e soprattutto pacifici e vegan: il cavallo e la gallina :)

21. ANDIAMO A CAVALLO

9/07/12

Il cavallo viene utilizzato per aprire il chakra del cuore. Se lo guardiamo negli occhi, infatti, vediamo che è pieno di amore…

20. CHE LA GIOIA SIA CON NOI!

2/07/12

Salvare un lupo ferito caduto in un fiume ghiacciato, e poi curarlo con l'omeopatia…
O andare a studiare in Sardegna all'Università della Felicità…

Le buone notizie ci fanno stare bene, per questo anche oggi mi faccio "presentatrice" di buone notizie. Che la gioia sia con noi!

19. GRAZIE, GRAZIE, GRAZIE PER TUTTO!

25/06/12

Sorridere è importante, anche se è lunedì! Iniziamo la settimana, allora, con delle buone notizie :)

La prima riguarda Ken Grenda, un'imprenditore austrialiano che ha diviso, con i suoi stessi dipendenti, parte dei ricavati ottenuti con la vendita dell'azienda.

La seconda buona notizia è che anche gli studi scientifici dimostrano che la gratitudine fa bene alla salute! Dire "Grazie", insomma, oltre a farci stare bene nell'animo, ci fa stare bene anche nel corpo. E allora… Grazie, grazie, grazie per tutto!