Punti di Vista

Il v-blog della redazione di Anima.TV

Ci sono tanti modi di guardare alla realtà, tanti “punti di vista” e da ognuno di questi pensiamo che ci sia sempre qualcosa da imparare… Grazie di essere arrivati fino a qui e buon viaggio!

La Redazione anima.tv

Foto-Redazione-Occhi

46. ECOSIA: BASTA UN CLIC… PER SALVARE 2 METRI QUADRI DI FORESTA

Ecosia è un motore di ricerca ecologico, e gratuito, che permette di salvare 2 metri quadri di foresta pluviale ad ogni ricerca effettuata…!

In che modo?

Il guadagno di Ecosia proviene dai clic sui link sponsorizzati che sono visualizzati accanto ai risultati di ricerca. Ciascun di questi clic permette un guadagno di alcuni centesimi. In media, il guadagno attuale è di 0,13 centesimi a ricerca.

Ecosia dona almeno l’80% del ricavato al progetto di protezione della foresta pluviale gestito dal WWF. Questo progetto è localizzato nel Juruena National Park in Amazzonia. Lì bastano solo 5 Euro per proteggere un ettaro intero di foresta pluviale. Quindi, in base ai ricavi medi, è possibile salvare circa 2 metri quadri per ciascuna ricerca effettuata.

E’ possibile usare Ecosia andando direttamente sul sito https://ecosia.org/. Trovate nell’home page anche la funzione “installa” con cui è possibile installare Ecosia come motore di ricerca del proprio browser, e monitorare il numero di metri quadri che si salva in media attraverso le proprie ricerche. Noi in redazione abbiamo installato l’applicazione nei nostri computer, e abbiamo salvato in pochi giorni circa 1 chilometro quadro di foresta :)

Ecosia ha bisogno di sostenitori e di pubblicità da parte di ognuno di noi, dato che non destina i suoi ricavi alle promozioni.

Maggiori dettagli sul progetto in questo video:

https://youtu.be/3N5PqNMUvcE

Per salvare la foresta pluviale, da oggi basta un clic! Cliccate con noi!!

La Redazione

anima.tv

5/02/10
46. ECOSIA: BASTA UN CLIC... PER SALVARE 2 METRI QUADRI DI FORESTA

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook