Punti di Vista

Il v-blog della redazione di Anima.TV

Ci sono tanti modi di guardare alla realtà, tanti “punti di vista” e da ognuno di questi pensiamo che ci sia sempre qualcosa da imparare… Grazie di essere arrivati fino a qui e buon viaggio!

La Redazione anima.tv

Foto-Redazione-Occhi

48. FIGLI DELL’UNIVERSO…

Ha fatto il giro del mondo la dichiarazione dello scienziato britannicio Chandra Wickramasinghe, il quale asserisce di avere le prove dell’origine extra-terrestre della vita umana. Secondo il prof. Wickramasinghe, la vita avrebbe raggiunto il nostro pianeta attraverso le comete… che circa 3,8 miliardi di anni fa impattarono sulla Terra, rilasciando il materiale organico che trasportavano con sé.

48_comIn pratica, egli afferma che molto probabilmente il cosmo è pieno di materiale organico così, ogni volta che si forma un sistema planetario, qualche molecola organica o microbo riuscirebbe a sopravvivere e a diffondersi attraverso le comete… In questo modo la vita si trasferirebbe da un pianeta all’altro, e ciascun pianeta “vivente” sarebbe quindi parte di una “catena” più ampia, e non un evento isolato od occasionale.

Le implicazioni sono certamente molteplici e straordinarie… eppure se così fosse, sarebbe l’ennesima conferma che la vita è davveroovunque, oltre che imprevedibile, misteriosa, e dall’origine inspiegabile… come “inspiegabili” sono le ragioni del cuore…

Non vogliamo pensare forzatamente ad un processo intelligente dietro tutto questo, però viene sempre più difficile pensare all’umanità come figlia della sola biologia (terrestre o extra-terrestre), e alla Terra come a un pianeta che “vive” per caso in un gelido spazio oscuro fatto di niente…

Forse sarà proprio la scienza ad avvicinarci alla sapienza dei grandi Maestri… Forse un giorno riconosceremo con ogni parte di noi – corpo, emozioni e mente – che siamo parte di un “sistema” più grande, e che ogni cosa è collegata

Continua

Fonte: www.telegraph.co.uk

22/02/10

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook