Punti di Vista

Il v-blog della redazione di Anima.TV

Ci sono tanti modi di guardare alla realtà, tanti “punti di vista” e da ognuno di questi pensiamo che ci sia sempre qualcosa da imparare… Grazie di essere arrivati fino a qui e buon viaggio!

La Redazione anima.tv

Foto-Redazione-Occhi

150. UNA BAMBINA, MCDONALD E IL CIBO SANO

Il coraggio non manca alla piccola Hannah Robertson che, a soli 9 anni, affronta l’amministratore delegato di McDonald durante un incontro fra soci e gli fa una “lezione” su come bisognerebbe far mangiare i bambini: in modo sano e senza condizionarli con il marketing.

All’incontro annuale fra soci della società McDonald, durante la sessione di domande e risposte, Hannah Robertson, 9 anni, ha chiesto la parola: “Sarebbe bello se smetteste di cercare di indurre i bambini a mangiare il vostro cibo per tutto il tempo”. Poi ha continuato: “Una cosa che ritengo non giusta è quando le grandi aziende cercano di ingannare i bambini per spingerli a mangiare continuamente del cibo che non è salutare, usando strumenti come i giocattoli o i personaggi dei cartoni animati”.

“Se i genitori non hanno insegnato ai loro figli a mangiare sano, i bambini probabilmente crederanno che il cibo spazzatura fa loro bene solo perché si presenta gustoso” ha poi chiarito.

Hanna Robertson ha partecipato alla riunione presso la sede del colosso mondiale a Oak Brook, Illinois, insieme alla madre Kia Robertson, che gestisce “Today I Ate a Rainbow” (“Oggi ho Mangiato un Arcobaleno”), un business di Toronto che incoraggia i bambini a mangiare cibi sani. “Come azienda, si potrebbe anche non pensare agli effetti finali causati dal proprio marketing… ma come genitori e nonni, ci deve essere una parte di te che sa che non è giusto” ha detto la madre.

L’amministratore delegato della McDonald Don Thompson ha poi risposto alle affermazioni della bambina: “Prima di tutto, non vendiamo cibo spazzatura, Hannah. I miei figli mangiano anche McDonald. Cucinano con me a casa. Mi piace cucinare. Cuciniamo un sacco di frutta e verdura a casa”.

Thompson, che ha preso in mano la direzione di McDonald meno di un anno fa, ha il suo bel da fare con la catena di fast-food con l’intento di farla uscire dalla reputazione di “cibo grasso-patatine-e-hamburger”. Poi ha ricordato alla bambina che McDonald vende anche insalate, include fette di mela negli Happy Meal, e offre latte al cioccolato senza grassi.

Sarebbe bello se tanti genitori avessero la premura e la coscienza di questa ragazzina, non trovate?

Redazione anima.tv

 

Fonte della notizia: www.nydailynews.com

 

 

21/08/13
red210813

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook