Anima Psico-Quantica

Le dinamiche vibrazionali dell'anima

Si può essere sani e felici? Ognuno di noi è padrone di una realtà riflettente che parla di sentimenti e pensieri le cui radici sono al centro del petto, nel moto infinitesimale della galassia emozionale, l’unica vera forza capace di irradiare la strada del benessere e della guarigione dentro di noi. Il percorso multidisciplinare che conduce nei meandri delle bizzarre dinamiche energetiche, mettendo sotto i riflettori l’uomo come creatore attivo della realtà, è il palpitante mondo quantistico in cui la vita vibra. L’anima diventa la via.

Carmen Di Muro

fOTO cARMEN DI mURO

18. AUMENTARE LA FREQUENZA EMOTIVA

Ricablare il campo d’influenza collettiva: aumentare la frequenza emotiva

Dinanzi ai grandi cambiamenti epocali, che ci troviamo oggi a sperimentare, diviene sempre più difficile costruire una traiettoria di vita positiva e priva di timori. Basta accendere la TV, o visualizzare la home dei social network per lasciarsi travolgere da quelle notizie che non sostengono la vita, ma che la dirottano verso flussi di grande squilibrio, incoerenza e incertezza. Guerre, epidemie, catastrofi naturali, cambiamenti climatici, tracolli finanziari, assenza di lavoro e prospettive.

Quanto ci costa resistere a questo campo apocalittico che ci siamo creati da soli?

Voltando le spalle alla forza ispiratrice del nostro cuore finiamo per vivere vite opache, senza passione, stagnanti in un campo di potentissima influenza, capace di imprigionarci nel mondo e all’interno di noi stessi. Una ruota che si riverbera su se stessa e che, a ogni rotazione, segnala che non c’è più tempo né spazio per coltivare e realizzare i propri sogni. “Il mondo di oggi è troppo negativo!”, “Troppa delinquenza, troppe persone che vogliono far del male!”. Queste affermazioni non fanno altro che chiuderci in una gabbia inodore e incolore che alimenta la paura di vivere e amplifica quell’informazione collettiva in negativo che inspessisce ancor di più la sua carica. Però, non dimentichiamo che dietro quel brutto che ci fa orrore c’è sempre la mente. Mente che nella sua visione orizzontale guarda alla materia, ai timori e alle difficoltà. E, se sono solo mente, non sono cuore.

Se esprimo con rigidità i miei valori creo una realtà separata e sempre più fallibile. Se io per primo escludo gli altri nella maniera di pormi per paura di essere intaccato, non posso pretendere di attrarli al mio universo. Questa informazione penetra in profondità creando un campo collettivo che la allontana, e il nostro mondo interiore non potrà che amplificare questa vibrazione nella realtà. Ma qualcosa pian piano sta cambiando. Sempre più individui si stanno svegliando assumendosi la responsabilità di accelerare il processo di evoluzione collettiva verso il bene e la luce comune. Questi uomini sono quelli che, in modo chiaro, sentono la voce della propria Anima che chiede loro insistentemente di voltarsi e accelerare il passo sul sentiero del ritorno all’origine, verso il vasto dominio di verità.

Scegliendo quotidianamente le regole dell’amore, di bellezza, umiltà e passione per se stessi e il prossimo possiamo creare un’onda di forza coesa, un campo che integra senza distinzioni o preferenze e che rispetta le nostre reciproche differenze.

Infatti, sta diventando sempre più chiaro che sono i pezzi mancanti per reimpostare la traiettoria veloce e furiosa dell’umanità in separazione e divisione. Non di meno, sta divenendo sempre più evidente che non possiamo generare soluzioni dallo stesso livello di coscienza che sta creando i problemi. Poiché non è possibile evitare di sintonizzarci con tutto ciò che accade intorno a noi, né sottrarci a incontri quotidiani non sempre piacevoli, possiamo, tuttavia, imparare ad aumentare la nostra vibrazione di coscienza in modo da fluire più agevolmente dinanzi alle sfide, sostenendo intenzioni creative positive. L’implementazione e il mantenimento della nostra energia personale su un buon livello di vibrazione dipende, in larga misura, dalla nostra capacità di gestire le emozioni, in quanto esse sono i principali motori di una serie di processi fisiologici chiave coinvolti nella regolazione dell’energia.

Ma come fare?

Non dimentichiamo che la vibrazione dei nostri pensieri e sentimenti, che emaniamo nell’ambiente, oscilla costantemente in base alle azioni e alle reazioni che abbiamo con gli altri, con noi stessi o nei confronti dei problemi della vita. Quelle di livello inferiore possono originarsi, momento per momento, in relazione al sentire o meno frustrazione, rabbia, delusione, tristezza, giudizio, ma è anche vero che sta nelle corde del nostro potere personale la capacità di trasformare questi stati d’animo debilitanti in atteggiamenti e percezioni più elevati.

Le più recenti acquisizioni scientifiche, oggi, dimostrano che gli esseri umani e tutte le creature irradiano un campo elettromagnetico prodotto dal battito cardiaco e che la nostra percezione più interna viaggia e viene trasmessa attraverso questo campo. Quindi, un modo semplice per mantenere una vibrazione più elevata diviene l’intrecciare la qualità positiva dei sentimenti del nostro cuore alle relazioni che intratteniamo nel quotidiano. Chiunque abbia esperienza di un sentire di pace, amore e accoglienza nei confronti di chi ci circonda conosce il suo potere nel sollevare i nostri e gli altrui sentimenti su un livello più armonioso. Le decisioni e le soluzioni fluiscono più facilmente grazie a un maggiore accesso alla saggezza intuitiva, nonché diventa molto più facile deviare la frustrazione, l’ansia, l’impazienza e altri produttori di stress che mettono a dura prova il nostro pensiero critico. L’amore e la compassione incondizionati sono tra le più alte vibrazioni non soggette a precondizioni, limitazioni o requisiti degli altri. Servono il maggiore interesse di tutti gli esseri senzienti e dell’universo, poiché provengono da quel potenziale di coscienza superiore a cui ognuno può attingere in grado di guarire noi stessi e di trasformare in meglio il campo collettivo in questi tempi di forte cambiamento.

ESERCIZIO PER AUMENTARE LA VIBRAZIONE

Quando ti senti giù di corda, siediti tranquillamente e immagina di irradiare amore, compassione e calma nella tuo campo mentale ed emotivo. Partendo da lì, quel fascio lucente, pian piano, si estende e tocca tutto ciò che c’è intorno, fino ad abbracciare l’intera madre Terra.

La cura di sé sta anche nell’accogliere momenti negativi senza aggravarli con l’autocritica. Quando la nostra luce è debole, può aiutarci a generare la sensazione di calore compassionevole nel cuore quel sentimento che ci risulterebbe di dare incondizionatamente a un bambino. Prova a concedertelo. Anche se non ferma il dolore, può aiutare molto energeticamente.

Se ci sentiamo a disagio mentre proviamo questo, è utile porci domande, continuiamo a farlo con pazienza.

Esercizi come questi, pur sembrando semplici per la loro brevità, catalizzano l’energia e possono fare tanto per sollevare la vibrazione più di quanto si possa pensare. Se non funziona la prima volta, sii perseverante e riprova. Rimanere in ascolto fa la differenza.

 

Carmen Di Muro

Libro-Carmen-di-Muro-Anima-Quantica

 

18-carmen

 

 

20/02/19
18-carmen-sq

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook