I Sogni e l'Infinito

“Questo spazio è aperto a voi, Cari Entronauti, per stimolare una ricerca “altra” nella dimensione dei Sogni e in quella della Vita.

Spero che vorrete accettare la sfida di uscire dalle strade più frequentate per seguirmi in un mondo paradossale e infinito, dove potreste scoprire che non siete ciò che credete, ma ciò che sognate! Dal macrocosmo svelato dai sogni e dai viaggi astrali, vi porterò nel microcosmo/Uomo. Perché l’uno è il riflesso dell’altro, e dai nostri sogni d’Amore nascono I progetti dell’Uomo.

……Qui m’aime me suive!”

Marie Noelle Urech

MarieN-Urech2

12. IL SOGNO DI DIO

30 anni fa, in Belgio, ebbi il grande privilegio di potere studiare l’astrologia evolutiva in relazione alle più recenti teorie della fisica quantistica. La visione olografica dell’universo era l’ossessione della mia Maestra, Anna Albert, che aveva aperto la sua “Scuola per lo studio dell’Evoluzione della Coscienza” a noti fisici belgi, francesi e stranieri che vi tenevano conferenze e lezioni. Non potevo immaginare allora l’impatto che tale formazione avrebbe avuto nella strutturazione della mia personalità e visione della vita.

Successivamente, quando cominciai a lavorare con i sogni, mi accorsi di quanto tutte queste conoscenze acquisite in giovane età formassero una “griglia” di riferimento universale, valida per spiegare anche il sognare e la dimensione del sogno. L’universo olografico di David Bohm, da conoscenza teorica divenne per me una esperienza che ho descritto poi nel mio libro I Sogni e l’Infinito. E così per le altre teorie come gli universi paralleli, la non-località della mente ecc.

Tornando all’ologramma, argomento oggi molto dibattuto, vorrei solo soffermarmi su alcuni aspetti di ordine più metafisico che fisico. Il paradigma olografico, l’informazione dalla parte al Tutto, pervade ogni ambito della manifestazione della Vita. Se prendiamo una poesia, ad esempio, troviamo espresso in una sola parola un concetto chiave della Vita e, entrando nel contesto della poesia, facciamo anche esperienza del poeta che agisce da tramite fra noi e un qualche aspetto dell’esperienza universale. Attraverso questa parola entriamo in una relazione olografica con una cultura, un’epoca, una dinamica energetica, un aspetto della vita. Osservando un albero, possiamo percepire le calde o fredde stagioni in cui l’albero è vissuto sin dalla nascita; le sue cellule ci informano sulla gravità e sul nucleo della Terra, le foglie parlano del cielo e del rinnovamento.

Utilizzando questi esempi, vediamo che i vari aspetti delle nostre vite non esistono soltanto in sé ma sono anche in interrelazione con altri contesti olografici. Anche nella forma umana, vive una informazione ampia ed esauriente che descrive la natura complessa e l’identità del pianeta, dell’atomo, di una sola unità di tempo…

Davanti alla straordinaria complessità del fenomeno umano, alla sua capacità di creare e di amare, non sarebbe azzardato pensare che siamo in presenza di un ologramma di Dio. Attraverso l’Uomo si sfiora il “Sogno” di Dio mentre Dio si sperimenta sognando l’uomo. La consapevolezza di ciò potrebbe portare l’umanità a fare il salto decisivo cui il profetizzato 2012 ci prepara.

Continua

I SOGNI PREMONITORI

21/11/08
12_Holo

Commenta l'articolo tramite Facebook