Guarigione Consapevole in Onde Tetha

Come raggiungere consapevolmente una guarigione psico-spirituale tramite l’utilizzo consapevole delle onde theta: dal Theta Healing, una tecnica riportata all’umanità da Vianna Stibal, alle nuove scoperte per la guarigione, da me effettuate.

Ecco un percorso che ci guiderà nei meandri di noi stessi, a contatto con le nostre ferite più profonde, per comprenderne il significato e sanarle, eliminando quelle convinzioni che le alimentano.

Tratteremo anche le visualizzazioni per i bambini, e la comunicazione e la guarigione spirituale per gli animali.

Grazie di cuore

Lorella De Luca

Lorella_DeLuca

12. IL SISTEMA DEI CHAKRA NEGLI ANIMALI

12_canCari Amici, prima di approfondire ulteriormente il nostro viaggio nelle credenze, desidero parlarvi degli animali e dei loro chakra. I chakra sonocentri di energia situati lungo il corpo dell’animale. Sono visti come vortici di suoni, colori e densità mobili dai chiaroveggenti ed altri con la capacità di vedere questi centri sottili di energia. La parola “chakra” significa “ruota”, e infatti i chakra vengono visti come ruote filanti di energia.

Anche se il corpo dell’animale contiene un certo numero di punti di energia, ci sono sette centri principali nella sua aura, analogamente agli esseri umani, conosciuti come Chakra maggiori. Con i sette chakra, gli animali ricevono ed emanano l’energia essenziale fra i corpi fisici e sottili; i pensieri e le sensibilità dell’animale filtrano attraverso i chakra al corpo fisico, in cui si trasformano in manifestazioni esterne.

Tutti gli animali possiedono un sistema eterico di chakra; la maggior parte ha sette chakra primari, come accennato, fino a 21 chakra secondari più altri 6 chakra minori.

I Chakra principali, negli animali, sono centri pieni di energia. C’è il chakra relativo alla parte superiore più i seguenti: il terzo occhio, la gola, il cuore, il plesso solare, la milza e la radice.

I Chakra secondari sono piccoli punti di energia, ma sono essenziali alla vitalità dell’animale.

12_catNon tutti i chakra negli animali vengono visti a colori. I chakra principali sono visti come centri colorati pieni di energia; i colori di questi centri variano da animale ad animale, secondo il loro sviluppo. I minori ed i secondari vengono percepiti come luce brillante, o con vari colori miscelati o con il bianco. Per esempio, i chakra minori delle orecchie vengono percepiti come giallo chiaro, oppure cambiano in blu-chiaro o acquamarina secondo il loro sviluppo.

Come detto sopra, i chakra principali sono molto sviluppati; tuttavia non possono essere necessariamente tutti aperti. I tre chakra che sono aperti alla nascita e rimangono aperti sono la radice, il plesso solare ed il chakra della parte superiore. Il sistema energetico (chakra) degli animali può essere visto come un triangolo i cui vertici sono, rispettivamente, nel chakra della radice alla base della coda, nel centro del plesso solare, nella cassa toracica, e nel chakra della parte superiore. Vi è inoltre un triangolo secondario che è formato dai centri di quelli situati nelle orecchie e dai centri della gola e del naso.

12_dogSoltanto alcuni animali hanno sviluppato il chakra del cuore, in questo caso il colore diventa verde. Inoltre, pochi animali hanno aperto il loro chakra della gola, il chakra della milza, o il terzo chakra dell’occhio; la comunicazione istintiva dell’animale domestico viene dal centro della radice (quando ronfa, si rifa’ le unghia – spesso sul sofa’ eh eh..-, miagola, etc…, etc.).

Un altro centro che varia in diversi animali è il centro di rilevamento situato fra il naso e gli occhi. È blu – argento sbiadito e governa la sensorialita’ e la trasmissione di input sensoriale al cervello. Questo centro è sviluppato in animali altamente sensibili, ma può essere super-sviluppato o sottosviluppato in altri. Non si confonda questo punto con il terzo occhio. Il terzo occhio è situato un po’ più in alto sopra al naso.

Continua

13/03/09

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook