Guarigione Consapevole in Onde Tetha

Come raggiungere consapevolmente una guarigione psico-spirituale tramite l’utilizzo consapevole delle onde theta: dal Theta Healing, una tecnica riportata all’umanità da Vianna Stibal, alle nuove scoperte per la guarigione, da me effettuate.

Ecco un percorso che ci guiderà nei meandri di noi stessi, a contatto con le nostre ferite più profonde, per comprenderne il significato e sanarle, eliminando quelle convinzioni che le alimentano.

Tratteremo anche le visualizzazioni per i bambini, e la comunicazione e la guarigione spirituale per gli animali.

Grazie di cuore

Lorella De Luca

Lorella_DeLuca

20. IO SONO UN DONO PREZIOSO

Con la tecnica meditativa denominata “Theta Healing”, possiamo ripercorrere il periodo dal concepimento alla nascita, e vedere come ha avuto inizio la nostra vita con l’obiettivo di riportare Amore là dove non ce n’è stato. Come è iniziata la nostra esistenza? Quali sentimenti hanno accompagnato il primo battito del nostro cuore e i nostri primi respiri? Il periodo che va dal concepimento alla nascita sembra già essere responsabile di importanti emozioni che si depositano nell’inconscio e che poi, non viste, agiscono sulla nostra personalità a nostra insaputa.

Molti di noi sono stati concepiti ‘per errore’, cioè senza una vera e propria pianificazione, cosa che può aver comportato nei genitori una sensazione di forte smarrimento, che oggi sappiamo essere trasmessa dalla madre al feto. Il bambino potrà così sentirsi “un errore” e potrà avere la percezione di non essere “voluto” e, da adulto, tenderà ad estendere questa sensazione anche alle altre relazioni importanti della sua vita. “Non sono voluto”, “non ho il diritto di essere qui”, “sono fuori posto“… saranno sensazioni che diverranno familiari – al bambino prima e all’adulto poi – naturalmente non con questa chiarezza di contenuti, ma sotto forma di sensazioni di disagio, non meglio identificate.

Altri, pur “voluti”, involontariamente deludono le aspettative dei genitori nascendo con il “sesso sbagliato”, sono femmine invece che maschi o viceversa. Alla nascita questo “errore” viene percepito dal bambino, depositato nell’inconscio e spesso rimosso, ma continuerà ad influenzarlo nel suo percorso. Il bambino potrà cercare di “correggere l’errore” durante la vita, e potrà avere difficoltà a vivere pienamente e positivamente la sua femminilità o la sua mascolinità, tendendo in alcuni casi ad interpretare un ruolo proprio dell’altro sesso, nell’inconscio tentativo di accontentare i genitori.

Potremmo descrivere infinite altre varianti che, causando emozioni negative nella madre, possono causare squilibri nel feto: contrasti col partner, violenze subite, malattie sopraggiunte di uno dei due genitori o di un parente stretto, lutti, difficoltà economiche, difficoltà organizzative (casa, lavoro, ecc.). Tutto contribuisce a far sentire il feto o il neonato un “problema” invece che un “dono”, e questo influenzerà la sua vita per il resto dei suoi giorni. Noi siamo “un dono” ed è importante che ci sentiamo tali; se questo non sta avvenendo è bene che iniziamo a riconsiderare il valore e il significato unico che la nostra presenza ha nel mondo: valore e significato che hanno a che fare con la missione della nostra anima e che abbiamo il dovere di individuare ed esprimere.

Continua

RIPROGRAMMARE IL PASSATO

 

3/04/09
20_noi

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook