Navigando nelle infinite possibilità dell'essere
92. LE PROVE SCHIACCIANTI

92. LE PROVE SCHIACCIANTI

L’uomo e’ un primate, pertanto disegnato e concepito per creazione e per tendenza evolutiva come fruttariano-vegetariano, come simbolo e capostipite di tutti i primati, per logica, per ragionamento, per coscienza, per sensibilità, per migliorabilità, per stile estetico prima ancora che per istinto. Non sto qui a elencare tutte le prove scientifiche schiaccianti e inequivocabili, tutti i segni distintivi del suo veganismo caratteriale e fisiologico. Segni che convergono verso tale verità e che richiederebbero pagine. L’uomo è libero sicuramente di trasgredire, ma questo avviene a prezzi salatissimi. Più egli si allontana dalle regole e più salato è il conto da saldare, in termini di malattie e di nodi che vengono prima o poi al pettine.

LE PROVE SCHIACCIANTI

1) Il pH del sangue alcalino, 7.30-7.55, tipico dei non mangiatori di carne, che hanno un sangue acido.

2) Mandibole mobili (atte a frantumare noci e granaglie) e non fisse (atte a strappare pelliccia e ossa ad altre creature).

3) Dentatura adatta a frutta, tuberi, semi e germogli.

4) Mani adatte a raccogliere frutta e non artigli atti a catturare le prede.

5) Tendenza ad aborrire il sangue e la violenza.

6) Tetto proteico di 24 grammi/giorno di proteine, superando il quale il corpo va in acidosi e in stato gravemente patologico.

7) Leucocitosi e allarme immunitario che scattano a ogni pasto carneo-proteico-cotto (da 6000 leucociti per mmc normali e che rimangono tali anche nel post-prandiale per i vegancrudisti, ma che diventano 12-15000 per i vegetariani normali, e 18-25000 per i mangiatori di carni).

8) Carenza totale di enzima uricasi atto a disgregare gli acidi urici nel corpo umano, mentre negli animali carnivori esso abbonda (in un kg di carne o di pesce ci sono 28-30 grammi di purine e dunque di acido urico).

9) Conformazione intestinale clamorosamente vegana, con notevole lunghezza, con percorso ad anse ascendenti e discendenti, con mucose spugnose, atte a trattare materiale fibroso e acquoso di origine vegetale, e non materiale animale-putrefattivo (mentre gli animali carnivori hanno un intestino cortissimo, tozzo e liscio, adatto ad espellere velocamente i relativi escrementi).

10) Organi interni clamorosamente vegani, a partire dallo stomaco (acido sì, ma 10 volte meno acido dei carnivori, e quindi meno adatto a disgreghare i gugli proteici delle proteine destinate a essere assimilate come aminoacidi), al fegato-cistifellea che con la carne si ipertrofizzano, si gonfiano e producono calcoli e intasamenti, al pancreas che triplica di dimensioni nei mangiatori di carne e di derrate cotte per iperfunzionalità atta a produrre enzimi digestivi), ai reni che vanno in crisi di filtraggio con ammoniaca e creatinina alta e con impressionante tendenza alla dialisi per i mangiatori di proteine animali).

11) Sistema ghiandolare decisamente vegano, con tiroide che va regolarmente in crisi per causa dei latticini.

12) Il latte di donna, massimo indicatore delle caratteristiche umane, è sostanza eminentemente basso-proteica a 5.9 (American Standard), contro i 6.7 della frutta e i 22.0 delle verdure crude. Il latte di mucca sta sul 17.0, quello di felino sul 30.0 e quello di topo sul 70.0.

11) Tendenza all’insufficienza intestinale, epatica, pancreatica, renale per chi si alimenta di prodotti animali.

12) Alle prove di vitalità sulla scala Bovis-Simoneton dove i vegetali crudi, i vegetali amidacei cotti poco. e soprattutto la frutta, toccano i vertici dell’infrarosso e dei 7-10000 Angstrom, ben oltre i 6500 della quota minima vibrazionale richiesta da un corpo in piena forma, mentre le carni viaggiano sui bassifondi da 2000 a 4000 Angstrom, simili alle basse vibrazioni dei malati terminali (il cancro terminale sta sui 1800 Angstrom).
Il tutto si riscontra nell’aura rossa ed energizzante dei vegani, trasmettitori di energia fino a 5 metri di raggio, e nelle aure grigie e nerastre dei carnivori (assorbitori di energia come dei buchi neri).

13) Le statistiche sulla longevità dei vegancrudisti, con 15 anni di vita media in più rispetto agli onnivori, e 8 in più rispetto ai vegetariani, rivelate lo scorso anno dalla Loma Linda University, hanno scosso il mondo intero…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Lascia un commento con Facebook