Codex Veganus

“La natura è sovrana medicatrice dei mali” diceva Ippocrate, e l’igienismo non ha fatto altro che adottare questo sano principio come sua inalterabile legge.
Per l’igienismo la malattia non è affatto un mostro diabolico, ma piuttosto una intelligente, logica, positiva e risolutiva espulsione di tossine; una fase costruttiva indispensabile per realizzare un processo guaritivo. L’igienismo non è un semplice sistema alimentare ma un vero e proprio stile di vita, in grado di restituire o favorire l’equilibrio e la salute.

Valdo Vaccaro

Valdo Vaccaro

160. RIMEDI NATURALI PER LA COLITE

La Sindrome del Colon Irritabile o Colite Spastica è una patologia che interessa l’ultimo tratto dell’intestino, detto colon. Viene comunemente chiamata “colite”, termine generico per indicare una infiammazione del colon. Siamo di fronte al tipo di colite più diffusa e in fortissimo aumento […]

CAUSE

A oggi non sono ancora del tutto chiare le cause che possono provocare la sindrome dell’intestino irritabile, anche se dai risultati di molte ricerche scientifiche sembra ormai certa una correlazione diretta tra la malattia e il ripetersi nel tempo di condizioni di stress psicologico, di ansia e di agitazione. Queste condizioni psicologiche agirebbero più facilmente in un contesto di sedentarietà, alimentazione disordinata e povera di fibre, situazioni molto comuni nella società moderna.

SINTOMI

Tra i sintomi vari della Colite Spastica dominano 1) Fastidi addominali con crampi e spasmi soprattutto concentrati nella parte alta intestinale a sinistra, verso la milza, 2) Meteorismo, sensazione di gonfiore per presenza di aria nell’intestino, 3) Flatulenza e tensione addominale, 4) Nausea, 5) Cefalea, 6) Depressione, 7) Ansia, 8) Stanchezza, 9) Alitosi, 10) Difficoltà nella concentrazione o nello svolgimento delle normali attività quotidiane, 11) Alterazione consistenza feci, dalla stitichezza ostinata alla diarrea alternata.

FORTE COMPONENTE ANSIOGENA E NERVOSA

In genere questo disturbo affligge le persone sensibili, perché è acuito da una forte componente nervosa, psicosomatica. Fattori come lo stress e l’ansia, infatti, favoriscono tutte le alterazioni funzionali dell’apparato digerente, come la gastrite nervosa, ad esempio.

INTOLLERANZE, ABUSO DI ALCOL O DI FARMACI, OBESITÀ

Tuttavia, all’origine della colite ci possono essere anche cause di tipo organico, come ad esempio un’intolleranza alimentare trascurata, come quella al lattosio o al glutine, ovvero la malattia celiaca. Un’alimentazione scorretta, abuso di alcol e di farmaci, obesità e sedentarietà sono infatti fattori predisponenti alla sindrome dell’intestino irritabile.

PREVALENZA DELLA COMPONENTE EMOTIVA

Quando però si parla di colite spastica, allora la componente emotiva è determinante, infatti in questo caso la colite è puramente funzionale, non causata da infiammazione, e si associa a personalità ossessivo-compulsive con la mania del controllo gastro-intestinale. Anche aver sofferto di disturbi dell’alimentazione, come la bulimia, può predisporre alla colite spastica.

CONSIGLI GENERALI PER CURARE LA COLITE SPASTICA

Meglio fare 5 mini pasti al giorno piuttosto che 3 abbondanti. Mangiare in modo leggero, masticare a lungo e bene ogni boccone e bere adeguata acqua lontano dai pasti.

Si eviteranno, poi, tutti i cibi precotti o conservati inclusi gli insaccati e lo scatolame, i fritti, i cibi stracotti, le carni sia bianche che rosse, i grassi saturi e gli zuccheri raffinati, così come gli edulcoranti artificiali. Al bando anche bibite gassate e bevande alcoliche, e meglio limitare anche quelle eccitanti come il caffè e le cole. Per alleviare i sintomi possiamo aumentare l’apporto di cereali, meglio se integrali, frutta e verdura, yogurt alla soia.

RISORSE NATURALI AMICHE DELL’INTESTINO

Albicocca, arancia, avocado, carota, carciofo, castagna, cavolo, cotogna, dolcetta o valeriana, fico, fico d’India, gelso nero, lattuga, mandorla, mela, melagrana, mirtillo, mora, nespola, orzo, ortica, pesca, patata, pomodoro, pompelmo, portulaca, rapa, ribes, riso, tarassaco, uva, zucca.

Un bicchiere di succo di carota al giorno, 2 bicchieri di succo di cavolo al giorno. Ottimo anche il succo di ortica, una tazzina diluita con acqua e miele a digiuno, un giorno sì e uno no, per il tempo che serve. Con questo specifico trattamento in breve si vince ogni affezione cronica dell’apparato digerente.

TUTTO IN SUCCO NEL CASO DI STITICHEZZA

Se colite con stitichezza e costipazione, lavorare molto con verdure crude centrifugate o liquefatte mediante estrattore anche per uno o due mesi se serve, fino a quando non ci sono netti segnali di guarigione. Consumare cibi fibrosi come carote, patate, patate dolci, germe di grano.

Stare rigorosamente lontano da tutti i cibi muco-formanti e acidificanti come carni, latticini, dolciumi, cibi-spazzatura, bevande-spazzatura. A volte, nella fase iniziale, serve stare su cibi cotti tipo minestra di verdura con patate-cavoli-carote a breve cottura di 15 minuti, purea di patate, vellutata di zucca.

CAMOMILLA, SALVIA E ASSENZIO COME PURIFICANTI IN CASO DI DIARREA

Nel caso di colite diarroica, con 4-10 scariche giornaliere, è consigliato il digiuno per un paio di giorni, bevendo solo infuso di camomilla, salvia e assenzio, addolciti con miele, vegetali assai validi per la purificazione dell’intestino. Al mattino succo di limone con mezzo bicchiere d’acqua senza zucchero. Dieta a base di frutta di stagione, specie cotogne, castagne, nespole germaniche, melanzane, mandorle. Ricordarsi che zenzero, peperoncino piccante e aglio sono ottimi come cicatrizzanti in caso di ulcera, e si possono aggiungere in quantitativi limitati nei succhi di verdure.

RIMEDI ALLE CRISI EMORROIDALI

Se ci sono crisi emorroidali, queste sorgono per vene dilatate o varicosi, per precaria circolazione dovuta a sangue grasso, ovvia conseguenza delle digestioni complicate e difficili, e per un fegato che non sta funzionando a dovere. Per normalizzare le vene, servono vitamine E, C, K, D e A, tutte ovviamente nella versione naturale.

La dieta sarà vegan-crudista tendenziale, carica di vitalità Angstrom e di onde vibrazionali all’infrarosso, ovvero ai punti massimi della scala Simoneton. Includerà peperoncino, zenzero, aglio, cipolla, colina o vitamina J (creme di verdura, zuppe di patate, rape e bietole, spinaci, piselli, cavoli, germe di grano, noci, funghi neri, cavolfiori, frutta secca, legumi) nonché vitamina B7 (pompelmi, arance, germe di grano, meloni, piselli, noci, funghi, carote, legumi).

SENZA MAI SCORDARE LE CONDIZIONI EPATICHE ED URINARIE

Viste le precarie condizioni di fegato, vescica e varici, occorre fare ricorso ai vegetali amici che includono carciofo crudo (la famosa cinarina), finocchio, tarassaco, ortica, prezzemolo, piantaggine, carota, sedano, tarassaco, salvia, fitolacca, aglio, peperoncino, acetosa, succo di ciliegia, succo di uva, asparago, avocado, crescione, fagiolini, fragole, lattuga, mela di stagione, melanzana, mirtillo, oliva, orzo, patata, pompelmo, prugna, ravanello, ribes, tarassaco, uva.

Specifiche per le vie urinarie e la vescica: fico, lampone, portulaca, ribes, zucca, mirtillo, porro. Per l’iperviscosità sanguinea, alghe, arancia, asparagi, pomodoro, pompelmo, segale.

Valdo Vaccaro

Fonte

Alimentazione Naturale 2 Valdo Vaccaro     

Credits Img

14/07/16
160

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook