Codex Veganus

“La natura è sovrana medicatrice dei mali” diceva Ippocrate, e l’igienismo non ha fatto altro che adottare questo sano principio come sua inalterabile legge.
Per l’igienismo la malattia non è affatto un mostro diabolico, ma piuttosto una intelligente, logica, positiva e risolutiva espulsione di tossine; una fase costruttiva indispensabile per realizzare un processo guaritivo. L’igienismo non è un semplice sistema alimentare ma un vero e proprio stile di vita, in grado di restituire o favorire l’equilibrio e la salute.

Valdo Vaccaro

Valdo Vaccaro

69. PIU’ LATTE MENO… CALCIO

LETTERA

IN PROCINTO DI ABBANDONARE IL LATTE

Salve, Probabilmente non mi risponderà per la mole di lavoro ma io ci provo. Vorrei avere delucidazioni sul latte, io mi sono informato e mi sono convinto ad abbandonarlo.

ACIDIFICAZIONE A SCOPPIO RITARDATO E SISTEMI TAMPONE

Però ci sono alcuni aspetti che non mi sono chiari, per esempio come fa ad acidificarsi il sangue. I sostenitori del latte asseriscono che alla fine le proteine contenute sono poche e l’acidificazione inizia attorno ai 30g, per cui interverrebbero altri sistemi tampone e non il latte. Può spiegarmi questo concetto?
Grazie
Alessandro

*** ***

69vvRISPOSTA

IL MECCANISMO TAMPONE DI EMERGENZA

Ciao Alessandro, Il sangue viene sempre salvato in extremis dal disastro dell’acidificazione grazie ai meccanismi del sistema immunitario, chiamati appunto tamponi alcalini.

Il sangue non può assolutamente scostarsi dal suo pH che sta tra 7.30 e 7.50. Andando sotto il 30 ci sarebbe un collasso cardiocircolatorio. Per un soggetto sano che che sta a 7.50, ad esempio, è già pesante andare a 7.30, per cui scatta l’emergenza immunitaria in zona ipotalamo. Dal cervello parte dunque un missile neuro-trasmettitore ormonale che ordina al midollo di rilasciare all’istante calcio organico per tamponare l’emergenza acida provocata dal latte, visto che il calcio-cattivo del latte non serve a questo essendo inorganico, cotto, e misto a caseina.

RISULTATO FINALE: LA VITA CONTINUA, CON MENO CALCIO NELLE OSSA E MENO FERRO NEL
SISTEMA

A quel punto il calcio buono viene rilasciato dalle ossa sotto-forma di osseina e l’emergenza viene superata. Il calcio del latte intanto finisce per causare al corpo calcificazioni improprie tipo calcoli e depositi calcarei, mentre l’osseina persa dalle ossa causa osteoporosi. La caseina del latte intanto va ad incollare tremendamente i 5 milioni di villi intestinali, riducendo in modo drastico la capacità assimilativa del piccolo intestino e dei suoi 2 campi da tennis (400-600 metri quadri di superficie assimilativa, che si riducono a uno sgabuzzino da 40-60 metri quadri). In più si crea una forte anemia per intensa carenza di ferro, causata dalla mancanza di ferro nel latte e dagli impedimenti assimilativi appena citati.

LA SCIENZA TRASPARENTE HA BOCCIATO CARNE, LATTICINI E PROTEINE, SENZA DUBBI E
SENZA REMISSIONI

Ti consiglio di andare su google.it e cercare sul mio blog tutte le mie 50 tesine sul latte, dove troverai maggiori dettagli. Ovvio che la lettura di The China Study del dr Colin Campbell, e magari dihttps://michaelbluejay.com/veg/protein.html, ti aiuterà a capire meglio ancora l’intera questione.

Valdo Vaccaro

Estratto dalla tesina SOSTENITORI DEL LATTE E SISTEMI TAMPONE

24/05/12

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook