Codex Veganus

“La natura è sovrana medicatrice dei mali” diceva Ippocrate, e l’igienismo non ha fatto altro che adottare questo sano principio come sua inalterabile legge.
Per l’igienismo la malattia non è affatto un mostro diabolico, ma piuttosto una intelligente, logica, positiva e risolutiva espulsione di tossine; una fase costruttiva indispensabile per realizzare un processo guaritivo. L’igienismo non è un semplice sistema alimentare ma un vero e proprio stile di vita, in grado di restituire o favorire l’equilibrio e la salute.

Valdo Vaccaro

Valdo Vaccaro

04. IL SINTOMO: LA PUNTA DELL’ICEBERG

Nella cura medica allopatica, il sintomo scompare. “Bravo medico, mi hai fatto un ottimo lavoro”. Ma il medesimo sintomo torna più avanti aggravato dagli interessi, dalle complicazioni, dagli effetti collaterali del primo farmaco. Riappare perché esso, primo-sintomo, non era la vera malattia da combattere, ma solo la punta dell’iceberg di un altro problema. Esso era solo la innocua e amica “spia rossa” che segnalava la presenza di un cortocircuito o di una irregolarità da qualche parte del corpo.

Come se per la tua auto, nella quale si è accesa la spia (sintomo-dolore-febbre), il tuo meccanico (medico) ti prescrivesse un bel martello (farmaco) per disintegrare e far scomparire la luce che lampeggia minacciosa sul cruscotto. Chiaro che tale luce a quel punto se ne va, e tu vai tranquillo e ti senti guarito.
04aMa la malattia non stava in quella lampadina rossa, riguardava invece un motore surriscaldato per carenza di olio lubrificante. Vai avanti felice per 50 km e poi, con grande sorpresa e disappunto, l’auto si ferma e resti a piedi. Motore grippato (carro attrezzi o autoambulanza). Questa è la allopatia, che include tutte le comuni cure, incluso le prevenzioni e le vaccinazioni (anche se queste ultime hanno in realtà perverse radici omeopatiche).

Esempio di come funziona la cura igienistico-naturale

Spia rossa accesa? Nessun farmaco. Nessun intervento sulla spia ovviamente. Si va a capire il perché il motore si è surriscaldato. A capire il vero motivo del pessimo funzionamento. Se l’olio motore è calato e ha fatto accendere la spia, ci deve essere qualcosa di anormale (Il meccanico obietterà che il consumo d’olio nei motori è fisiologico, ma noi qui parliamo per parabole e ci riferiamo all’uomo).

Prima cosa che fa l’igienista, dà una pulita esterna con un panno al motore, e va a leggere le sue caratteristiche e la sua marca.
Motore umano? Significa motore fruttariano o frugivoro che dir si voglia.
Cosa gli è stato dato da mangiare? Carburante suo (frutta e verdure crude) o carburante sporco (proteine animali, carboidrati lavorati e cotti)?

A quel punto necessari i seguenti interventi… Pulire alla perfezione tutto quanto. Cambiare i filtri. Purificare condotti ed interstizi. Far girare il motore in officina con carburante perfetto e olio multigrado, fino a che siamo sicuri che può affrontare la strada in modo perfetto (e questa è, nell’uomo, la fase di qualche giorno di digiunoad acqua distillata, seguita da un progressivo ritorno alla normalità nutritiva, mediante carburante perfetto che non causi più gli stessi intasamenti).

A quel punto la tua auto può ripartire. Non funzionerà in eterno. Ma i suoi 300 mila km li farà senza darti alcun problema, a patto che tu continui a trattarla bene e a darle il suo carburante (della specie).

(Tratto dalla mia tesina “Gli interventi sulla spia rossa”)

11/11/10
04. IL SINTOMO: LA PUNTA DELL'ICEBERG

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook