Navigando nelle infinite possibilità dell'essere

8.L’AZIONE DELLE EMOZIONI

Le emozioni hanno un ruolo positivo: una vita piatta e monotona, così come una vita eccessivamente stressante alterano il nostro equilibrio energetico, favorendo l’insorgere delle malattie. Quando parliamo di un’azione patogenadelle emozioni intendiamo del loro eccesso, che non è mai assoluto, ma sempre relativo al soggetto.

PENSIERI E PREOCCUPAZIONI danneggiano la MILZA.

Si perde la lucidità, la capacità di riflettere in modo oggettivo.

Abbiamo idee fisse, pensieri ossessivi, preoccupazioni, rituali: la persona continua a rimuginare.

La preoccupazione è una delle emozioni più importanti e più comuni della nostra società. Inizialmente si ha ristagno energetico, infine vuoto di yin, che è la premessa degli attacchi di panico.

TRISTEZZA E APPRENSIONE danneggiano il POLMONE e il Cuore colpendo il centro dell’essere. Si perde la vitalità, si dissolve l’energia.

ANGOSCIA E TERRORE attaccano i RENI.

La paura comprende sia uno stato cronico d’ansietà, sia una paura improvvisa, uno spavento improvviso, uno shock, detto anche terrore. Indebolisce il Rene yin con conseguente calore/vuoto che risalendo al Cuore provoca palpitazioni, insonnia, sudore notturno, arrossamento dei pomelli. La gioia invece dilata il cuore, mentre lo shock e la paura lo contraggono.

OPPRESSIONE E DEPRESSIONE.

L’oppressione agisce su tutti gli organi. E’ la fatica di vivere che aggiungendosi ad altri sentimenti negativi ne rende più difficile la risoluzione.

continua..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Lascia un commento con Facebook