Dio Parla a Doris

In questo Video-Blog parleremo di “Dio parla a Doris”, ovvero delle Sessantatre rivelazioni che Doris B. Orme ha ricevuto da Dio dal 1993 al 2006. Approfondiremo volta per volta i concetti più controversi, i dubbi che potrebbero venire leggendo le canalizzazioni, vi parleremo del nostro incontro con Doris e del come e del perché abbiamo scelto o “siamo stati scelti” per diffondere questo libro, pubblicato in molte parti del mondo, anche in Italia…

Ci auguriamo che sia anche per voi una grande e importante avventura, come lo è stato – e lo è tuttora – per noi…

Carla Castelbarco e Kieran O’Neill

Sculture: Simbolismo Cosmico della scultrice Carla Castelbarco Albani


I testi segnalati in questo videoblog sono estratti dal libro “Dio parla a Doris”.

VAI ALLA PRESENTAZIONE DEL VBLOG CLICCANDO QUI

Testata

04.NON E’ POSSIBILE TORNARE INDIETRO

Oggi proseguiamo con una RIVELAZIONE DA DIO del 16 settembre 1994 a Glendale, Arizona

Non posso retrocedere e lasciare che le cose ristagnino. Devo costruire un mondo di bontà e non Mi fermerò, soprattutto ora che finalmente le porte sono state spalancate, così che tutti possiate venire a Me. Forgerò un mondo così meraviglioso che sarete sbalorditi dalla sua bellezza. I vostri cuori canteranno di gioia. Stabilirò tutto questo in un tempo così breve che meraviglierà l’umanità. Se pensate di essere ansiosi di vedere i cambiamenti del mondo, ben di più lo sono IO. I terribili disastri che accadono sulla Terra, lo faranno succedere anche più velocemente; non dimenticate mai però che la morte del fisico non è la fine ma solo l’inizio. Coloro che stanno soffrendo e che sono morti in quest’ora, vittime di forze sataniche,saranno innalzati nel cielo e usati grandemente. Scenderanno nei loro corpi spirituali sulla Terra con i grandi santi e martiri del passato; non saranno morti invano, anche se tutto questo Mi ha dato tristezza nel cuore (…) creerò un mondo che brillerà come oro puro.

continua

CHI E’ DORIS

 

17/10/08
OroF

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook