Navigando nelle infinite possibilità dell'essere

38. OTTAVO VIZIO CAPITALE: L’ATTESA

A differenza dell’accidia, l’abitudine al disamor proprio porta a scegliere, nel momento presente, di non cogliere le opportunità per vivere ciò che si desidera veramente… e, come disse Seneca, “mentre rimandiamo, la vita passa”.

Sensi di colpa e paure (di soffrire, di sbagliare, di fallire ecc.), infatti, stanno spingendo sempre più persone ad anestetizzare la propria coscienza attraverso “responsabilità” e “impegni” che creano/attraggono costantemente per avere un alibi che giustifichi la mancanza di tempo per sé, o per dare la “colpa” a qualche causa esterna, piuttosto che ammettere l’unica, grande verità: che non si permettono di essere felici!

Per uscire da questa stasi emotiva, bisogna innanzitutto fare chiarezza dentro di sé, quindi riordinare le proprie priorità e infine fare una bella potatura di “cordoni ombelicali”… perché solo lasciando andare ciò che ci condiziona, possiamo vivere tutto ciò che ci emoziona!

Lorenzo Capuano

 ..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Lascia un commento con Facebook