Yearly Archives: 2008

60.CONCLUSIONI

margheok

Cari ricercatori, eccoci alla fine di questo tempo insieme, di questi passi nella consapevolezza che comunicare con l’energia per capirsi e farsi capire non solo è possibile, ma ci porta lontano. Spero che queste note via abbiano aiutato a comprendere i vostri talenti, le vostre infinite capacità. Vorrei terminare con le righe finali dell’introduzione del… Read more »

59.COMUNICARE CON LA NATURA

nature

Cari ricercatori, infine ecco l’ultimo tassello della comunicazione energetica: la natura. La natura è una maestra discreta: è sempre lì, con la sua energia potente e armonica, infinitamente ricca di spunti e di insegnamenti. E’ pronta a nutrirci senza riserve, a guarirci con la sua bellezza e con la sua magia, a consolarci quando siamo senza speranza,… Read more »

58.COMUNICARE ENERGETICAMENTE CON GLI ALTRI: DOVE SONO LORO

58_livelli

Cari ricercatori, ora noi abbiamo la consapevolezza che, se vogliamo comunicare con una persona che ha dei muri energetici, dobbiamo porci in un piano che ci permette di by-passare l’ostacolo, vedendo le cose da un altro punto di osservazione. Sappiamo che, quando coscientementecambiamo il livello della nostra percezione, la realtà cambia intorno a noi. Questo principio… Read more »

57.LA COMUNICAZIONE ENERGETICA CONSAPEVOLE NON E’ MANIPOLAZIONE

brainOK

Cari ricercatori, chiariamo che, per prima cosa, la finalità di una comunicazione energetica consapevole non è quello di far fare all’altro quello che noi desideriamo, di manipolarlo a nostro piacimento, bensì di fargli arrivare la nostra verità nel modo più lineare possibile, senza le distorsioni che possono esserci quando un ascoltatore ha delle prevenzioni dovute a blocchi energetici. Abbiamo visto… Read more »

56.COMUNICARE ENERGETICAMENTE CON GLI ALTRI: DOVE SIAMO NOI

zebradelfinook

Cari ricercatori, per creare una comunicazione energetica che funzioni dobbiamo attuare una modalità di ascolto consapevole, e questo presuppone avere l’attenzione rivolta verso noi stessi e verso gli altri. Per quanto riguarda l’ascolto di noi stessi, dobbiamo renderci conto se iniziamo una comunicazione partendo da un punto di vista equilibrato o teso e, quindi, se mandiamo delle informazioni… Read more »

55.ALOPECIA ANDROGENETICA: UN SINTOMO CHE DENOTA TENSIONE NEI CONFRONTI DELL’AUTORITA’

palatone

Cari ricercatori, considereremo una patologia apparentemente banale, l’alopecia, ma che crea moltissimi problemi, in quanto riguarda l’80% degli uomini oltre i 60 anni e molte donne in menopausa. E’ normale che una persona adulta perda ogni giorno un certo numero di capelli e che questa perdita possa farsi più consistente con il progredire dell’età; tuttavia si… Read more »

54.LA SINDROME DELL’ANARCHICO

Anarchia

Cari ricercatori, il senso di solitudine e di disperazione provocato da una chiusura del Settimo Chakra non è l’unica manifestazione che può determinare uno squilibrio a questo livello: a volte ci può essere una rabbia corrosiva e distruttiva, come della sindrome dell’anarchico. L’origine di questa modalità è sempre la stessa: la percezione di disamore e di non… Read more »

53.CAUSE DI SQUILIBRIO DEL SETTIMO CHAKRA

PdreFiflioOK

Cari ricercatori, cosa genera i muri a questo livello? Magari nostro padre era assente, o era troppo autoritario e impositivo, o non ci prestava l’attenzione di cui avevamo bisogno… il risultato è sempre lo stesso, decidiamo che lui non ci ama e chiudiamo il Chakra della Corona. Di solito nella nostra tradizione è il padre a… Read more »

52.AVERE IL SETTIMO CHAKRA IN EQUILIBRIO

STRADAOK

Cari ricercatori, il Chakra della Corona rappresenta il livello dell’essere definito come anima, la parte più profonda di ciò che siamo. Nel momento in cui facciamo esperienza di questo livello in modo equilibrato, sappiamo di essere tutti Uno, ci sentiamo parte di una connessione amorevole e perfetta. Se siamo parte del Tutto o, meglio, se siamo… Read more »

51.IL SENSO DI ESCLUSIONE: IL DISAGIO CHE DENOTA TENSIONE AL SETTIMO CHAKRA

SHASA

Cari ricercatori, oggi vorrei parlarvi di quel senso di esclusione così totale, di quella solitudine senza speranza che è il risultato di una prolungata chiusura del Settimo Chakra. Si potrebbe definire una patologia del tempo, in quanto, se prendiamo questa decisione proviamo un terribile disagio, ci sentiamo senza futuro, come se ci avessero tagliato quella parte del… Read more »