La comunicazione energetica

Esplorare l’uso consapevole dell’energia, attraverso la scoperta della nostra capacità di essere creatori e molto altro ancora…

Rossella Panigatti

 

Rossella_Panigatti

35.BLEFARITE: UN SINTOMO CHE DENOTA CHE NON CI SIAMO PERMESSI DI ESSERE PIENAMENTE NOI STESSI E ABBIAMO CONTROLLATO TROPPO

Cari ricercatori,

oggi ci occuperemo di una patologia molto comune: la blefarite che, per la medicina, è una infiammazione dei margini palpebrali, con arrossamento, gonfiore e che, a volte, si manifesta con formazione di croste e ulcere.

Dal punto di vista energetico, poiché riguarda gli occhi e è una patologia infiammatoria, mostra senza dubbio una tensione alTerzo Chakra, il cui elemento è il Fuoco. Abbiamo visto che questo centro energetico rappresenta la libertà di essere noi stessi, l’agio con cui siamo capaci di essere quello che siamo.

E’ anche il nostro potere personale, cioè la capacità di essere pienamente noi stessi, senza cercare di dominare gli altri, ma anche senza farci prevaricare.

Questo centro energetico è definito anche Chakra del Plesso Solare: dobbiamo quindi permetterci di essere il sole, senza nasconderci dietro le nubi per risultare più “graditi” a chi ci circonda.

Lo stato di questo chakra ci mostra il modo in cui vediamo il mondo, in quanto collegato alla vista (sia in senso fisico, sia come metafora interiore).

Il messaggio in termini di comunicazione energetica che la blefarite ci vuole trasmettere è abbastanza immediato: al momento in cui insorge, avevamo qualcosa nella nostra vita che ci “bruciava” vedere. Forse alcuni aspetti della nostra esistenza non erano in chiaro, oppure non ci eravamo permessi di essere pienamente noi stessi. Quando si formano ulcere nei margini palpebrali, le informazioni che ci pervengono ci dicono che, continuando a agire nel modo teso che ha determinato la blefarite, il muro energetico diventa più consistente e più arduo da smantellare.

continua

11/07/08
occhiOK

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook