La comunicazione energetica

Esplorare l’uso consapevole dell’energia, attraverso la scoperta della nostra capacità di essere creatori e molto altro ancora…

Rossella Panigatti

 

Rossella_Panigatti

30.ERNIA INGUINALE: UN SINTOMO CHE DENOTA CHE NON ABBIAMO ASCOLTATO IL NOSTRO CORPO

Cari ricercatori,

abbiamo visto che, non ascoltando le indicazioni del Secondo Chakra, ci perdiamo informazioni importanti che riguardano gli aspetti della sessualità, dell’ascolto delle emozioni e del rapporto con il cibo.

Ma cosa accade quando le tensioni non si risolvono e procedono, fino a arrivare al fisico?

Le parti del corpo o i sistemi che sono presieduti dal Secondo Chakra sono quelli che riguardano l’addome:sistema di riproduzione, (ovaie, utero e testicoli); sistema d’assimilazione (intestino tenue e intestino crasso); linguain quanto organo del gusto.

Prendiamo, per esempio, una patologia tipica che denota tensione a questo livello: l’ernia inguinale. Dal punto di vista della medicina l’ernia inguinale è determinata da un’ansa intestinale che fuoriesce per un rilassamento della parete addominale, spingendo sulla cute e causando la comparsa di una più o meno evidente tumefazione a livello dell’inguine.

Poiché è una patologia che riguarda l’addome, e precisamente una parte dell’intestino tenue, è ascrivibile a una tensione al Secondo Chakra.

In questo caso, la tensione determinata o dall’energia sessuale o dalle emozioni che la persona non si è permessa di sentire ha superato la barriera del controllo, costituita di muscoli addominali (muscoli – Terzo Chakra)

Significa che la persona ha fortemente controllato per reprimere la comunicazione che il suo corpo le dava su ciò che trovava piacevole e sulle emozioni che non si permetteva di sentire.

Non ha quindi avvertito il disagio che il vivere parzialmente la sua sessualità implicava, così come il negare di sentire le emozioni. La pressione è aumentata fino al punto di premere e essere visibile, formando l’ernia.

continua

30/06/08
30GIUGNO

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook