La comunicazione energetica

Esplorare l’uso consapevole dell’energia, attraverso la scoperta della nostra capacità di essere creatori e molto altro ancora…

Rossella Panigatti

 

Rossella_Panigatti

6.LA COMUNICAZIONE ENERGETICA: USARE L’ENERGIA PER CAPIRE NOI STESSI E FARCI CAPIRE

Cari ricercatori,

Ricordiamoci quello che abbiamo detto la scorsa settimana: che, secondo la prospettiva energetico-spirituale e contrariamente a quello che ci viene insegnato, noi siamo interi, perfetti, sani. E se non manifestiamo questo stato, se siamo infelici o abbiamo qualche malattia, è solo perché ci siamo distratti dal nostro stato naturale. Nei prossimi giorni vedremo cosa ci induce a dimenticarci chi siamo e quali sono gli effetti di questo atteggiamento nella nostra vita. Vedremo anche come recuperare la consapevolezza che ci permetterà di prendere decisioni più congrue con quello che siamo, oltre che acquisire gli strumenti per attuarla.

Per prima cosa spostiamo la nostra attenzione dal meccanismo di causa-effetto della cosiddetta realtà fisica, interpretando ciò che accade in noi e fuori di noi secondo la realtà energetica. Quindi, da ora in poi definiremo ogni cosa in termini energetici, anche per quanto riguarda gli aspetti della comunicazione. Secondo quest’ottica, quando stiamo male, è perché abbiamo preso delle decisioni senza aver valutato tutte le informazioni che ci servono. Nella nostra coscienza nono sono arrivati tutti i messaggi che ci servono per fare una scelta coerente con quello che siamo, semplicemente perché abbiamo bloccato la nostra energia a qualche livello. E allora nascono i disagi che, se inascoltati, crescono fino a diventare sintomi. E’ proprio così: se non siamo noi stessi andiamo fuori equilibrio e, se questa condizione è protratta nel tempo o molto forte, finiamo per ammalarci.

Da qui in poi useremo l’energia per capire meglio noi stessi e farci capire.

continua

20/05/08
06_marte

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook