La comunicazione energetica

Esplorare l’uso consapevole dell’energia, attraverso la scoperta della nostra capacità di essere creatori e molto altro ancora…

Rossella Panigatti

 

Rossella_Panigatti

23.CAUSE DI SQUILIBRIO DEL PRIMO CHAKRA

Cari ricercatori,

abbiamo visto come ci si sente a avere un Chakra di Base che funziona! Quando invece proviamo paura, significa che, da qualche parte in queste aree, il muro esiste; vuol dire che abbiamo preso la decisione che non siamo al sicuro, che qualcosa ci minaccia, che la terra non è un posto facile e accogliente per noi, che dobbiamo sempre difenderci.

Da dove nasce questa decisione? Cosa ci fa pensare che il mondo sia brutto e cattivo, pronto sempre a farci del male?

Lo squilibrio può essere legato a un fatto contingente ma, quando reiterati segnali ci fanno capire che il Primo Chakra è spesso squilibrato, dobbiamo risalire al rapporto con la mamma; la sua funzione è appunto quella di provvedere al nutrimento e a fornire uno spazio sicuro. E’ chiaro che il nutrimento non è solo fisico, ma soprattuttoemozionale e affettivo.

Da bambini reagiamo agli stimoli esterni generati dal rapporto con lei, prendendo delle decisioni in merito a tutto ciò che per noi rappresenta sicurezza. Analogamente da adulti adotteremo lo stesso schema creato nel rapporto con la madre (“C’è n’è sempre in abbondanza per me” oppure“Bisogna lottare per avere ciò che si vuole” e così via) e lo applicheremo nelle aree di competenza del Primo Chakra: il denaro, la casa e il lavoro e, soprattutto, della fiducia in noi stessi.

Pertanto, se abbiamo deciso che la relazione con nostra madre era difficile, un’eterna lotta, tutto quello che riguarderà la sicurezza per lui sarà così, avrà la stessa connotazione di difficoltà. Di contro, se il legame con lei era fecondo e facile, il nostro rapporto con le fonti di sicurezza sarà estremamente semplice e gratificante.

continua

13/06/08
madreok

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook