La comunicazione energetica

Esplorare l’uso consapevole dell’energia, attraverso la scoperta della nostra capacità di essere creatori e molto altro ancora…

Rossella Panigatti

 

Rossella_Panigatti

39.LA SINDROME DEL “IO NON MERITO AMORE”

Cari ricercatori,

vediamo quale disagio può generare una chiusura del Chakra del Cuore: la sindrome del “Io non merito amore” è molto comune.

E’ generata da una percezione di rifiuto. Il sentirci respinti, soprattutto se l’esperienza è vissuta come un tradimento, è una delle ragioni che generano i muri più alti.

Se decidiamo che siamo stati respinti, rivolgiamo questonon amore verso noi stessi: è possibile che su questo terreno si inneschi un vero e proprio meccanismo autodistruttivo.

La nostra relazione con gli altri diviene artificiosa, poiché dobbiamo controllare e rimuovere tutti i sentimenti connessi all’evento che ha generato il rifiuto. Ci impediamo di sentire il dolore e la rabbia. Soprattutto non accettiamo il fatto naturale di sentire l’amore, perché così facendo riapriremmo la porta a questi sentimenti repressi.

Di conseguenza, creiamo una distanza dagli altri per paura di essere di nuovo feriti, con il risultato di sentirci separati e disperatamente soli.

Un altro schema che genera questa sindrome è quando una persona cara muore, o si ammala o, semplicemente, si allontana da noi per circostanze indipendenti dalla sua volontà. In questo caso, avendo già una sensibilità a livello che Chakra del Cuore, è facile creare uno schema perverso del tipo:“Mi ha abbandonato/rifiutato quindi significa che sono colpevole e, pertanto, devo essere punito”. Ovviamente, la punizione è il non amore.

Non importa quanto cerchiamo di razionalizzare l’evento da adulti, fornendoci delle spiegazioni logiche e coerenti. Se non revochiamo quel fatidico ultimatum del se sono stato abbandonato, sono colpevole la nostra vita affettiva sarà un disastro.

continua

25/07/08
amore250708

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook