La comunicazione energetica

Esplorare l’uso consapevole dell’energia, attraverso la scoperta della nostra capacità di essere creatori e molto altro ancora…

Rossella Panigatti

 

Rossella_Panigatti

47.AVERE IL SESTO CHAKRA IN EQUILIBRIO

Cari ricercatori,

Quando siamo in equilibrio a questo livello, perdiamo i pregiudizi su come le cose dovrebbero essere, frutto di ciò che abbiamo appreso e della personalità, e le vediamo per quello che realmente sono. Siamo consapevoli che la realtà che viviamo è l’esteriorizzazione dei nostri desideri, degli obbiettivi e delle paure che abbiamo.

Se questo livello è equilibrato, dunque, siamo consapevoli non solo delle nostre motivazioni profonde, ma vediamo anche le vere ragioni che muovono gli altri. Siamo pure consapevoli della assoluta bellezza e dell’infinità dei talenti delle persone: ci appare evidente che siamo tutti uguali.

Inoltre, la visione dal Sesto Chakra ci permette una comprensione diversa del mondo fisico; infatti, ci mostra chiaramente come ogni evento che accade a livello esteriore sia il risultato – consapevole o meno – della co-creazione tra le persone coinvolte. Ognuno è artefice della sua realtà: se diversi soggetti sono implicati nella stessa esperienza significa che, per differenti ragioni, hanno tutti deciso di farla.

Il nome con cui gli Indù definiscono il Sesto Chakra è Ajna, che significa percepire e comandare. Una volta consapevoli dell’aspetto di percezione di questo chakra, sede della saggezza e della visione interiore, ci rendiamo conto delle capacità illimitate che possediamo e, soprattutto, della nostra facoltà di creatori; così possiamo indirizzare meglio la nostra vita.

Pertanto, quando siamo in chiaro nello Spirito, sappiamo da dove veniamo e perché abbiamo scelto la strada che stiamo intraprendendo, conosciamo la direzione verso la quale stiamo andando e siamo in grado di individuare il percorso migliore per farlo.

continua

22/08/08
CHAKRASMEDITATION

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook