La comunicazione energetica

Esplorare l’uso consapevole dell’energia, attraverso la scoperta della nostra capacità di essere creatori e molto altro ancora…

Rossella Panigatti

 

Rossella_Panigatti

32.AVERE IL TERZO CHAKRA IN EQUILIBRIO

Cari ricercatori,

il Terzo Chakra rappresenta gli aspetti razionali, logici del nostro pensiero e corrisponde al corpo mentale; descrive il livello che, nella nostra società è conosciuto come personalità. E’ la parte di noi che ha imparato: a volte la mente crede di essere nostra reale essenza, così noi ci troviamo a confondere quello che siamo con quello che sappiamo.

Rappresenta anche l’idea che abbiamo di noi stessi, la nostra auto-immagine.

Il Terzo Chakra riguarda anche la libertà con cui ci permettiamo di essere noi stessi e, se è in equilibrio, ci è facile riconoscere che anche gli altri hanno lo stesso diritto.

Scegliamo, attimo dopo attimo, di essere quello che siamo, senza giudizio o censura; questo ci dà la naturalezza grazie alle quali esercitiamo il potere diessere noi stessi. Esercitiamo il nostro potere personale, che non significa cercare di prevalere sugli altri, ma indica solo quella attitudine che ci permette di essere pienamente noi stessi.

E’ il potere di, non il potere su.

Quando questo centro è equilibrato, non abbiamo bisogno di controllare tutto né, tanto meno, di criticare ogni cosa; non abbiamo aspettative e non cerchiamo di manipolare gli altri. Non ci sentiamo invasi o attaccati anche in una relazione. Semplicemente siamo.

La nostra mente, gli aspetti razionali e logici del pensiero, sono al nostro servizio, non diventano prevaricanti, non abbiamo idee ossessive di disistima perché conosciamo il nostro valore.

Quando questo chakra è in equilibrio ci rende efficaci nella vita, ci dà spontaneità e potere di essere chi siamo senza il bisogno di esercitare alcun dominio sugli altri.

continua

4/07/08
gabbiano

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook