La Nobile Via del Guerriero

Il Guerriero è il simbolo dell’uomo nobile e coraggioso che cerca con autentica sincerità la sua essenza, non solo per se stesso, ma per risvegliare nuova coscienza nella Terra.

Ognuno di voi può fare questa scelta e iniziare a VIVERE.

Roberto Maria Sassone

Roberto Maria Sassone

88. IL GUERRIERO E I CREATIVI CULTURALI

Ormai molti di voi sapete che la Via del mio cuore è lo Yoga Integrale e che riconosco come miei maestri Sri Aurobindo e Mère. Proprio dal senso della loro missione sulla Terra nasce potente in me il desiderio di impostare la vita non come esclusiva ricerca personale di Verità, ma soprattutto come collaborazione con gli altri uomini che sentono che l’unica salvezza per la Terra è sviluppare una nuova coscienza.

88_planEarLe persone che incarnano i valori della qualità della vita, della pace, del rispetto della terra, dell’economia etica, della crescita personale e spirituale, delle medicine naturali, etc, sono chiamati dal sociologo Paul Ray, da Fritjof Capra (autore del Tao della Fisica) e da Ervin Laslo, filosofo della scienza, Creativi Culturali.

Vi segnalo a tale proposito l’uscita di un libro che ogni guerriero dovrebbe sostenere Creativi Culturali, persone nuove e nuove idee per un mondo migliore – Enrico Cheli e Nitamo Montecucco (Xenia Edizioni).

Secondo il principio per cui ogni essere umano è connesso con tutti gli altri in una rete di coscienza, lo sviluppo di ognuno condiziona tutti, fino al punto da creare una massa critica di coscienze che modifica la coscienza planetaria. Ecco perché ogni guerriero ed ogni ricercatore ha il dovere umano e spirituale di partecipare a questo processo di crescita ed il suo contributo è essenziale alla Terra.

La coscienza non è una parola astratta, è una sostanza, anzi la sostanza per eccellenza che sostiene la manifestazione della vita. Più coscienze sbocciano, più aumenta la massa critica che ci conduce ad una ottava superiore.

Ormai vediamo chiaramente che il problema della civiltà attuale non è prodotto dalla deficienza di strutture, di organizzazioni, di conoscenze scientifiche, ma dell’uso sconsiderato e criminale che ne fanno gli esseri umani; e non parlo solo degli uomini di potere. I dittatori di ogni tempo hanno potere perché la massa di uomini-pecora glielo confermano giorno per giorno, irretiti dalla paura e dalla vigliaccheria.

Reich li chiamava piccoli uomini.

Il guerriero con ogni mezzo etico a sua disposizione combatte per instaurare la nuova coscienza della Terra.

La sua arma è la Coscienza.

Continua

13/10/09

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook