La Nobile Via del Guerriero

Il Guerriero è il simbolo dell’uomo nobile e coraggioso che cerca con autentica sincerità la sua essenza, non solo per se stesso, ma per risvegliare nuova coscienza nella Terra.

Ognuno di voi può fare questa scelta e iniziare a VIVERE.

Roberto Maria Sassone

Roberto Maria Sassone

242. IL GUERRIERO E IL SUO IMPEGNO PER IL 2014

Il 2013 sta per finire e lascia strascichi della peggiore Italia che potevamo immaginare! È ormai evidente che il problema non è la politica di per sé, ma il livello bassissimo di coscienza della maggior parte di politici che a loro volta sono al servizio dei predatori della finanza mondiale…

È possibile un cambiamento? Sono convinto che ci siano disegni molto più vasti in cui siamo inseriti come pianeta Terra e che ciò che sta accadendo sul nostro pianeta esprima una crisi evolutiva. Ma in ogni crisi il vecchio si deve sgretolare per lasciare il posto al nuovo.

Non si tratta di un nuovo fatto con le stesse logiche del vecchio. Non è un vecchio migliorato. Il problema non sono le strutture o le leggi, o le organizzazioni, ma la cattiva coscienza di chi le crea e si nutre a spese di esse.

Il nuovo può solo essere la nuova coscienza, che nasce da individui etici, con una consapevolezza in grado di percepire il collegamento con la vita, individui che sono capaci di sentirsi uniti ai propri simili da legami empatici.

Tutti i veri Maestri hanno detto che solo un cambiamento di coscienza può trasformare le sorti dell’umanità, e io credo profondamente in questo perché l’ho sperimentato nel mio piccolo su di me e intorno a me. Il testimone passa all’uomo comune, che si sta svegliando, che vede sempre più chiaramente il grande imbroglio che gli uomini di potere hanno intessuto intorno a lui.

È l’uomo comune ormai il vero guerriero, colui che si è apre alla sua essenza, che è in contatto col cuore, che cerca di realizzare una vita più semplice e autentica, che pratica la meditazione per essere più cosciente e presente, che abbraccia i valori ecologici, la solidarietà, la sincerità, la tolleranza, che sente crescere in sé la forza che proviene dall’intimo.

Vi auguro quindi delle feste di profonda riflessione, in cui osservarsi nel silenzio, accanto a persone che condividano gli stessi valori perché li sentono. E vi auguro un 2014 in cui ognuno di voi si assuma con maggiore impegno la sua parte di responsabilità verso la Terra, rendendo se stesso più vero.

 


LibroEducazione    LibroGuerriero    LibroLaRicerca

 

Img credits

 

23/12/13
RMS2312

Un commento a “242. IL GUERRIERO E IL SUO IMPEGNO PER IL 2014”

  1. rosario puzzanghera

    Se non si vuole parlare troppo accademicamente, occorre vincere gli “arkai” genitoriali!

    Rispondi

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook