Monthly Archives: aprile 2012

197. IL GUERRIERO E LA MEDITAZIONE

197. IL GUERRIERO E LA MEDITAZIONE

Quando si parla di meditazione scopro spesso che ognuno intende una cosa diversa, quindi dare per scontato il significato del termine genera grandi confusioni. Meditazione è lo stato di coscienza in cui si è nel presente e non nella mente. Questa condizione non è facile da raggiungere perché la stragrande maggioranza di individui identifica se stesso… Read more »

196. IL GUERRIERO E IL CORPO COME PORTALE

196. IL GUERRIERO E IL CORPO COME PORTALE

Sentire il corpo è il principio essenziale per richiamare la Presenza. Ormai questo assunto deve diventare un intento categorico di ogni ricercatore: senza corpo non c’è Presenza. Naturalmente il catalizzatore della Presenza è il respiro a cui si giunge tramite il primo strumento di un’importanza eccezionale: l’ATTENZIONE. Dice Echart Tolle: “La Presenza è un’intensa vitalità…. Read more »

195. IL GUERRIERO, IL BENE E IL MALE

195. IL GUERRIERO, IL BENE E IL MALE

Il momento di maggior crisi del guerriero avviene quando ha ormai l’esperienza evidente che la sua mente costruisce la realtà della sua vita. A molti questo può sembrare normale. Anzi, si potrebbe dire che la nostra mente è il livello più evoluto della nostra individualità, e quindi che senso avrebbe entrare in crisi per questo?… Read more »

194. IL GUERRIERO E IL SENSO DI COLPA

194. IL GUERRIERO E IL SENSO DI COLPA

Ci sono due tipi di sensi di colpa: il primo scaturisce dall’aver compiuto davvero un’azione malvagia, come oltraggiare e fare violenza a qualsiasi essere vivente. Il secondo invece è la più grande idiozia che la nostra mente possa partorire e ci tiene schiavi, facendoci soffrire inutilmente. Nel primo caso, bisogna riparare, ma non si può… Read more »