La Nobile Via del Guerriero

Il Guerriero è il simbolo dell’uomo nobile e coraggioso che cerca con autentica sincerità la sua essenza, non solo per se stesso, ma per risvegliare nuova coscienza nella Terra.

Ognuno di voi può fare questa scelta e iniziare a VIVERE.

Roberto Maria Sassone

Roberto Maria Sassone

215. IL GUERRIERO E LA SPIRITUALITÀ SU RICHIESTA

“Mio Signore, fa che riesca a concludere con l’acquisto di quella casa…” “Ti prego, aiutami a realizzare il mio sogno…”

Ci si ricorda del Divino e si diventa improvvisamente spirituali quando le cose vanno male, quando qualsiasi tipo di richiesta diventa impellente, quando si ha paura di perdere qualcosa di prezioso!
Quando la tempesta passa, il grande afflato spirituale si annacqua gradualmente e si perde nei rivoli del quotidiano.
Alcuni movimenti spirituali traggono addirittura il loro successo dalla promessa di riuscire a realizzare i desideri.
Ma questo è commercio, non fede! La logica della contrattazione che domina il nostro secolo viene traslata anche su questo piano.
A volte la richiesta sembra più nobile: ottenere la Pace interiore oppure l’illuminazione.

Il guerriero non chiede, ma si offre. Offre ogni aspetto di sé, ogni sua azione e non si aspetta niente in cambio, perché già è colmo della sua Aspirazione verso il Divino. Ama senza condizione.

Bisogna intendersi: è profondamente umano chiedere aiuto. Ma il guerriero non pensa “Ti amo, se mi esaudisci”. Non c’è nessun “se”…
Egli sente la Gratitudine perché respira, perché si sente amorevolmente accolto dal calore dell’Essere, perché già è in Lui e con Lui.
Questa esperienza è pregnante e concreta, è vissuta nel corpo, nel cuore, nella mente. Nasce da uno spazio che ha coltivato giorno per giorno, mese per mese, anno per anno, nel silenzio del petto, nel soffice spazio dell’anima, nella meditazione quotidiana che lo conduce alla Presenza e all’Ascolto della Voce interiore.
La sincerità nel vedersi per ciò che si è veramente, momento per momento, l’umiltà di riconoscere i movimenti oscuri e le istanze meschine… tutto questo osservare contribuisce ad aprire lo spazio del cuore e a lasciar penetrare le gocce del nettare.
La nobiltà cresce attraverso la verità di sé.

13/11/12
215. IL GUERRIERO E LA SPIRITUALITÀ SU RICHIESTA

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook