Navigando nelle infinite possibilità dell'essere

22. LA DIGNITA’ DEL GUERRIERO

22_wheat

Ogni tanto è necessario ricordare che il guerriero non è un superuomo e proprio questa sua umanità al servizio della sua aspirazione ad essere VERO rappresenta il suo più grande eroismo. Ciò significa che il guerriero, se viene ferito, sanguina come tutti gli esseri umani, ma è diversa la sua reazione al dolore del colpo che gli viene inferto.

Ma cosa lo ferisce in particolare? Essere trattato con disprezzo, essere colpito nella sua dignità di essere umano. Lo so, se fosse totalmente integro, forse sarebbe insensibile anche a questo, ma il guerriero non è un illuminato, anche se ha contatto con la Luce. Conosce il buio nel suo viaggio faticoso, inciampa e cade. Conosce talvolta la stanchezza e desidera anche il riposo.

La dignità è un valore fondamentale per ogni essere umano; il guerriero è più sensibile al tema della dignità perché sente con tutto il suo essere che ogni uomo è realmente ad immagine e somiglianza del Divino ed incarna come microcosmo le numerose potenzialità dell’Essere, comprendendo in sé le due polarità del corpo e dello spirito con tutta una gamma di sfumature che passano tra queste due polarità.

L’UOMO è un seme ancora in sviluppo, che non ha ancora espresso la sua Gloria. Le sue potenzialità sono enormi, anche se ciò che vediamo nella storia attuale ci può far credere il contrario. Per ciò ogni qualvolta siamo di fronte ad un essere umano, anche quando ha sbagliato, anche quando siamo arrabbiati o addolorati, non rinunciamo alla nostra reazione, ma agiamo tenendo conto della sua dignità.

Nelle relazioni sentimentali è estremamente facile cadere nella trappola del disprezzo. E’ più semplice attribuire le colpe all’altro, ignorando le nostre responsabilità. Il guerriero è particolarmente attento a non ferire la persona amata perché sa riconoscere i suoi limiti e comprende i limiti del compagno. Non può pretendere rispetto chi non è capace di darlo.

Continua

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia un commento con Facebook