La Nobile Via del Guerriero

Il Guerriero è il simbolo dell’uomo nobile e coraggioso che cerca con autentica sincerità la sua essenza, non solo per se stesso, ma per risvegliare nuova coscienza nella Terra.

Ognuno di voi può fare questa scelta e iniziare a VIVERE.

Roberto Maria Sassone

Roberto Maria Sassone

130. IL GUERRIERO E LA NEGLIGENZA

Più si avanza nella Via del Guerriero, più le trappole diventano sofisticate.

130Il guerriero finisce con lo sviluppare una sicurezza e una fiducia in se stesso che nascono da reali conquiste nell’ambito della sua personalità e della sua essenza. Egli va direttamente al cuore delle cose, coglie il nucleo dei problemi e delle situazioni, muovendosi con leggerezza e disinvoltura.

Ma proprio questa fiducia in se stesso può diventare la trappola sottile che l’ego, sempre in agguato, gli tende sfruttando una qualità reale ed acquisita. Questa fiducia nella sua visione d’insieme a volte porta il guerriero a trascurare dei dettagli che invece sono importanti nell’azione; il risultato è una caduta improvvisa perché, proprio quel dettaglio trascurato conduce l’azione al fallimento o rende la sua azione imprecisa e poco efficace, quando non la vanifica del tutto.

Proprio quando ci si sente sicuri di sé bisogna aumentare la vigilanza e compiere tutti i passaggi di un’azione in maniera più precisa e più meticolosa. Più aumenta la velocità con cui si procede, più diventa pericolosa una singola pietruzza sull’asfalto.

Ecco perché l’umiltà è così fondamentale nella Via del Guerriero.

12/10/10

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook