Navigando nelle infinite possibilità dell'essere

52. LA RETE DEI GUERRIERI

L’Italia sta andando in pezzi… e ciò che più sconvolge è che moltissimi italiani dormono e si aggrappano con un’estrema incoscienza al Grande Fratello e a San Remo. Ed è proprio questo loro sonno a far crescere il potere dell’ignoranza e dell’arroganza. E’ in gioco la libertà essenziale, la dignità della persona, la cultura della conoscenza.

La democrazia è una conquista che assume forza dalla reale capacità degli individui di riconoscersi come soggetti attivi e consapevoli, capaci di autodeterminarsi e di riconoscere il valore della vita, della realizzazione personale, del lavoro, e della cultura. Le dittature attecchiscono dovunque si è spenta la capacità del pensiero creativo e della discriminazione. Chi si nasconde, come fanno gli struzzi (mettendo la testa sotto la sabbia), si trova incatenato, senza accorgersene.

Uno stato che spinge sempre di più a volere determinare e condizionare ogni singola scelta del cittadino si avvia verso una china molto pericolosa. Chi si accontenta, per quieto vivere, di un benessere costruito esclusivamente sulle antenne paraboliche, sulla televisione demenziale e sulle partite di calcio, ha la responsabilità di accelerare la perdita di libertà.

52_dolpI guerrieri hanno il dovere di riconoscersi e di unire le loro forze per combattere questa degenerazione della coscienza collettiva, per risvegliare chi dorme, per favorire l’apertura del Cuore, per riportare alla solidarietà.

Scrisse Wilhelm Reich a proposito del piccolo uomo addormentato di cui stiamo parlando: “TU STESSO SEI IL TUO AGUZZINO! Nessuno, se non tu stesso, sei colpevole della tua schiavitù (…) Ecco come sei, piccolo uomo. Sei abile nel vuotare, nell’esaurire, divorando con e senza cucchiaio, ma non sai attingere (…) Sei in grado solo di vuotare e prendere, ma non di attingere e dare (…) perché ti prende il panico quando il moto primordiale dell’AMORE e del DONARE si fa sentire in te. Perciò hai paura di dare (…) Hai dentro di te una profondità e non lo sai. Hai paura, una paura mortale della tua interiorità (…) Questa immensità racchiusa dentro di te rappresenta il tuo futuro.”

Continua..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Lascia un commento con Facebook