Navigando nelle infinite possibilità dell'essere

74. IL GUERRIERO E IL CONFRONTO

74_pavoneB

La possibilità di confrontarsi con altre persone esperte in diversi settori della scienza e della conoscenza è certamente un’occasione importante di arricchimento reciproco; per tale motivo si indicono i Convegni su un certo tema comune, visto da varie angolazioni di pertinenza di ogni ricercatore.

Ma si assiste ad uno strano spettacolo: i partecipanti (non tutti per fortuna) sono impegnati a vendere il loro prodotto, a farsi notare dal cattedratico più importante, a far mostra della loro conoscenza e preparazione, a far cadere casualmente accenni sulle loro iniziative e sui loro titoli. E’ come una danza di pavoni, fatta di sorrisi, ammiccamenti, gesti amichevoli, cambiamenti di posto, piccole strategie.

Il guerriero osserva tutto ciò e si tiene ben lontano dal colludere con questi falsi movimenti. Invece individua la persona di valore e cerca di avere con essa un confronto autentico, attraverso

il quale imparare ed ampliare il suo orizzonte con altri punti di vista. Contemporaneamente comunica le conoscenze a cui è giunto, per arricchire lo scambio e offrire spunti che consentano nuove sintesi.

La conoscenza non appartiene a nessuno, ma tutti ne devono beneficiare. Non ci deve essere la mia idea e la tua idea, ma le nostre idee che ci procurano una sensazione di pienezza nella condivisione. Contemporaneamente è un atto di attenzione e di riconoscenza citare la persona che è collegata a quel pensiero o a quel metodo, senza appropriarsene. Io cito sempre la persona da cui ho imparato qualcosa perché provo gratitudine nei suoi confronti.

Continua..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Lascia un commento con Facebook