Navigando nelle infinite possibilità dell'essere

158. IL COMPLEANNO DEL GUERRIERO

158. IL COMPLEANNO DEL GUERRIERO

Ho imparato poche cose nella mia vita, ma di esse la più importante e speciale si chiama Gratitudine. E’ una gratitudine non selettiva, che non si collega soltanto ad eventi felici, ma accoglie anche le prove e il dolore.

Se si guarda la propria vita, soprattutto quando si comincia ad avere una “certa età”, ci si accorge che i periodi di maggiore crisi, in cui sembrava che il mondo crollasse sulla testa, sono stati proprio quelli che hanno consentito la svolta radicale.

Nel giorno del mio compleanno (24 maggio) sento impellente il desiderio, ed anche la gioia, di ribadire la mia Gratitudine per tutto ciò che mi viene elargito ogni giorno.

Voi, amici ricercatori, fate parte di questi doni di cui parlo. Voi, con il vostro affetto, la stima, i dialoghi, i confronti, mi fate da specchio e mi aiutate a “vedermi” meglio.

E’ vero che il guerriero compie l’azione, senza aspettarsi un frutto, ma comunque le conseguenze di quell’azione sono indicative per il guerriero; sono un termometro che misura la sua sincerità ed efficacia.

Dobbiamo sempre osservare ciò che la Vita ci rimanda, altrimenti diventiamo individui orgogliosi e fatui e perdiamo il contatto con la realtà.

GRAZIE a tutti voi, perché siete preziosi!..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Lascia un commento con Facebook