Navigando nelle infinite possibilità dell'essere

154. IL GUERRIERO E LA FEDELTA'

154. IL GUERRIERO E LA FEDELTA’

Premesso che ogni rapporto sessuale di un individuo integrato non è mai disgiunto da un contatto amorevole e che il desiderio si manifesta nei confronti di più persone, è evidente che quando si ha una relazione d’amore con un altro essere umano, la relazione sessuale si raffina e si arricchisce di nuove intensità che rendono inutile, e talvolta fuorviante, altre esperienze sessuali.

La fedeltà quindi non è una questione morale, ma diventa una scelta naturale che non crea alcuna frustrazione o rimpianto.

La coppia autenticamente coevolutiva (cosa molto rara!) consente esperienze di una ricchezza inimmaginabile ed è anche palestra di crescita personale reciprocamente stimolata.

La fedeltà autoimposta puzza di bruciato, nasconde insoddisfazioni non espresse in nome di un senso di sacrificio che non è conciliabile con l’amore.

Chi ama non sente la fedeltà come un obbligo o un limite.

Ma affermare che chi ama non possa avere desiderio per altri è profondamente ipocrita. Ciò che cambia in una relazione d’amore è che questo desiderio non ha il carattere dell’urgenza e si può con facilità “lasciare” perché non è un bisogno.

Chi si sacrifica per amore dovrebbe sentire un campanello d’allarme! La rinuncia deve manifestarsi in maniera naturale…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Lascia un commento con Facebook