La Nobile Via del Guerriero

Il Guerriero è il simbolo dell’uomo nobile e coraggioso che cerca con autentica sincerità la sua essenza, non solo per se stesso, ma per risvegliare nuova coscienza nella Terra.

Ognuno di voi può fare questa scelta e iniziare a VIVERE.

Roberto Maria Sassone

Roberto Maria Sassone

154. IL GUERRIERO E LA FEDELTA’

Premesso che ogni rapporto sessuale di un individuo integrato non è mai disgiunto da un contatto amorevole e che il desiderio si manifesta nei confronti di più persone, è evidente che quando si ha una relazione d’amore con un altro essere umano, la relazione sessuale si raffina e si arricchisce di nuove intensità che rendono inutile, e talvolta fuorviante, altre esperienze sessuali.

La fedeltà quindi non è una questione morale, ma diventa una scelta naturale che non crea alcuna frustrazione o rimpianto.

La coppia autenticamente coevolutiva (cosa molto rara!) consente esperienze di una ricchezza inimmaginabile ed è anche palestra di crescita personale reciprocamente stimolata.

La fedeltà autoimposta puzza di bruciato, nasconde insoddisfazioni non espresse in nome di un senso di sacrificio che non è conciliabile con l’amore.

Chi ama non sente la fedeltà come un obbligo o un limite.

Ma affermare che chi ama non possa avere desiderio per altri è profondamente ipocrita. Ciò che cambia in una relazione d’amore è che questo desiderio non ha il carattere dell’urgenza e si può con facilità “lasciare” perché non è un bisogno.

Chi si sacrifica per amore dovrebbe sentire un campanello d’allarme! La rinuncia deve manifestarsi in maniera naturale.

21/04/11
154. IL GUERRIERO E LA FEDELTA'

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook