L'Abbraccio che Libera

Con questo blog desidero risvegliare la consapevolezza sul potere dell’abbraccio come modalità di difesa nei confronti di se stessi e degli altri. Comprendere come abbracciare teneramente ogni nostra e altrui debolezza, paura, dolore, ogni lato oscuro che vorremmo non avere, ogni evento e situazione difficile, ogni nostro pensiero ed emozione, ci permetterà di realizzare la magia di quella morbidezza necessaria per fluire liberi con la Vita, quella morbidezza indispensabile per riuscire a entrare in quell’eterno presente che è la porta del Regno dei Cieli.

Carlotta Brucco

Carlotta-Brucco-BN2

07. SESSUALITA’ E AMORE

Dopo “l’abbraccio nella coppia” parliamo della continuazione di questo abbraccio. Ci sono molti modi di vivere la sessualità con il proprio partner; tratterò ora quello secondo me utile alla crescita verso la libertà.

Importante è intanto guardare al sesso senza giudizio e rigidità, per sentirlo sempre più come un momento di scambio e unione che arricchisce entrambi. Fondamentale a tal fine è porsi con il cuore aperto pronti ad accogliere e ad essere accolti.

Il sesso si trasforma in amore e quindi in una sensazione che nutre a 360 gradi, ogni qual volta riusciamo ad abbracciare e a farci abbracciare a livello sia del corpo che dell’anima. Ricordiamo infatti che è limitante ridurre la sensazione di piacere al solo corpo quando è possibile espanderla a tutto l’universo interiore.

In quel momento di contatto si è in due, spesso lo si dimentica e ci si concentra unicamente su di sé perdendo la comunicazione con l’altro. Molto riduttivo è infatti vivere l’atto sessuale come “tu dai piacere a me, io do piacere a te”. Qui manca l’unione; il tutto accade a livello animale. Questo non è granché soddisfacente e utile per chi desidera la libertà.

Un incontro che realizza uno scambio più profondo, nel quale si abbandona la paura di abbracciare l’altro con cuore aperto a qualsiasi costo, è un’occasione che permette di comprendere più a fondo il potere dell’amore, una vera e propria forza per vincere tutte le battaglie. Quando infatti prendiamo consapevolezza che è possibile amare anche quando non ci sentiamo amati, diventiamo invincibili.

Nel far l’amore è buona cosa quindi essere totalmente aperti e presenti, permettendo a tutte le sensazioni di fluire libere nel corpo, nell’anima e ascoltare con ogni parte di sé tanto profondamente l’altro da sentire quel confine che separa dileguarsi nell’uno.

Abbandoniamo ogni paura perché questa impedisce l’unione. E per non avere più paura occorre sviluppare la consapevolezza che nulla e nessuno ha il potere di toglierci la capacità di amare: tutto ciò che ci serve per essere felici.

Se siete stati feriti e sconfitti, alzatevi e amate più profondamente, e fatelo ancora e ancora finché maturerà la coscienza di non essere voi ad amare ma di essere l’amore stesso.

11/07/11
07. SESSUALITA' E AMORE

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook