L'Abbraccio che Libera

Con questo blog desidero risvegliare la consapevolezza sul potere dell’abbraccio come modalità di difesa nei confronti di se stessi e degli altri. Comprendere come abbracciare teneramente ogni nostra e altrui debolezza, paura, dolore, ogni lato oscuro che vorremmo non avere, ogni evento e situazione difficile, ogni nostro pensiero ed emozione, ci permetterà di realizzare la magia di quella morbidezza necessaria per fluire liberi con la Vita, quella morbidezza indispensabile per riuscire a entrare in quell’eterno presente che è la porta del Regno dei Cieli.

Carlotta Brucco

Carlotta-Brucco-BN2

23. DIFENDERSI CON L’APERTURA DEL CUORE

Quando ero bambina, visto che non conoscevo il modo migliore per avere a che fare con la vita, mi sentivo un po’ come se fossi in guerra. Mi guardavo attorno, osservavo le persone e cercavo di capire come funzionasse il mondo e le relazioni. Vedevo che i rapporti erano una specie di battaglia in cui le parti sembravano combattere e attaccarsi per avere la meglio. Vedevo aggressività, paura, tristezza e tanta tanta difesa. Imparai bene l’arte del combattimento ma quel modo di esistere mi lasciava dentro un’abissale tristezza e malinconia. Una parte di me sapeva che c’era un altro sistema per vivere, ma non riuscivo a coglierlo.

Spinta dalla continua ricerca di questo sistema, pian piano iniziai il cammino interiore e incontrai molti maestri di ogni tradizione che mi insegnarono la via verso la libertà. Compresi che c’è un automatismo dentro di noi che ci fa reagire al mondo, agli altri e alla vita con la chiusura del cuore. Siamo abituati a questo atteggiamento interiore difensivo e ci viene spontaneo, ma capii anche che per fortuna non ci appartiene. Per qualche motivo crediamo che sia il miglior sistema di difesa del nostro essere e scegliamo di usarlo, senza accorgerci invece che è proprio la prima causa di sofferenza.

A un certo punto della mia vita compresi che la miglior difesa è proprio l’apertura del cuore, che come un abbraccio accoglie anziché respingere.
Quando qualcuno ci ferisce, la miglior difesa è aprirci a costui fino a sentire di poterlo abbracciare. Allora sentiremo il flusso della vita che scorre, che ci permetterà di comprendere il miglior modo di entrare in azione.

Non confondete l’apertura con l’accettare tutto senza agire in alcun modo. Abbracciare non vuol dire non entrare in azione. La vita paga quando ci difendiamo con apertura, e la sosteniamo con tutte le azioni adatte al momento; invece non paga la chiusura che sempre utilizza reazioni di attaccamento o rabbia.
C’è molta incomprensione riguardo la convenienza del rimanere aperti ed è necessario ascoltarsi molto beneper conoscere a fondo il potere di questa forza.

10/02/12
23. DIFENDERSI CON L'APERTURA DEL CUORE

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook