L'Abbraccio che Libera

Con questo blog desidero risvegliare la consapevolezza sul potere dell’abbraccio come modalità di difesa nei confronti di se stessi e degli altri. Comprendere come abbracciare teneramente ogni nostra e altrui debolezza, paura, dolore, ogni lato oscuro che vorremmo non avere, ogni evento e situazione difficile, ogni nostro pensiero ed emozione, ci permetterà di realizzare la magia di quella morbidezza necessaria per fluire liberi con la Vita, quella morbidezza indispensabile per riuscire a entrare in quell’eterno presente che è la porta del Regno dei Cieli.

Carlotta Brucco

Carlotta-Brucco-BN2

25. I SOGNI

sogni sono molto importanti perché possono essere usati per conoscerci più a fondo. Spesso infatti sono manifestazioni di quei nostri aspetti al confine tra conscio e inconscio che fatichiamo a riconoscere, ma che potrebbero esserci molto utili per portare luce dove non c’é.

Più che alle immagini oniriche da interpretare mi riferisco alle sensazioni che le accompagnano. Proprio queste ultime dovrebbero richiamare la nostra attenzione per addentrarci in una chiarezza sempre più grande. Con “chiarezza” mi riferisco alla consapevolezza e non al credere di avere tutto sotto controllo con la mente.
25. I SOGNIQuasi tutti i sogni sono proiezioni del nostro materiale interiore e rispecchiano le nostre paure, i nostri desideri, le nostre aspettative. Ho notato quanto spesso invece molti cerchino di dare a essi un’interpretazione romantica, come se i sogni fossero uno specchio degli altri, dell’esterno anziché di noi stessi.

E’ utile cercare di cogliere la sensazione dietro le immagini o le storie che si formano nel sogno perché ci serve per essere ancora più sinceri con noi stessi e vedere più chiaramente gli aspetti che sfuggono alla nostra coscienza. Non vediamo gli altri, ma noi stessi, e questo è un tesoro prezioso, un ottimo mezzo da utilizzare. Quando si rivela, in questo modo, il sentire legato a un aspetto inconscio, non dobbiamo interpretare o giudicare ma semplicemente accoglieresorridendo qualunque cosa si manifesti, assaporandola in tutto il corpo per poi lasciarla andare.
Vedo, sento, abbraccio, sorrido e lascio andare.
Mai trattenere nulla, nemmeno i sogni belli!
Tutto dev’essere vissuto intensamente e poi lasciato scorrere. Non é necessario analizzare pensando, ma assorbire la sensazione generata dal sogno con presenza in tutto il corpo, e poi ritornare al nostro presente per non pensarci più.

Più rari sono invece i “sogni di chiarezza” dove é possibile incontrare esseri meravigliosi che ci iniziano a una consapevolezza più grande, aprendoci porte interiori sconosciute.
Fin da bambina ho incontrato molti maestri nei sogni che in talune occasioni mi hanno rivelato tecniche preziose e mi hanno introdotto a stati di coscienza inimmaginabili. E’ possibile anche avere intuizioni sulla propria vita, premonizioni o magari ricordi di vite passate, ma sono veramente casi eccezionali e spesso comunque misti a proiezioni, per cui occorre cautela nell’interpretare.
Anche quando mi sono trovata a vivere nel sogno esperienze meravigliose mi è sempre stata data l’indicazione dai maestri di non dare consistenza e lasciar scorrere una volta sveglia, perché ogni volta che diamo importanza a qualcosa nasce attaccamento e questo impedisce di fluire e danzare con la vita.

Nel prossimo post spiegherò come generare l’atteggiamento corretto per richiamare i “sogni di chiarezza”.

8/03/12

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook