L'Abbraccio che Libera

Con questo blog desidero risvegliare la consapevolezza sul potere dell’abbraccio come modalità di difesa nei confronti di se stessi e degli altri. Comprendere come abbracciare teneramente ogni nostra e altrui debolezza, paura, dolore, ogni lato oscuro che vorremmo non avere, ogni evento e situazione difficile, ogni nostro pensiero ed emozione, ci permetterà di realizzare la magia di quella morbidezza necessaria per fluire liberi con la Vita, quella morbidezza indispensabile per riuscire a entrare in quell’eterno presente che è la porta del Regno dei Cieli.

Carlotta Brucco

Carlotta-Brucco-BN2

50. CREATORI DI SENSAZIONI

Ogni sensazione che proviamo emette una vibrazione, come fosse un suono. Queste vibrazioni creano la nostra realtà per cui è importantissimo generare sensazioni di un certo tipo. Noi siamo i creatori delle sensazioni di cui ci nutriamo. Le sensazioni negative emettono un suono disarmonico, un rumore, e creano una realtà priva di armonia. Le sensazioni di amore e gioia danno origine a una realtà di amore e gioia.
Ci hanno insegnato che i nostri sentimenti sono causati da ciò che ci accade. Questa è l’illusione che ci imprigiona nella sofferenza. Dobbiamo prendere consapevolezza invece che è proprio il contrario: noi abbiamo il potere di creare le sensazioni, che hanno il potere di creare la nostra realtà.
Se riusciamo a comprendere questo, la nostra vita sarà un’oasi di pace, gioia e libertà.
Capisco che è come invertire il “senso delle cose” così come ci è stato insegnato, ma è molto, molto conveniente. È una vera e propria conversione del cuore che ci permette di divenire co-creatori della nostra realtà.

Per iniziare è necessario sperimentare che le nostre sensazioni sono indipendenti da ciò che ci accade. Per esempio, se qualcuno si arrabbia con noi è possibile generare una sensazione di pace, gioia e amore, senza farci coinvolgere affatto nella situazione di rabbia.
Se qualche essere umano ci riesce vuol dire che è possibile. Ho conosciuto molte persone in grado di farlo ma quello che è più importante è che ho riscontrato da me tale possibilità. In genere non parlo di ciò di cui non ho fatto esperienza.

Proviamo a iniziare a darci questa opportunità e, pian piano, a renderla manifesta nella nostra vita. Quando ci capita qualcosa di spiacevole, fermiamoci un attimo prima della reazione automatica che crea una sensazione di risposta negativa. In quel momento proviamo a pensare che potremmo anche generare una sensazione positiva. Permettiamoci solo di pensarlo, solo di darci questa possibilità, anche se magari al momento non ci sentiamo ancora capaci di generarla veramente.
Fermiamoci solo un istante prima della reazione all’accaduto e facciamo questo pensiero: “Potrei anche creare una sensazione di pace”.

Noi reagiamo negativamente agli eventi spiacevoli perché ci hanno fatto credere che è giusto così. Con questa storia del “giusto” e dello “sbagliato” ci hanno tenuto in gabbia facendoci credere che non siamo in grado di volare! Se veramente capissimo la convenienza del generare sensazioni armoniche anche in situazioni difficili, lo faremmo subito.
Il problema è che non ci crediamo veramente.
Se capissimo che nutrirci di sensazioni sublimi dell’anima come gioia, tenerezza, pace, è il modo migliore per risolvere i problemi, lo faremmo immediatamente poiché è una libera scelta.

L’arma migliore per tenere le persone schiave: convincerle che le loro sensazioni di felicità sono causate dall’esterno! Hanno convinto i figli di Dio a essere dei mendicanti, quando possiedono ancora tutto il loro potere di amare e di essere liberi… ora!
Sembra che io stia parlando di un nemico, ma anche questo non è così rilevante e vero: il nemico è tale se noi gli diamo questo potere, se noi lo Vediamo tale.
L’unico nemico che ci dovrebbe interessare siamo noi stessi, il nostro personaggio, quell’Io che non ci permette di riconoscere di essere Dio.

Per prendere consapevolezza facilmente del potere di generare sensazioni che nutrono l’anima anche in presenza di una situazione esterna difficile, occorre cambiare la nostra Visione di noi stessi e del mondo. E ci sono chiavi preziose per poterlo fare. Ma ancor prima di ciò è necessario iniziare a darci questa possibilità. Iniziare a dirci: “Potrei essere felice generando sensazioni appaganti anche se sono in una situazione difficile”. Continuando a ripetere questo nel tempo si formerà spazio per tale possibilità… Prima di cambiare Visione, infatti, dobbiamocreare spazio ripulendoci dalle nostre certezze che impediscono la felicità.

Stefano, il mio compagno, ha fatto recentemente un sogno in cui si trovava in mezzo a una guerra; gente che moriva, piccoli e grandi che soffrivano terribilmente. Appare nella scena di guerra un omino blu che emette una vibrazione/sensazione di una particolare qualità e intensità… e la guerra finisce di colpo. Poi vede Elia, il nostro piccolo bambino, che fa la stessa cosa. Stefano sente nel sogno che anche lui ha la stessa capacità così come tutti gli esseri della Terra.

Se ognuno di noi prendesse consapevolezza del proprio potere di creare sensazioni di pace, amore e gioia in qualsiasi momento, qualunque cosa accada, il regno dei Cieli sarebbe qui, ora per tutti.
Se desideriamo essere felici e che anche gli altri lo siano, iniziamo a darci questa possibilità, iniziamo a riconoscere la nostra libertà.
Creando le sensazioni di cui vogliamo ricca la nostra vita, ci sintonizzeremo su quelle frequenze di realtà e saranno quelle a manifestarsi.

 

18/04/13
50. CREATORI DI SENSAZIONI

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook