L'Abbraccio che Libera

Con questo blog desidero risvegliare la consapevolezza sul potere dell’abbraccio come modalità di difesa nei confronti di se stessi e degli altri. Comprendere come abbracciare teneramente ogni nostra e altrui debolezza, paura, dolore, ogni lato oscuro che vorremmo non avere, ogni evento e situazione difficile, ogni nostro pensiero ed emozione, ci permetterà di realizzare la magia di quella morbidezza necessaria per fluire liberi con la Vita, quella morbidezza indispensabile per riuscire a entrare in quell’eterno presente che è la porta del Regno dei Cieli.

Carlotta Brucco

Carlotta-Brucco-BN2

16. LAVORO E PASSIONE

La passione per ciò che ci piace fare determina il nostro modo di servire la vita, e permette alla vita stessa di occuparsi di noi.

Dico spesso ai miei bambini di coltivare le loro passioni fin da ora perché una volta adulti potranno fare di quelle lo strumento usato dalla vita per sostentarli.
Iniziando da piccoli accumuleranno un’esperienza tale da essere competitivi in quell’ambito.
Ci dev’essere il cuore, il coraggio, l’ardore di migliorare, il desiderio di rendere la propria passione un’arte attraverso la quale manifestare il proprio talento.

Ho iniziato scherma, fioretto, a dieci anni, e fino ai venti ero a un buon livello agonistico. Poi ho smesso per molti anni perché mi sono trasferita a Padova per studiare. Quando mio figlio Martino ha avuto otto anni, l’età giusta per iniziare, l’ho iscritto alla Comini di Padova dove insegna Francesca Bortolozzi, campionessa olimpica.

Lei ha qualche anno piú di me per cui da bambina non partecipavamo alle stesse gare, ma la conoscevo di vista. Mi piaceva il suo modo di fare perché esprimeva una grazia particolare unita a un forte spirito guerriero.
Ora mi trovo ad aiutarla in sala con i bambini e amo osservarla mentre insegna. Chiedendo solo ai piccoli di seguire i suoi passi e i suoi movimenti con il fioretto, li introduce in un mondo di tempi e di ritmi che si apprendono attraverso il silenzio.
Il bambino impara a sentire quello che sente lei, la sua passione trasformata in arte, in tecnica sopraffina impregnata di armonia e forza insieme.
E osservare chi ha cura del proprio talento con il desiderio di condividerlo, fa sentire la vita che scorre.

Ognuno di noi dovrebbe aver cura delle proprie passioni perché è attraverso queste che possiamo servire la Vita. E Lei… grande Madre, si occuperà di noi trattandoci come i suoi amati figli.

La paura in relazione ai soldi e al lavoro allontana dalla chiarezza che ci permette di riconoscere le migliori opportunità per noi. Credere e coltivare le proprie abilità con piacere è uno dei nostri doveri che ci porta ricchezza in tutti i sensi.

Con calma e pazienza è necessario restare aperti e in ascolto, così da riuscire a cogliere il momento giusto per portare in azione fruttuosa le nostre abilità e passioni. La vita ci metterà di fronte le occasioni adatte che, grazie alla nostra chiara visione, senza paura, riusciremo a non farci scappare.

31/10/11
16. LAVORO E PASSIONE

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook