L'Abbraccio che Libera

Con questo blog desidero risvegliare la consapevolezza sul potere dell’abbraccio come modalità di difesa nei confronti di se stessi e degli altri. Comprendere come abbracciare teneramente ogni nostra e altrui debolezza, paura, dolore, ogni lato oscuro che vorremmo non avere, ogni evento e situazione difficile, ogni nostro pensiero ed emozione, ci permetterà di realizzare la magia di quella morbidezza necessaria per fluire liberi con la Vita, quella morbidezza indispensabile per riuscire a entrare in quell’eterno presente che è la porta del Regno dei Cieli.

Carlotta Brucco

Carlotta-Brucco-BN2

69. I CINQUE ABBRACCI

Sono lieta di comunicarvi che è uscito ufficialmente il mio libro I Cinque Abbracci – Una pratica moderna ed efficace per essere liberi e felici” edizioni Anima (in versione sia cartacea  sia digitale).

Spero con il cuore possa esservi utile.

Qui di seguito riporto qualche passo dal testo:

“Chiesi all’Infinito Amore un metodo adatto a tutti che potesse racchiudere l’essenza del sacro insegnamento ma che fosse facile da ricordare e applicabile a diversi livelli di consapevolezza. Volevo che contenesse l’unione dell’energia maschile e femminile in modo che fosse completo. Mi serviva quindi un sistema in punti che fosse memorizzabile quasi in modo schematico. Come per preparare un buon piatto di cucina… la ricetta doveva essere precisa. Una ricetta per che cosa? Dovevo comprendere bene quale fosse l’obbiettivo.
Chiesi un metodo che aiutasse ognuno di noi a trasformare tutti gli ostacoli alla manifestazione dell’amore; un metodo che generasse quell’atteggiamento interiore appropriato per saper cogliere e riconoscere il regno dei cieli ora”.

“Io non sapevo amare ma mi piaceva usare ciò che ero e che sapevo fare per vedere le persone sorridere, star meglio. Poi man mano che scoprivo come liberarmi da me, ecco spuntare gocce inaspettate di quella grande forza.
L’amore ha mille sfumature ed è indefinibile, ma è sempre come acqua che disseta e non ti fa mai sentire solo.
Non si amano gli altri: l’amore ti fa sentire che sei una cosa sola con gli altri, così si cammina insieme verso la libertà”.

“Così chiesi al divino se avesse voglia di usarmi ancora attraverso un metodo semplice, diretto e potente. Gli dissi: ‘Siamo nell’epoca dei touch-screen! Tutto è così veloce… cerchiamo di aggiornare anche le tecniche per la libertà eh?’.
Possiamo avere a che fare con la nostra mente come un super smartphone dove le immagini si trasformano, le sensazioni si creano e in un click siamo connessi con il mondo intero. Il tempo e lo spazio sono sempre meno importanti al giorno d’oggi. Non è necessario ritirarsi in grotta per anni, tutto può accadere nell’istante in cui comprendi che è possibile che accada ora, proprio lì dove sei. E il pensiero è uno strumento lento, ci sono mezzi più veloci per risolvere i problemi! Se la libertà è la nostra natura bisogna solo capire come non interferire con la vita, allora la felicità accadrà da sé”.

“I Cinque Abbracci insegnano a riconoscere e a trasformare le Visioni radice per crearne altre in grado di renderci felici e consapevoli della nostra naturale libertà.
La fisica quantistica e i Maestri di saggezza dicono che quando un numero sufficiente di persone saprà Vedere il nuovo mondo, tutti lo sapranno Vedere.
La Rivoluzione che può cambiare veramente il mondo, quindi, è nel nostro Sguardo.
Da questa prospettiva, tutto il nostro lavoro per cambiare quelle Visioni che ci metteranno in grado di saper riconoscere e manifestare una nuova realtà, non sarà solo per il nostro beneficio, ma per quello di tutti.
Ognuno di noi è una goccia di luce importantissima per la manifestazione del regno dei cieli”.

Carlotta Brucco

 

NOTA

Carlotta Brucco vi aspetta sabato 22 febbraio 2014 a Milano presso la Libreria Esoterica alle ore 1730 (conferenza a ingresso gratuito). Maggiori info a questo link.

I Cinque Abbracci Carlotta Brucco

27/01/14
cinqueCB

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook