Navigando nelle infinite possibilità dell'essere

68. DIO, AMORE E FELICITÀ

Tutto è Dio, nulla esiste al di fuori di Colui che È, al di fuori di quella meravigliosa Forza d’Amore che tutto forma.

E allora perché non lo sentiamo? Perché, se tutto è  Dio, noi avvertiamo più facilmente l’assenza di Dio, il vuoto d’Amore piuttosto che la Sua pienezza?

Il problema è che basando la nostra esistenza sull’ego, siamo portati a vivere nella separazione piuttosto che nell’Unità/Dio. Questo ci conduce a riconoscere in continuazione l’io e non Dio. Non si possono infatti servire due padroni!

La nostra attenzione è richiamata dall’io/tu non lasciando spazio per l’Uno/Amore.

Quello che voglio dire è che non è vero che non avvertiamo Dio… piuttosto non lo riconosciamo. È solo un problema di riconoscimento.

Noi vediamo separazione e non Unità/Amore perché siamo stati abituati a riconoscere separazione, siamo stati abituati a seguire le leggi dell’io anziché quelle di Dio. Siamo Amore ma non ne siamo consapevoli e viviamo tutta la vita a cercare disperatamente ciò che ci appartiene da sempre! Che tristezza… siamo dei Re ma crediamo di essere mendicanti.

Per riconoscere e vedere Amore dovremmo volgerci in quella direzione con il cuore aperto, sentendo che Amore è possibile, reale, alla nostra portata di questo momento.

Anche se all’inizio non percepiamo nulla di diverso dal solito, dovremmo ricordarci che è solo un problema di riconoscimento e quindi dovremmo chiamare Amore qualunque sia lo stato del nostro essere.

Le persone felici riconoscono Dio/Amore ovunque. S.Francesco era malatissimo, con dolori atroci eppure ringraziava in continuazione quel Dio che vedeva in tutto. E quanti altri uomini e donne, pur vivendo prove difficilissime, hanno continuato a riconoscere la grazia divina! Se abbiamo la capacità di riconoscere l’Amore ovunque, non importa quale situazione saremo chiamati a vivere: dimoreremo nell’Amore.

Il riconoscimento passa dalla resa, da quell’atteggiamento interiore che toglie il potere all’io e lo ridà a Dio. In fondo l’Amore è il nostro stato naturale e per avvertirlo è necessario cedergli. Se l’io getta la spada e china il capo, l’Amore prende il comando della nostra esistenza.

Il desiderio vero di tutti i nostri cuori è solo questo: arrendersi all’Amore e permettere che Egli prenda in mano la nostra vita e ci conduca a Casa. Non è faticoso, forse è l’unica cosa della nostra vita in cui non occorre sforzo. Ma occorre quella sublime umiltà che rende la resa stessa all’Amore, un atto d’Amore.

Carlotta Brucco

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia un commento con Facebook